Tu sei qui: Home / Nelle scuole / Common Ground Bisceglie / Common Ground, percorso di cittadinanza attiva a Bisceglie

Common Ground, percorso di cittadinanza attiva a Bisceglie

creato da Matteo L. ultima modifica 09/01/2020 21:43

Le associazioni "21" e "Cercasi un fine", quest'ultima impegnata da oltre dieci anni nella formazione socio-politica, hanno ideato un percorso di formazione alla cittadinanza attiva denominato "Common ground", che si svilupperà attraverso quattro incontri - gratuiti e aperti a tutti - in programma una domenica al mese, dalle 17 alle 20, nella Sala degli specchi di Palazzo Tupputi a Bisceglie.

Common ground (Terreno comune) è il titolo dato nel 2012 alla 13esima Biennale di Venezia dall'architetto inglese David Chipperfield. Il suo obiettivo era creare una mostra in cui tutti gli architetti, artisti e pensatori potessero ritrovarsi all'interno di un terreno, di un luogo condiviso dalle riflessioni di tutti. Traendo spunto da quest'esperienza, l'associazione 21 ha voluto creare per Bisceglie un luogo di formazione alla cittadinanza attiva chiamandolo, appunto, Common ground. Un terreno comune per confrontarsi e parlare di cittadinanza e di "politica", intesa come attenzione al bene comune e costruzione del futuro, e non solo come competizione elettorale e lotta tra i vari partiti.

«Una vera e propria scuola di formazione studiata per i biscegliesi per sentirsi tutti un po' più cittadini, responsabili del territorio e dei nostri quartieri» hanno fatto sapere i referenti dell'associazione 21. «Parleremo di argomenti che ci toccano molto da vicino: di Costituzione, di ambiente, del rapporto tra comunicazione e politica, delle aspettative e dei progetti dei giovani in un paese come il nostro».

Grazie al grande fermento civile e associativo della nostra città, l'associazione ha strutturato un percorso di quattro incontri raccogliendo finora il supporto e l'adesione di tanti enti e progetti presenti sul territorio: Lions Club, Rotary Club, Muvt, Amnesty, Anpi, Pax Christi, Caritas, Associazione Borgo Antico, Associazione "don Pierino Arcieri, servo per amore", Epass onlus, Pegaso, Uno tra noi, Bisceglie Illuminata, Zona Effe, Meic, Polisofia. Il percorso di formazione Common Ground è inoltre patrocinato dal comune di Bisceglie e gode della media partnership di BisceglieViva.

Gli incontri saranno guidati da don Rocco D'Ambrosio, docente di filosofia politica (domenica 19 gennaio), Alejandro De Marzo, media consultant e sociologo dei processi culturali (domenica 16 febbraio), Damiano Maggio, sociologo (domenica 15 marzo), e Maria Panza, referente regionale Wwf per l'educazione ambientale (domenica 19 aprile).

Per info e adesioni l'associazione 21 ha messo a disposizione l'indirizzo info@21bisceglie.it e i propri canali social su Facebook e Instagram.

 

https://www.bisceglieviva.it/notizie/common-ground-percorso-di-formazione-alla-cittadinanza-attiva/

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.