Il silenzio e l’esempio contro lo strepitare della disinformazione, di Mauro Bonazzi

Nel Fedro di Platone, Socrate si paragona a Tifone, un mostro dalle cento teste che parlano lingue diverse. L’immagine è strana solo in apparenza, a pensarci bene. Descrive noi contemporanei, bombardati da informazioni, notizie, discorsi, senza più filtri capaci di mettere ordine a questa massa di «voci» discordanti. Crediamo di vivere nell’epoca dell’informazione, ma finiamo per brancolare nell’ignoranza, incapaci di riconoscere le parole autentiche.
Era un problema già al tempo di Platone, figuriamoci oggi nell’età dell’intelligenza artificiale e delle fake news, in cui tutti sostengono tutto e i fatti diventano sfuggenti. E non si tratta peraltro di ignoranza soltanto. Queste «voci» influenzano il modo in cui noi vediamo la realtà, le priorità delle nostre scelte, il sistema di valori su cui fondiamo le nostre vite. Ci costruiscono.
Come orientarsi in tanta confusione? Platone, che aveva individuato il problema, sapeva anche di non poterlo risolvere. Dove tutti parlano, urlano, proclamano le proprie verità con sicumera incrollabile (perché sono sempre gli altri che sbagliano), cosa si può fare? Ha senso proclamare la nostra verità? Non molto. Aggiungeremmo un’altra voce alle mille che già rintronano nelle orecchie, nostre e degli altri. E perché dovremmo credere a questa voce e non alle altre? Forse davvero non si può fare nulla. E allora rimane solo un’alternativa radicale: l’unica è sforzarsi di tacere, tenersi fuori dalla baraonda, evitare per quanto possibile di aumentare il rumore di fondo. Tutto qui?
In effetti, non sembra una soluzione molto convincente per chi è animato dalle migliori intenzioni e vorrebbe davvero contribuire a migliorare una situazione sempre più in bilico. Ma si tratta anche di intendersi su cosa questo silenzio implichi. Di certo non può essere il disinteresse di chi si chiama fuori, perché siamo tutti imbarcati, come diceva Pascal, e non possiamo certo illuderci di poter fare parte a noi stessi. Forse il silenzio è quello di chi prova a seguire altre strade, cercando di mostrare alternative possibili con il suo comportamento pratico.
Come quei saggi che continuano imperterriti a concentrarsi sui loro piccoli gesti mentre intorno tutti sono scalmanati, e piano piano riescono a calmare anche gli animi più esagitati. Non è facile, anzi è veramente difficile. Ma non è impossibile e ci aiuterebbe a rivelare l’inconsistenza di un altro dei problemi che affliggono il nostro mondo — il mondo delle emergenze continue, per cui bisogna sempre agire, prendere posizione, schierarsi. Urlare perché non c’è più tempo. Davvero? E se anche fosse, cosa si risolverebbe urlando e chiamando alle armi? Viviamo in un’epoca di grandi passioni, quasi mai positive. Prima o poi si tratterà di tirare un bel respiro, darsi una calmata e iniziare a ragionare. Speriamo che quel tempo arrivi presto.

www.corriere.it/opinioni/24_gennaio_16/silenzio-l-esempio-contro-strepitare-disinformazione-fcaae682-b490-11ee-b070-5f748958d222.shtml?refresh_ce

 

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine