Tu sei qui: Home / Nelle scuole / Common Ground Bisceglie / Common Ground, percorso di cittadinanza attiva a Bisceglie

Common Ground, percorso di cittadinanza attiva a Bisceglie

creato da Matteo L. ultima modifica 09/03/2021 11:16

Le associazioni "21" e "Cercasi un fine", quest'ultima impegnata da oltre dieci anni nella formazione socio-politica, hanno ideato un percorso di formazione alla cittadinanza attiva denominato "Common ground", che si svilupperà attraverso quattro incontri - gratuiti e aperti a tutti - in programma una domenica al mese, dalle 17 alle 20, nella Sala degli specchi di Palazzo Tupputi a Bisceglie.

Common ground (Terreno comune) è il titolo dato nel 2012 alla 13esima Biennale di Venezia dall'architetto inglese David Chipperfield. Il suo obiettivo era creare una mostra in cui tutti gli architetti, artisti e pensatori potessero ritrovarsi all'interno di un terreno, di un luogo condiviso dalle riflessioni di tutti. Traendo spunto da quest'esperienza, l'associazione 21 ha voluto creare per Bisceglie un luogo di formazione alla cittadinanza attiva chiamandolo, appunto, Common ground. Un terreno comune per confrontarsi e parlare di cittadinanza e di "politica", intesa come attenzione al bene comune e costruzione del futuro, e non solo come competizione elettorale e lotta tra i vari partiti.

«Una vera e propria scuola di formazione studiata per i biscegliesi per sentirsi tutti un po' più cittadini, responsabili del territorio e dei nostri quartieri» hanno fatto sapere i referenti dell'associazione 21. «Parleremo di argomenti che ci toccano molto da vicino: di Costituzione, di ambiente, del rapporto tra comunicazione e politica, delle aspettative e dei progetti dei giovani in un paese come il nostro».

Grazie al grande fermento civile e associativo della nostra città, l'associazione ha strutturato un percorso di quattro incontri raccogliendo finora il supporto e l'adesione di tanti enti e progetti presenti sul territorio: Lions Club, Rotary Club, Muvt, Amnesty, Anpi, Pax Christi, Caritas, Associazione Borgo Antico, Associazione "don Pierino Arcieri, servo per amore", Epass onlus, Pegaso, Uno tra noi, Bisceglie Illuminata, Zona Effe, Meic, Polisofia. Il percorso di formazione Common Ground è inoltre patrocinato dal comune di Bisceglie e gode della media partnership di BisceglieViva.

Gli incontri saranno guidati da don Rocco D'Ambrosio, docente di filosofia politica (domenica 19 gennaio), Alejandro De Marzo, media consultant e sociologo dei processi culturali (domenica 16 febbraio), Damiano Maggio, sociologo (domenica 15 marzo), e Maria Panza, referente regionale Wwf per l'educazione ambientale (domenica 19 aprile).

Per info e adesioni l'associazione 21 ha messo a disposizione l'indirizzo info@21bisceglie.it e i propri canali social su Facebook e Instagram.

 Il percorso formativo di Common Ground si arricchisce di un'altra idea: Under Ground, il blog per i cittadini in cui possono scrivere, riflettere e argomentare sulla loro città. Troverete le riflessioni al seguente link:

https://www.21bisceglie.it/underground/ 

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.