Tu sei qui: Home / Meditando / In video / Disabilità, quelle famiglie "agli arresti domiciliari"

Disabilità, quelle famiglie "agli arresti domiciliari"

creato da webmaster ultima modifica 08/03/2015 08:53

#maipiùsoli - per i diritti dei caregiver familiari

Una campagna a sostegno dei diritti dei "caregiver", che in Italia non vengono riconosciuti ma in gran parte dell'Europa ricevono tutele giuridiche ed economiche: si chiama "#maipiùsoli" e prende il via oggi, con la diffusione di un video che, in meno di due minuti, racconta quegli "arresti domiciliari" a cui tante famiglie sono costrette a causa della disabilità grave. Protagonista del video è una mamma, Chiara, completamente dedicata al figlio Simone, che assiste in ogni momento della giornata e in tutte le sue continue necessità, incluse quelle sanitarie.

Per raccontare questa realtà tanto nascosta, è nata la campagna che oggi prende il via: un'iniziativa di informazione e sensibilizzazione, innanzitutto, ma anche "un affiancamento alla missione Bruxelles", spiega Maria Simona Bellini, una delle promotrici, riferendosi alla petizione, presentata nei mesi scorso al Parlamento europeo, dopo l'insuccesso del ricorso collettivo nazionale per il riconoscimento dei caregiver. Obiettivo dell'iniziativa è "che finalmente si arrivi al riconoscimento da parte delle istituzioni del lavoro di cura da parte dei caregiver familiari italiani, unici in Europa a non vedersi riconosciuti nemmeno i diritti fondamentali".

Fonte:
- http://www.avvenire.it/famiglia/Pagine/caregivr-familiari-campagna-mai-piu-soli.aspx

- https://www.youtube.com/watch?v=uKVLWQ4-EMo&t=46


Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.