Un’intesa per l’Unione (che non penalizzi l’Italia), di Federico Fubini

Forse perché il momento più buio è sempre prima dell’alba, il negoziato sulle regole europee di bilancio oggi sembra entrato in un indecifrabile labirinto. Eppure, almeno in teoria, il tempo sta per scadere: giovedì i ministri finanziari dell’Unione europea si incontrano a Bruxelles per una cena che potrebbe protrarsi tutta la notte; venerdì dovrebbero presentare un accordo che ridisegna l’infrastruttura della seconda moneta di riserva del pianeta. Intanto, fuori dal palazzo nella capitale belga, la zona euro si trascina sull’orlo della recessione, due guerre infuriano ai confini dell’Europa, mentre gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Russia, Taiwan e la stessa Unione europea stanno entrando in campagne elettorali che nei prossimi dodici mesi potrebbero trasformare gli equilibri internazionali. E non a favore di una maggiore stabilità dei rapporti fra grandi potenze. Il contesto dovrebbe consigliare ai governi europei di chiudere in fretta e ragionevolmente la partita del nuovo patto di Stabilità. L’ultimo dei lussi che l’area euro può permettersi oggi è continuare a dilaniarsi sulle regole del condominio, mentre là fuori il mondo è in tempesta.
Eppure ragionevolezza e rapidità non sempre abitano a Bruxelles, specie quando i principali governi si lasciano dominare simultaneamente da due fantasmi: fra loro, sfiducia e sospetti reciproci; dentro casa di alcuni di loro, problemi politici e contraddizioni che si trascinano da anni e si ripercuotono sui rapporti fra Paesi a Bruxelles.

In questa fase il caso più evidente riguarda la Germania. Negli anni di Angela Merkel, il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble aveva architettato un «freno al debito» così rigido e utopico che lo stesso governo di Berlino ha iniziato a ricorrere alla finanza creativa pur di aggirarlo. Oggi la Repubblica federale vanta ben 29 veicoli di bilancio separati dai conti ufficiali pur di non far apparire in bilancio le spese che, inevitabilmente, servono a finanziare gli investimenti. La Corte costituzionale di Karlsruhe ha finito per dichiarare improprio almeno uno di questi «bilanci paralleli», costringendo il governo a far emergere nel deficit 60 miliardi di euro di fondi per la transizione verde.
A questo punto il governo tedesco aveva due strade davanti a sé. Poteva accomodarsi a regole di bilancio più adeguate a una Germania in crisi industriale e a un’epoca di forti spese per la difesa, per l’ambiente, per la tecnologia o per l’Ucraina. Oppure poteva irrigidirsi nell’idea di ricostruire il proprio profilo quale modello di probità nella finanza pubblica. Di fronte al bivio, il cancelliere socialdemocratico Olaf Scholz ha deciso di non scegliere, per non destabilizzare la sua già fragile coalizione con i Verdi e i Liberaldemocratici. Christian Lindner, ministro delle Finanze e leader del Liberaldemocratici, per motivi di politica interna ha imboccato invece la via della rigidità: crollato al 5% nei sondaggi, il suo partito rischia di uscire dal parlamento alle prossime elezioni e ha bisogno di recuperare il voto dei tedeschi più conservatori.
Queste vicende tedesche adesso stanno generando i loro effetti a cascata, a Bruxelles e sull’Italia. Con l’avvicinarsi delle scadenze per un accordo sul nuovo patto di Stabilità, Lindner infatti aggiunge sempre nuove esigenze. Prima ha chiesto una riduzione misurabile del debito pubblico di almeno un certo livello ogni anno per tutti; e gli è stata accordata. Poi ha chiesto lo stesso sul deficit; e anche quello gli è stato accordato. Quindi ha chiesto che i Paesi con il debito superiore al 90% del prodotto lordo siano obbligati a una riduzione più impegnativa del debito, dell’1,5% del Pil all’anno (mentre per gli altri il calo dovuto sarebbe solo dell’1%); neanche questa idea incontra per ora resistenze. Infine Lindner sta cercando di introdurre un ulteriore trattamento differenziale, che costringerebbe i Paesi dal debito più alto a ridurre di più anche il deficit di bilancio: fino all’1% del Pil, invece dell’1,5% che varrebbe per tutti gli altri.
Così, la visione tedesca prevede due o tre classi distinte di Paesi ai quali si applicano norme diverse. Con l’Italia in terza classe. Lindner in questo sta alzando il prezzo ogni settimana di più. Ed era ovvio dall’inizio che Italia o Francia devono comunque fare di più per risanare il debito e il deficit. Ma ormai le nuove regole europee rischiano di diventare un’architettura scalena: alla base c’è un disegno razionale proposto dalla Commissione per una seria e fluida programmazione dell’economia nel medio periodo; su di essa, si aggiunge ora una sovrastruttura che mira a regolare i dettagli minuti del comportamento dei singoli governi, in modo da legar loro le mani ad ogni passaggio. Farlo in modo differenziato per i vari Paesi — ammesso che abbia una logica finanziaria — non può che produrre frutti politicamente avvelenati.
Questa sovrastruttura è frutto della sfiducia di pochi governi — Germania, Austria, Finlandia, Sveziasoprattutto verso noi italiani. Per questo continuare a rilanciare miti sovranisti e slogan gratuiti contro l’Unione europea, come sta facendo Matteo Salvini, non può che complicare una partita già difficile. Nel sentire il vicepremier leghista, altri governi saranno tentati di stringere ancora di più le viti sull’Italia. Alla fine, un compromesso sulle regole raggiunto entro venerdì resta plausibile: basta non arrivarci essendoci legati da soli mani e piedi.
https://www.corriere.it/editoriali/23_dicembre_04/intesa-l-unioneche-non-penalizzi-l-italia-8ac6522c-92df-11ee-b4ce-f7c294a6ba9a.shtml?refresh_ce

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine