La “lunga durata” del maschilismo, di Anita Prati

Coniato dallo storico francese Fernand Braudel, il termine longue durée rappresenta una delle più significative acquisizioni della riflessione storiografica del Novecento.
La lunga durata
Per Braudel, la storia può essere pensata come una vasta distesa d’acqua attraversata da correnti che scorrono a livelli e velocità diverse: l’increspatura di superficie rappresenta i mutamenti che si avvicendano repentini secondo il breve respiro della limitatezza temporale propria dell’esistenza umana; più in basso vi sono le fluttuazioni cicliche, che caratterizzano in particolar modo i fenomeni dell’economia; scendendo ancor più in profondità si trovano correnti che agiscono secondo archi temporali dilatati in misure secolari o millenarie addirittura.
Se le narrazioni della storiografia tradizionale, imperniate sugli avvenimenti di carattere politico e militare, si presentavano con un carattere cronachistico, la nascita della storiografia economica e sociale ha dirottato l’attenzione sulle fluttuazioni cicliche che oscillano a un livello più profondo rispetto agli événements.
Ma, rilevava Braudel, poiché al di sotto degli accadimenti della storia evenemenziale e della storia ciclica scorre il tempo rallentato, al limite dell’immobilità, della longue durée, impostare la spiegazione dei fenomeni storici solo sullo sfondo del tempo breve impedisce di coglierne e comprenderne fino in fondo la complessità.
Secondo lo storico francese, la storia può essere pensata nella sua totalità solo alla luce della lunga durata, perché la lunga durata, con il suo respiro secolare, è, della storia, l’imprescindibile struttura portante.

Violenza sulle donne

Il rischio è ridurla ad enumerazione spiccia o resoconto di fatti di cronaca, oppure circoscriverla entro il perimetro, per quanto ampio comunque limitato, dell’analisi delle dinamiche psicologiche, affettive, familiari, educative e sociali che agiscono nei singoli casi di violenza.
Ma c’è dell’altro, molto più in profondità. Per scoprirlo è necessario scendere giù, giù, fino alle falde di storia lenta, semi-immobile, che condizionano e dominano i nostri comportamenti e i nostri schemi mentali; giù, fino alla struttura profonda generatrice della violenza di genere.
Violenza di genere, l’inconfessato peccato originale
Attraverso i loro miti di fondazione, le civiltà ebraica, greca e romana si sono interrogate sul perché della presenza del male nel mondo e nella storia. Mentre sono nei campi, Caino alza la mano contro il fratello Abele e lo uccide; Eteocle e Polinice consumano il loro odio fratricida ammazzandosi l’un l’altro davanti alla settima porta di Tebe; Remo scavalca il solco tracciato da Romolo per delimitare i confini della città e il fratello, irato, lo colpisce a morte.
Il potere terribile della colpa primigenia del fratricidio grava sulle origini. La violenza perpetrata da una mano maschile contro un altro maschio, fratello, figlio della stessa umanità, è una violenza che rimorde la coscienza del singolo e della comunità. Ogni volta che una guerra si affaccia alla storia, riaffiora, talvolta sottile, talvolta dirompente, un’accusa o un’autoaccusa: uccidere un uomo è uccidere mio fratello. La mano che ha dato la morte al fratello diventa pungolo, assillo che angoscia e tormenta.
Non così per la violenza contro le donne. Presente in tutti i racconti di fondazione, la violenza di genere è riassorbita, innominata, nella narrazione; nascosta in modo subdolo tra le pieghe del racconto, viene normalizzata e presentata come logica e ineluttabile conseguenza della indiscussa e indiscutibile superiorità maschile.
La catena della violenza sulle donne si dipana attraverso i secoli e le culture, come un dato che non fa problema e che non chiede di essere tematizzato: il corpo e la libertà delle donne sono per i maschi terra di conquista, dominio, sfruttamento, sono strumento, oggetto, e conferma di potere. Così è la vita, così è la storia.
Nel mondo greco è la guerra il teatro principale della violenza di genere: le donne del mito – Criseide, Polissena, Ifigenia, le donne di Troia – e le donne dei racconti degli storici sono sempre parte del bottino dei vincitori o vittime da immolare per supplicare o celebrare la vittoria.
Nel mondo romano lo stupro delle Sabine, integrato nel mito urbigonico, si fa archetipo che legittima la violenza di genere in quanto necessaria alla nascita della città. E mentre iI sangue di Remo versato da Romolo diventa sacer nepotibus cruor, sangue maledetto per i discendenti, della violenza usata contro le donne non ci si dà mai pena alcuna.
Abramo baratta la propria libertà e la propria sopravvivenza, in terra d’Egitto prima e in Gerar poi, cedendo al maschio potente di turno il corpo di SaraDi’ che sei mia sorella…»). Dina, l’unica figlia di Giacobbe ricordata e nominata dal narratore biblico, è vittima di uno stupro che i suoi fratelli vendicano stuprando a loro volta donne destinate ad un desolante anonimato collettivo.
E poi, Giudici 19, disgustosa storia di maschi che per salvaguardare sé stessi non esitano a farsi scudo di un corpo femminile: «“Ecco mia figlia che è vergine, io ve la condurrò fuori, abusatene e fatele quello che vi pare”. (…) Allora il levita afferrò la sua concubina e la portò fuori da loro. Essi la presero e abusarono di lei tutta la notte fino al mattino; la lasciarono andare allo spuntar dell’alba».
La colpa di Caino rimane, il fantasma di Abele inquieta le coscienze. Il levita, invece, può continuare imperterrito nei secoli a fare a pezzi la sua concubina.
Donna vita libertà
Voglio pensare che qualcosa stia cambiando. Perché oggi la violenza di genere viene nominata e fa problema e l’uccisione di una donna in quanto donna non è più un indistinto generico, ma si chiama femminicidio.
Perché, oggi, l’idea di maschio superiore è in crisi, in piena crisi, e tante ragazze e tanti ragazzi si stanno facendo carico di spaccare, in modo irreversibile, la struttura della lunga durata del maschilismo.
Perché, dopo poco più di due secoli di storia, i pensieri sviluppati dalle riflessioni femministe stanno scardinando alle fondamenta il sistema patriarcale.
«La lunga durata è un personaggio ingombrante», scriveva Braudel. Come il fato per gli antichi. «I nostri schemi mentali», scriveva, «sono prigioni di lunga durata».
Forse l’onda lunga del patriarcato sta arrivando alla fine. Vorrei poter pensare che quelli che stiamo vivendo siano gli ultimi sussulti di un’onda millenaria che ha segnato la storia con la sua idea di un potere che è tale solo in quanto logora chi non ce l’ha.
I femminismi ci educano a pensare che il potere è davvero tale, solo se declinato «insieme e per», non «contro e sopra». Nella tristezza dolorosa di questo che ci appare come un lungo inverno, mi sembra di poter sentire come un fermento di primavera evangelica.
http://www.settimananews.it/societa/la-lunga-durata-del-maschilismo/

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine