Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Web, Repubblica in testa tra i follower della politica. Boom dei siti di ultradestra, di Riccardo Luna

Web, Repubblica in testa tra i follower della politica. Boom dei siti di ultradestra, di Riccardo Luna

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/11/2019 07:09
Una ricerca spiega cosa condividono gli utenti che seguono i leader. Disinformazione, i due terzi delle bufale rilanciate da fan di Salvini e Meloni...

Grande è la confusione sotto il cielo dei social quando si discute di politica. Ma c'è una cosa che sembra unire i sostenitori di Matteo Salvini e di Matteo Renzi, di Luigi Di Maio e di Giorgia Meloni: è Repubblica la fonte di informazione più condivisa e rilanciata dai follower di tutti gli schieramenti. Lo afferma una ricerca condotta su Twitter dal 10 ottobre al 9 novembre.

Usando un software molto diffuso per l'analisi delle conversazioni social, Matteo Flora (docente di reputazione online) ha esaminato tutti i contenuti ritwittati dai follower di otto fra i principali leader politici. Oltre ai quattro già citati, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il segretario del Pd Nicola Zingaretti a cui sono state aggiunte due esponenti della sinistra molto attive sui social media, Laura Boldrini e Monica Cirinnà. 

Tutti sommati i follower che hanno postato almeno un tweet nell'ultimo mese costituiscono un campione di tre milioni e 155 mila utenti. Naturalmente qualcuno è follower di due o più politici, ma questo secondo Flora non cambia il senso della ricerca: capire come funziona la macchina del consenso online, misurare il peso di propaganda e disinformazione rispetto alle notizie, e in quale campo politico si muovono meglio.

Sul fronte delle testate giornalistiche, il primato di Repubblica è netto: con quasi 550 mila condivisioni, il quotidiano fondato da Scalfari totalizza il doppio delle condivisioni del sito che si piazza secondo, Ilfattoquotidiano. Si tratta di un primato trasversale, che attraversa i follower di tutti gli schieramenti: infatti è al sesto posto fra i seguaci di Salvini, al quarto fra quelli della Meloni, al terzo fra quelli di Di Maio, al secondo fra quelli di Conte, Renzi e Boldrini, e al primo per quelli di Zingaretti.

Gli aspetti sorprendenti però sono altri. Intanto il primato assoluto di YouTube: la piattaforma video di Google, con un milione e 700 mila condivisioni in un mese, domina la conversazione politica totalizzando quanto le prime cinque testate giornalistiche sommate assieme. Su YouTube c'è di tutto: informazione, propaganda, eventi e anche una dose di fake news ed hate speech, fenomeni contro cui Google da un po' si sta muovendo con maggiore fermezza.

E questo ci porta al cuore della ricerca: quanto pesano disinformazione e propaganda? Sono interessanti alcuni dati. 

Il primo è che i siti stranieri di informazione più condivisi nell'ultimo mese sono Breitbart e FoxNews, capisaldi dell'informazione sovranista: battono il New York Times e il Guardian sfondando il muro delle centomila condivisioni, generate dai sostenitori di Salvini (prevedibili) e, in misura minore ma non trascurabile, di Conte.

Il secondo dato interessante riguarda quel complesso di siti alternativi che a volte non sono testate giornalistiche ma che svolgono lo stesso una funzione nel mondo delle news: il primo posto va a thegatewaypundit, il sito dell'estrema destra americana (circa 120 mila retweet), seguito fra gli altri, da Russia Today e Sputnik News. In questa galassia si muovono i follower di un solo leader: Salvini.

Diverso il discorso per i siti notoriamente impegnati a diffondere notizie false con lo scopo di diffondere razzismo e xenofobia. Viene fuori che un po' di questa "spazzatura" è rilanciata (forse anche per stigmatizzarla, come è probabile) persino dai follower di Zingaretti e Renzi. Ma i numeri sono numeri: i follower di Salvini e della Meloni, secondo Flora, sarebbero responsabili di rilanciare oltre due terzi delle bufale

Quanto pesa complessivamente la disinformazione? In un mese genera circa 350 mila condivisioni. Molto ma molto di più di quanto ottengono i siti della gran parte delle testate giornalistiche.

 

https://www.repubblica.it/politica/2019/11/12/news/giornalismo_web_salvini_meloni_sovranisti_repubblica-240889672/?refresh_ce

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.