Tu sei qui: Home / Meditando / In video / Cultura: soldi, potere e idee, con Silvia Godelli

Cultura: soldi, potere e idee, con Silvia Godelli

creato da webmaster ultima modifica 29/09/2015 12:44
Il video del secondo seminario annuale 2012-2013 delle scuole di Cercasi un fine: parliamo di cultura con la prof.ssa Silvia Godelli (docente universitaria di psicologia - assessore al Mediterraneo, cultura, turismo della Regione Puglia)...
1:02:17
2013

Breve Biografia del Relatore

SILVIA GODELLI

Silvia Godelli, assessore al mediterraneo, cultura e turismo della Regione Puglia, è professore associato di Psicologia Clinica dell'Università di Bari. Laureata in Filosofia nell'Ateneo Barese, si è formata professionalmente in Clinica Psicodinamica e in Psicodiagnostica presso il II° Policlinico di Napoli.

La sua attività di ricerca è incentrata sulle problematiche dell'infanzia e nell'adolescenza e ha svolto un’intensa attività di formazione rivolta agli insegnanti e agli operatori sociali.Ha effettuato ricerche e studi sulle relazioni familiari e sulla genitorialità, sui processi identitari nell'arco dello sviluppo, sulle problematiche emozionali dei soggetti disabili, sulle dinamiche psicologiche dei bambini migranti, pubblicando saggi e contributi all'interno di numerosi volumi dell'editoria specializzata e collaborando a riviste di livello nazionale.

Da sempre attiva politicamente, è stata iscritta al Partito Comunista Italiano dal 1972 al 1990, ricoprendo ruoli di responsabilità a livello regionale e nazionale. E’ stata eletta consigliere regionale della Puglia nel 1985 e nel 1990 nelle liste del PCI, e per la terza volta, nel 1995, in qualità di indipendente nelle liste del Partito della Rifondazione Comunista. Durante il terzo mandato ha ricoperto la carica di Vicepresidente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Puglia.Nella legislatura regionale 2005/10, nominata Assessore esterno dal Presidente Vendola, ha ricevuto le deleghe relative alla Cooperazione con i Paesi del Mediterraneo, alla Pace e alle Attività Culturali.

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.