Tu sei qui: Home / In Parola / A scuola di misericordia, di Rocco D'Ambrosio

A scuola di misericordia, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/03/2016 20:38
Un po’ di onestà ci porterà ad ammettere che pretendere che Dio la pensi al nostro modo, pretendere di togliergli la libertà di perdonare all’infinito, è una delle più grande idiozie della storia...

Il Vangelo odierno: In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”»
(Lc 15, 1-32).

6 marzo 2016. Capire la misericordia di Dio non è assolutamente facile. La parabola - cosiddetta - del Figliol Prodigo ci aiuta molto, anche per questo dovrebbe essere chiamata parabola del Padre Misericordioso. La misericordia che il padre vive verso il figlio ha pensieri, emozioni, attese, gesti e premure che dovremmo imparare a memoria - si, imparare a memoria l’intero racconto! - e ripeterlo, con calma e attenzione, tutte le volte che vogliamo gustare nuovamente la misericordia del Padre. Ovvero quando ci chiedono, o ci ci chiediamo nel segreto di noi stessi, cosa sia la misericordia del Padre, dovremmo iniziare dicendo: “Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre…”. I racconti fanno bene all’anima, quanto al fisico. E nei racconti di Dio c’è pace e serenità in abbondanza.

Ma torniamo alla misericordia, difficile da capire. E qui il nostro sguardo e il nostro pensiero deve andare al figlio maggiore. Lui non capisce il perdono del padre; lui si indigna; lui si rifiuta di entrare; lui esprime la sua rabbia duramente: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Cosa lo muove? Invidia? Gelosia? Ottusità? Superbia? Rigidità? Forse un po’ di tutto, messo insieme; anche se penso che invidia e superbia siano i fattori maggiori.

Penso al figlio maggiore come a un super cattolico - vescovo, prete o laico che sia, non importa - molto soddisfatto della posizione raggiunta, sicuro di quello che pensa, tanto da credere che Dio è in perfetta linea con i suoi pensieri, più incline a condannare che a perdonare. Non penso solo agli altri, ma penso anche a me stesso quando sono così. Un po’ di autoironia ci dovrebbe far ammettere quanto siamo ridicoli quando vestiamo questi panni. Ma se non riusciamo a ridere di noi stessi, almeno un po’ di onestà ci porterà ad ammettere che pretendere che Dio la pensi al nostro modo, pretendere di togliergli la libertà di perdonare all’infinito, è una delle più grande idiozie della storia. “Dio è Dio”, diceva Karl Barth. Noi siamo niente, e se qualcuno pensa di poter dare lezione a Dio… si faccia curare! Le cure, a seconda dei casi, sono: terapia psicologica, aiuti fraterni e amicali, conversione interiore, guida di un maestro e cosi via. Anche il padre della parabola vuole curare il figlio maggiore; infatti cerca di aprire il suo cuore e la sua mente: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”.

Non dovremmo smettere mai di andare a scuola, chiedendo a Dio di insegnarci la misericordia. E’ uno dei modi piè efficaci per non montarci la testa. E’ uno dei modi più salutari per seguire il Signore autenticamente. E’ uno  dei modi più belli per gustare quanto, mentre tutto passa, solo l’amore resta. Diceva Francesco d’Assisi: “Saprò che tu ami il Signore e mi ami, io tuo servitore e suo, quando verrà a te un fratello che ha peccato più di quello che uno avrebbe potuto peccare, e non sarà andato via da te senza uno sguardo di misericordia”.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.