Le ipocrisie sul clima svelate dal Papa, di Alberto Bobbio

Si chiama «ethics washing» ed è andata in scena tutta la sua potenza mediatica sul palco scintillante di Cop28 a Dubai. È una pratica maldestra come tutte le autoassoluzioni preventive. Ci sono interessi da difendere e così le promesse da mantenere passano via. «Ethics washing», ma senza ammetterlo, anzi ingannando. È esattamente quello che Papa Francesco, nel discorso letto a Dubai dal Segretario di Stato vaticano il card. Pietro Parolin, ha chiesto ieri di non fare. Certamente la sua presenza avrebbe avuto un valore simbolico molto forte, ma è stato fermato dall’infiammazione polmonare. Tuttavia l’appello ad una nuova politica finalmente decisa a governare il cambiamento climatico dentro le ampie e drammatiche crisi che si porta dietro, è risuonato perfettamente sul green carpet di Dubai. Sarà ascoltato? Temiamo di no, come è già accaduto per ventisette volte.
Ma fino a ieri di fronte ai fallimenti si potevano accusare i Paesi più ricchi di «green washing», cioè di ecologismo di facciata con altisonanti promesse di soldi per fare poi pochissimo, operazioni sfrontate e suggestive di retorica verde. Da ora in poi l’imputazione cambia, perché lavarsi la coscienza è ben più grave che spazzare il cortile di casa. Francesco ha sperato fino all’ultimo che la politica potesse mostrare a Dubai la sua «nobiltà» e non la sua «vergogna». Ieri ha chiesto di guardare più lontano, forse troppo lontano, per capire gli intrecci tra disastri del clima e disastri delle guerre e le ricadute per la terra e chi l’abita. Ha chiesto di mettere i soldi pubblici e privati delle armi in un fondo globale per la lotta alla fame. La Chiesa lo domanda dalla «Populorum progressio» di Paolo VI, 1967, centinaia di guerre fa. Invece la finanza i soldi per le armi li trova sempre, per cibo e salute mai. L’anno scorso gli Stati africani hanno speso 36,3 miliardi di dollari in armamenti, spesa militare per lo più indotta da Paesi stranieri. Il «Piano Mattei» del governo italiano per l’Africa vale 600 milioni e i primi duecento saranno presi dal fondo green. Una beffa.
Solo Re Abdullah di Giordania a Dubai ha ammesso che «la devastazione della guerra amplifica quella del clima». Gli altri leader hanno osservato un silenzio assordante. Ma l’operazione di «ethics washing» non si è fermata. Così vai con il fondo «loss and damage» per risarcire dai disastri climatici i Paesi più fragili, 30 anni per averlo e un pugno di dollari gestiti dalla Banca Mondiale per non cambiare le politiche avide e predatorie dei donatori. L’Italia si è autoappuntata al petto la medaglia di prima della classe con 100 milioni di dollari donati. Ma la Svizzera ne ha messi 150 e ha solo 9 milioni e mezzo di abitanti contro i nostri 55. Eppure il Papa ieri ha detto che i ricchi devono ripagare il debito ecologico contratto con i Paesi più poveri.
Poi c’è l’energia rinnovabile e fossile. Bergoglio ha chiesto di metter da parte gradualmente la seconda. La Conferenza (forse) deciderà un aumento della prima. Ma il punto non sono le quantità assolute, ma le quote di sostituzione della seconda con la prima. E qui nulla cambierà, perché il mondo dovrebbe modificare stile di vita, cioè consumare meno, circostanza che solo la politica può programmare. Invece la politica alza bandiera bianca e non ha alcuna intenzione di invertire il rapporto attuale con l’economia. Giorgia Meloni ha interpretato benissimo il pensiero di tutti con la «neutralità tecnologica» sulla transizione che è un po’ il principio di Pilato, «ethics washing» di nuovo, mentre l’Italia firmava lettere di aggiudicazione per i giacimenti di gas al largo di Abu Dhabi. L’incursione corsara di Bergoglio a Dubai non è affatto piaciuta.

https://www.ecodibergamo.it/stories/premium/Editoriale/le-ipocrisie-sul-clima-svelate-dal-papa-o_1857272_11/

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine