Il cardinale Gambetti a Confindustria: le imprese facciano atti di misericordia, di Alessandro Guarasci

Il capitalismo, anche quello che ricerca il profitto, può avere un volto umano. Il cardinale Mauro Gambetti, arciprete della Basilica di San Pietro, afferma che “abbiamo sempre più bisogno di aziende che vivano la loro missione al servizio della persona. I rischi sono quelli noti: la spersonalizzazione nei processi aziendali, imprese complesse che sono sempre meno governate dall’uomo ma da tecnologia, intelligenza artificiale, digitalizzazione…”. Fondamentali in questo discorso sono i giovani, perché “cercano e valorizzano un modello di business diverso dal profitto economico”. Il porporato ha parlato nella sede della Confindustria a Roma, nel corso della conferenza “Chiesa e cultura d’impresa nel magistero di Papa Francesco”, organizzata dall’Ente nazionale per il Microcredito.

L’impresa generi valori umani
Dunque, serve promuovere valori, che abbiano al loro centro il rispetto della persona umana. La vocazione dell’imprenditore è considerata una sorta di “atto creatore”, che promuove la dignità delle persone legate all’azienda, concorre al bene comune ed è in qualche modo partecipazione alla creazione di Dio. Il cardinale fa notare che “nel pensiero della Chiesa e del Papa, attraverso il lavoro che dà dignità all’uomo, è possibile superare la miseria. Per questo il compito dell’impresa è generare valore ed essere alternativa all’assistenzialismo”.

Buona economia con buoni impreditori
Davanti a Confindustria, il cardinale ricorda che nel 2012 all’Uniapac il Papa disse: “Tutte le attività umane, anche quella imprenditoriale, possono essere un esercizio di misericordia, che è partecipazione all’amore di Dio per gli uomini”. Poi al mondo del lavoro a Genova nel 2017: “L’imprenditore è una figura fondamentale in ogni buona economia: non esiste una buona economia senza buoni imprenditori, senza la vostra capacità di creare prodotti e creare posti di lavoro”. Per il porporato, quindi, “gli imprenditori autentici sperimentano la mistica dell’amore, un amore per l’impresa e che si traduce in rispetto dei diritti dei lavoratori”.

No a un’impresa che ricerca solo il profitto
Il cardinale però ricorda anche i risvolti controversi del Capitalismo. Gambetti fa notare che “il Papa non nasconde la propria apprensione e le proprie critiche rispetto alla cultura d’impresa che ricerca il profitto come suo unico obiettivo, fino a diventare in qualche caso una struttura idolatra e una forma di culto”. È per questo che per Francesco ‘il principio della massimizzazione del profitto, che tende ad isolarsi da qualsiasi altra considerazione, è una distorsione concettuale dell’economia’. Dunque, “uno sviluppo tecnologico ed economico che non innalza la qualità della vita e va nella direzione opposta al miglioramento della situazione ambientale mondiale non può essere considerato progresso”.

L’imprenditore sia un Buon Pastore
E qui si inserisce il discorso sulla transizione ecologica valida ancor di più dopo la Cop28. Ecco che “occorre che le aziende facciano un uso misurato delle energie tradizionali e optino per percorsi meno inquinanti. Per fare questo, la responsabilità deve essere condivisa dalla politica e dall’economia, ma anche dai consumatori che sono chiamati ad essere gli artefici del cambiamento del comportamento delle aziende”. E’ quindi necessario che l’imprenditore si comporti come un Buon Pastore e non come uno speculatore che mira solo al profitto concependo “un’azienda senza volti”.

Sì alla proprietà privata ma non in modo assoluto
Francesco quindi chiede di promuovere un’esperienza di fraternità e di solidarietà nelle aziende. “Esse – dice il cardinale Gambetti a Confindustria – devono avere al centro la vita del lavoratore: i sogni, i bisogni, le speranze e le fatiche. Il lavoratore va retribuito secondo giustizia, ascoltato e incentivato nella sua responsabilità e creatività per generare altro lavoro”, perché le indagini dicono che solo il 4% dei lavoratori in Italia è motivato da un ideale nell’andare al lavoro. Ne consegue che “il diritto di proprietà va promosso ma non è assoluto, i beni sono in uso. Le tasse e le imposte sono considerate da Francesco una forma elevata di condivisione della ricchezza, perché i soldi diventano in tal modo beni pubblici”. Concetti che stanno alla base di una società equa, in cui tutti hanno il giusto, perché “il patto fiscale è il cuore del patto sociale”.

www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2023-12/gambetti-confindustria-imprese-esercizio-mericordia.html

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine