Europa in cerca di un ruolo nel mondo futuro, di Sergio Fabbrini

Con la fine della Guerra Fredda, avevamo pensato (in Europa) che le guerre fossero finite. O, comunque, che avessero cambiato natura, risultando dal fallimento di uno Stato (come nel caso delle guerre jugoslave esplose nel 1990) piuttosto che da uno scontro tra Stati. Potevamo così dormire sonni tranquilli, limitandoci ad aiutare gli stati deboli a non fallire. L’invasione russa dell’Ucraina e l’aggressione terroristica ad Israele ci hanno svegliato bruscamente. Non solamente sono ritornate le guerre tra gli Stati, ma i loro effetti si sono dimostrati globali. Il dopo-Guerra Fredda è finito, ma come sarà il mondo che seguirà? Per ora sappiamo che si sta affermando un pericoloso disordine internazionale. Jamie Dimon, Ceo di JP Morgan, ha detto al Guardian del 14 ottobre scorso che «stiamo attraversando il periodo più pericoloso che il mondo abbia mai conosciuto negli ultimi decenni».
Il recente incontro, a San Francisco, tra il presidente americano Joe Biden e il suo omologo cinese Xi Jinping ha rappresentato un tentativo per contenere quei pericoli (visto che si tratta dei leader delle due superpotenze). L’incontro ha consentito di riaprire i canali di comunicazione tra i vertici militari (che erano stati interrotti da più di un anno), di scambiare qualche gesto simbolico di amicizia diplomatica, ma non di più. La guerra economica tra America e Cina continuerà a proseguire, con le sue ripercussioni di sfida militare. L’America sta affrontando la sfida rafforzando la sua economia interna (in particolare la sua autosufficienza nelle tecnologie più avanzate e collegate alla sicurezza militare) ed estendendo le sue alleanze esterne. Ha scritto Jake Sullivan (il consigliere per la sicurezza nazionale) in Foreign Affairs del 24 ottobre scorso, la forza dell’America «è nella sua capacità di creare alleanze». La presidenza Biden ha così costruito una rete di alleanze in Asia, in Africa e in Medio Oriente per contrastare la Cina.

Quest’ultima, però, non se ne sta con le mani in mano. Usa le guerre in Ucraina e a Gaza per distogliere l’attenzione dalle sue strategie neocoloniali (soprattutto verso Taiwan). Usa quelle guerre anche per approfondire il solco tra l’America e il cosiddetto “sud globale”, presentando la posizione pro-israeliana della presidenza Biden come una dimostrazione del suo “double standard” (l’America denuncia il massacro di civili ucraini da parte della Russia ma non fa altrettanto nel caso dei civili palestinesi massacrati da Israele). La leadership cinese non può costruire una coalizione di Stati in funzione antiamericana (non dispone del “soft power” né è facile per i nazionalisti allearsi), ma può de-costruire le alleanze che l’America cerca di promuovere. L’America non riesce a dominare, ma la Cina non può prendere il suo posto. Di qui, il disordine internazionale.
In tale conflitto tra le due superpotenze, Xi ha un vantaggio (autoritario) su Biden. Dispone del pieno controllo della politica interna del proprio Paese, oltre che del sostegno esterno di una potenza militare come la Russia. Biden, invece, opera in una democrazia che, non solamente previene la verticalizzazione del potere (per fortuna), ma è caratterizzata da una crescente polarizzazione tra i due maggiori partiti oltre che al loro interno (la Camera dei rappresentanti, dominata dai repubblicani, ha impiegato tre settimane per nominare un nuovo Speaker in sostituzione del precedente Speaker sfiduciato dagli stessi repubblicani). Inoltre, divisa è anche l’opinione pubblica del Paese sulla posizione da tenere nelle due guerre.

Come se non bastasse, anche il principale alleato politico dell’America, l’Unione europea (Ue), continua ad essere diviso al proprio interno. Certamente, le divisioni tra le leadership europee non sono diverse da quelle che attraversano le leadership americane. La contrapposizione tra la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, radicalmente pro-israeliana, e l’Alto rappresentante per la politica estera Josep Borrell, altrettanto radicalmente pro-palestinese, non è diversa da quella che attraversa i membri democratici del Congresso, oltre che la stessa presidenza (con centinaia di funzionari del Dipartimento di Stato che hanno preso pubblicamente posizione contro la linea pro-israeliana del presidente). Le stesse incertezze delle opinioni pubbliche europee verso le due guerre non sono diverse da quelle che attraversano gli americani.

C’è una differenza, però. Agli europei manca il sistema istituzionale attraverso cui fare emergere la posizione legittimata a rappresentarli collettivamente, oltre che le risorse per realizzarla. Il timone ce l’hanno i leader dei governi nazionali che seguono le loro distinte agende con l’inevitabile frammentazione delle risorse militari disponibili. In particolare, i leader dei principali Paesi dell’Ue sono incapaci di liberarsi dalle rispettive egolatrie per sostituirle con un sistema decisionale che consenta di promuovere una visione europea. L’Ue continua a non avere una politica estera e di sicurezza comune che possa compensare, invece che accentuare, la debolezza americana.
Insomma, dopo le due guerre in corso, difficilmente il mondo sarà come prima, mentre come prima continuano ad essere le democrazie. L’America è polarizzata tra e nei partiti, polarizzazione destinata a radicalizzarsi con le elezioni dell’anno prossimo. L’Ue è paralizzata dal suo sistema politico, paralisi destinata ad accentuarsi con i nuovi allargamenti degli anni prossimi. Più le democrazie sono divise e paralizzate, più gli autoritarismi si rafforzano. È questo il mondo che vogliamo?
https://www.ilsole24ore.com/art/europa-cerca-un-ruolo-mondo-futuro-AFuIyxgB

PRESENTANDOCI

Cercasi un fine è “insieme” un periodico e un sito web dal 2005; un’associazione di promozione sociale, fondata nel 2008 (con attività che risalgono a partire dal 2002), iscritta al RUNTS e dotata di personalità giuridica. E’ anche una rete di scuole di formazione politica e un gruppo di accoglienza e formazione linguistica per cittadini stranieri, gruppo I CARE. A Cercasi un fine vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.


Una proposta!

Se sei una ragazza o un ragazzo tra i 18 e i 28 anni, scegli il Servizio Civile presso Cercasi un fine APS (Cassano delle Murge, Bari). Fai UNA SCELTA DI CITTADINANZA ATTIVA E DI IMPEGNO CIVILE!

 

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale il Bando per la selezione di 52.236 operatori volontari, giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare volontari per il servizio civile.

Il 22 febbraio 2024 è il termine di presentazione delle domande di servizio civile universale 

Vedi il bando di selezione per operatori volontari dello scorso 22 dicembre(https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2023/12/bando-ordinario-2023/)

 

Fino al 22 febbraio 2024 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.183 progetti che si realizzeranno tra il 2024 e il 2025 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/ Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede.

 

Per maggiori informazioni visita il sito politichegiovanili.gov.it (sezione “Per gli operatori volontari”) e il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it – Leggi il bando completo: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/leggi-il-bando/il-testo/

 

Il progetto di Cercasi un fine APS, in collaborazione con il CIPSI, è 

Dove? Cassano delle Murge – Bari (Puglia).

Operatori/trici Volontari/e richiesti: n. 5.

 

SORRIDENDO

Ultimi Articoli

Contribuendo

Con il 5×1000 realizziamo:
scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…
Basta la tua firma e il numero dell’associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato.

———
Bonifico Bancario
Cercasi un Fine APS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo
oppure CCP 000091139550 intestato ad Associazione Cercasi un fine