Perché il potere non sopporta Papa Francesco, di Riccardo Cristiano

Come tutte le storie umane anche la storia della Chiesa cattolica è una storia di scelte giuste o sbagliate. Sono emerse nel corso del tempo sfide e necessità davanti alle quali è stata compiuta di volta in volta una scelta. C’è però una storia, quella evangelica, che consente di orientarsi davanti alla ricerca di una tradizione da seguire, scegliere come bussola.
La scelta compiuta da Gregorio VII e da Innocenzo III di creare un imperatore più potente di tutti gli imperatori, al quale si baciava la pantofola, o quella di inventarsi una donazione costantiniana per legittimare il potere temporale del vescovo di Roma-re, come quella di dichiarare infallibile il capo della Chiesa cattolica, sono tutte pagine “romane” che seguono l’impianto del clericalismo, del potere e quindi di un ordine di potere tra i poteri, di nobiltà nell’epoca della nobiltà, di potere borghese al tempo successivo. Insomma: dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio ha significato rendere il secondo vassallo del primo dopo aver fatto emergere il secondo come il vero interlocutore e garante dell’altro. Ma il brano evangelico ha reso vieppiù evidente che il suo senso è tutt’altro: quella “e” è una “e” disgiuntiva, crea un contropotere, non per un potere terreno per ogni potere terreno.
I tentativi borghesi di comprendere il potere ecclesiale nel proprio ordine hanno evidentemente cozzato con il connotato apostolico della Chiesa di Cristo: poveri pescatori, non agiati figli della nomenklatura. La richiesta al giovane ricco di lasciare tutti i suoi beni per seguire Gesù non viene accolta: andrà in paradiso lo stesso, ma non entrerà nell’ordine apostolico. I pescatori invece lasciano le loro reti, non c’è un ordine “descamisado”, ma un ordine nuovo, contrario all’ordine dato dunque. Una spinta che non può acquartierarsi, mai.
L’assuefazione borghese ha inserito, garantito alla Chiesa uno spazio sulla tolda di comando, ma la spinta evangelica è scemata, fino a mostrare la crisi. Chiese vuote, seminari vuoti, conventio ad excludendum  incomprensibile. Se l’ordine è già dato che bisogno c’è più di un altro potere? Solo per confermarlo?
La mancanza di un’utopia non è stata possibile per tutta la Chiesa. Il bacio della pantofola papale non interessava la Chiesa di San Francesco e di tutto il filo non romano che con quel simbolo si è manifestato nel tempo. L’altra Chiesa, quella che non legittima un ordine, nobiliare o borghese purché potere costituito, ma un ordine altro, ha vissuto accanto all’altra nel cuore e nella realtà degli uomini, fino a prorompere al Vaticano II.
Ora una borghesia in evidente affanno anche culturale (certi suoi araldi lo dimostrano), dopo aver svuotato le chiese europee di senso evangelico, cerca di reagire all’opzione preferenziale per i poveri , per le donne, per i discriminati, i dimenticati, all’opzione per il pluralismo religioso che poi è pluralismo tout court. Non sopporta questa ritorno al Vangelo, umano e quindi imperfetto, ma capace di ridare un senso alla Chiesa, utopia universale, non borghese.
Per tornare a parlare a un’Europa che l’ imborghesimento ha scristianizzato ci vorrà tempo. Basti dire che questa borghesia voleva che per lei e i suoi calcoli di bottega la Chiesa rinunciasse al piccolo spazio cinese che ha aperto. Il potere è cosi… Ma la tentazione di riprendere il cammino della Chiesa bastone della vecchiaia di Cesare è sotto i nostri occhi, in tutta la sua disperante povertà spirituale. Potrà fare in modo che Chiesa tornerà a legittimarlo? Un Papa con scarpe rosse e limousine è pensabile oggi? 

Perché il potere non sopporta Papa Francesco

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine