Tu sei qui: Home / Meditando / In video / Le regole raccontate ai bambini, A. Greco intervista Gherardo Colombo

Le regole raccontate ai bambini, A. Greco intervista Gherardo Colombo

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 18:03
Intervista al dottor Gherardo Colombo ex magistrato e membro del pool di “Mani Pulite”
04:35
2012
1. Perché è importante insegnare le regole ai bambini? Com’è possibile farlo? Esiste una maniera per farlo?

    “Io credo che sia importante parlare di regole con tutti  (con gli adulti,con i giovani,con i bambini) perché evidentemente, è sotto gli occhi di tutti che in questo paese vi è un rapporto molto difficile tra le persone e le regole e la trasgressività è molto elevata ne i confronti di regole, le regole della nostra Costituzione che se rispettate ci farebbero vivere meglio. Allora è necessario riuscire a entrare nella relazione tra persone e regola in modo che si capisca che osservando questo tipo di regole si può vivere in una società più armonica, più serena nella quale ciascuno riesce più che in qualsiasi altro tipo di società a realizzarsi”.


2. Spesso i genitori e anche gli educatori si lamentano del fatto che i nostri bambini non osservano le regole.  Secondo lei da che cosa dipende principalmente?

“I bambini fanno quello che vedono fare da parte degli adulti”.

 

3. Quindi i modelli che loro seguono sono sbagliati? ( I modelli che gli propina la televisione ecc..)

    Lasciamo perdere la televisione. I modelli che vedono sono le persone che gli stanno intorno. Questo per quanto riguarda l’ambiente generale (la scuola,i genitori ecc.).

    Per esempio succede che un genitore sale in macchina e non si allaccia la cintura di sicurezza. Insegna ai bambini a non mettersi la cintura. Va in giro in moto senza casco. Insegna ai bambini a non mettere il casco eccetera eccetera.

     

4. Come lei sa Cercasi un Fine, essendo lei socio e anche lettore, si occupa di formazione socio-politica per giovani e adulti. Ritiene che sia necessario fare una formazione socio-politica anche per i bambini?

    Si, cioè adesso questa parola socio-politica sembra una parola troppo importante per i bambini. Io credo che sia necessario che anche i bambini imparino a vivere con gli altri avendo ben presente le necessità di rapportarsi con rispetto.  Questo poi non possiamo chiamarla educazione socio-politica, ma è molto molto importante che le persone siano persone e non strumenti.

     


 

    Un grazie al dottor Gherardo Colombo per la sua disponibilità a nome di tutti i lettori e della redazione di “Cercasi un Fine”.

     

    Intervista a cura di Alessandro Greco

    Riprese a cura di Gianleo Tunzi

    Azioni sul documento
    • Stampa
    archiviato sotto: ,
    Prossimi eventi
    I Seminario CuF 2020. Persona e cultura: percorsi tra coscienza e dissenso 07/03/2020 16:00 - 19:30 — Cassano delle Murge (Ba)
    Ritiro Spirituale sul discernimento 29/03/2020 10:00 - 18:00
    L'Italia del '900 con Miguel Gotor 30/03/2020 17:30 - 19:30 — Cassano delle Murge (Ba)
    Prossimi eventi…
    Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

    Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

    Sesto libro della collana di Cercasi un fine

     


    La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

     

    Quinto libro della collana di Cercasi un fine


    Attrezzarsi per la città

    Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

    Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


     

    Meditando in video
    Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
    Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
    Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
    Guida alla riforma costituzionale
    Di più…
    I nostri amici stranieri

    Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

    Maggiori info >>>

    centro di ascolto.jpg

    Associandoci

    logo-barchetta.jpg
    Cercasi un fine
    è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

    Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

    altre info su

    presentandoci
    cercasi una casa
    sostenendoci

    con carta di credito o PayPal

    Leggendo il giornale

    Cercasi  un fine 117.jpg

    E' in distribuzione Cercasi un fine n. 117
    (2019 - Anno XIV)

    quadratino rosso Tema: Il razzismo

    Scrivendo per il giornale

    Se volete scrivere per il giornale:
    direttore@cercasiunfine.it


     

     listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?) in preparazione.

     listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 10 marzo 2020.

     listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


    Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.