Tutte le potenze del mondo corteggiano l’Africa, di Pierre Haski

La settimana scorsa il ministro degli esteri cinese Wang Yi ha dedicato all’Africa il suo primo viaggio dell’anno, come succede regolarmente da tre decenni. È con questa costanza e gli enormi investimenti che la Cina è diventata il primo partner del continente.
Questa settimana è il turno del segretario di stato di Washington, Antony Blinken. Nel suo giro del continente ha fatto almeno una tappa in comune con il suo omologo cinese: Abidjan, in Costa d’Avorio. Non è un caso. Gli Stati Uniti, infatti, hanno ridato slancio alla diplomazia e alla cooperazione con l’Africa dopo anni di negligenza che hanno favorito l’ascesa di Pechino.
Il 24 gennaio il presidente del Ciad Mahamat Idriss Déby – con indosso un boubou bianco, un abito tradizionale – era a Mosca, al fianco del presidente russo Vladimir Putin. Un incontro significativo: in Ciad, dove si trovano delle truppe francesi, il presidente Emmanuel Macron aveva partecipato ai funerali del padre di Déby, ucciso in combattimento nel 2021, appoggiando una successione ereditaria discutibile. La visita in Russia può dunque sembrare sorprendente, soprattutto considerando che alle Nazioni Unite il Ciad aveva condannato l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.
È sbagliato vedere in ogni contatto o visita un segnale di allineamento, anche se a volte – com’è successo in Sahel – è proprio quello il caso. Resta il fatto che l’Africa, come ha sottolineato su France24 Antoine Glaser, esperto del continente, “ha il mondo intero nella sua sala d’attesa”.
Russi, cinesi, statunitensi, europei ma anche indiani, turchi, iraniani, brasiliani, coreani e giapponesi. Tutte le potenze, grandi e medie, corteggiano l’Africa alla ricerca d’influenza, nuovi mercati o minerali rari. I motivi sono molti, ma il continente africano, malgrado i suoi immensi problemi di sviluppo, le sue guerre e i suoi generali golpisti, è ormai imprescindibile.
Questa tendenza precede lo scoppio della guerra in Ucraina, ma è da allora che si è manifestata chiaramente l’emancipazione dei paesi africani rispetto alle alleanze tradizionali, una tendenza oggi sempre più netta. Il ruolo senza precedenti del Sudafrica nella denuncia di Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia è l’ennesimo segno di questa nuova realtà.
La Francia, un tempo superpotenza in Africa, oggi paga il prezzo di non aver capito in tempo questa aspirazione verso il multiallineamento, concetto attualmente preferito al non allineamento del passato.
La Francia è emarginata perché ha continuato a comportarsi da tutrice di un’Africa da cui le sue aziende si erano allontanate da tempo e in cui la sua presenza più visibile era quella militare. Quell’epoca è finita dopo la cacciata delle truppe francesi dal Sahel.
Parigi non ha ancora ricostruito il suo rapporto con l’Africa francofona, ma ha dei vantaggi, come quelli rappresentati dalla diaspora africana che vive in Francia, la cultura e la lingua. La partita è ancora aperta, a condizione di evitare le rivalità tra potenze (che esistono in Africa come altrove) e il complesso da ex colonizzatore convinto che tutto gli sia dovuto. Ormai l’influenza va guadagnata, e la Francia, su questo piano, ha ancora molto da dimostrare.

www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2024/01/25/africa-alleanze-influenze

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine