Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Voto e crescita, un’idea sbagliata del sud, di Antonio Polito

Voto e crescita, un’idea sbagliata del sud, di Antonio Polito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/09/2022 07:45
È da molti anni che nelle competizioni elettorali non si confrontano più idee per il Paese, ma si offrono baratti a categorie e gruppi sociali…

La calata finale dei leader al Sud sa tanto di corsa all’accaparramento. È come se i partiti considerassero ormai esauriti i serbatoi del «voto di opinione» al Nord, e volessero negli ultimi giorni di campagna elettorale raschiare il barile del «voto di scambio», convinti di trovarlo dal Garigliano in giù. In questo modo, svelando l’idea «stracciona» che hanno del Mezzogiorno, riflettono allo specchio se stessi.

È da molti anni, infatti, che nelle competizioni elettorali non si confrontano più idee per il Paese, ma si offrono baratti a categorie e gruppi sociali. Al Sud, sia cinque anni fa sia oggi, il reddito di cittadinanza è stato usato dai Cinquestelle come il surrogato di una politica meridionalista che non c’è. 

Ma non è che la dentiera gratis per gli anziani o la dote di diecimila euro per i diciottenni siano da meno, in quanto a «do ut des». La differenza sta nel fatto che gli anziani e i diciottenni sono diffusi su tutto il territorio nazionale, mentre i percettori del reddito di cittadinanza sono per due terzi concentrati al Mezzogiorno. Ma questo avviene perché è che le dimensioni della crisi sociale e della disoccupazione cronica sono maggiori e più gravi.

Non c’è dunque davvero da meravigliarsi se molti elettori meridionali mostrano di gradire questa forma di assistenza al punto da gonfiare i consensi del M5S, il partito che l’ha introdotta e che ora la difende a spada tratta. Più che un voto di scambio, è un voto di convenienza. E quando le idee dei partiti finiscono, alla gente non resta che badare alla convenienza.

Il problema però è che in questo modo i politici si approfittano dei guasti sociali per costruire consenso. Il loro compito sarebbe infatti quello di rimuovere le cause del bisogno, non solo di alleviarlo. Dare pesci a chi ha fame è importante, in tutti i Paesi europei c’è una qualche forma di integrazione dei redditi troppo bassi. Ma ancor più importante sarebbe insegnare alla gente a pescare, fornendo loro le competenze e le attrezzature per uscire dalla spirale perversa della dipendenza, che uccide la dignità degli uomini e soffoca le speranze di riscatto anche più del bisogno. Invece l’assistenzialismo senza se e senza ma perpetua la dipendenza dallo Stato erogatore.

Si chiama la «trappola della povertà», ed è ben nota a chi ha studiato i «welfare state» del Nord Europa, dove da molto tempo prima che in Italia esistono forme di trasferimenti diretti per sostenere i meno abbienti. Si cade in questa trappola quando l’incentivo a vivere di sussidi è maggiore dell’incentivo al lavoro. Una generazione di giovani meridionali sta conoscendo questo fenomeno, diventando sempre meno «occupabile»: i bassi salari spingono a preferire il reddito di cittadinanza, o ad accettare il ricatto del lavoro nero pur di non perdere il sussidio. Il risultato è che così dalla povertà non si esce, ma anzi si impoverisce anche la società nel suo complesso, che produce meno ricchezza di quanta potrebbe, e deve destinare più risorse a chi resta indietro.

Dunque, se da una parte una rete di sicurezza è indispensabile in una società giusta per chi non ce la fa o non può farcela, profondamente sbagliato e ipocrita è spacciare questa necessità per una politica di giustizia sociale, di uguaglianza, di lotta al privilegio. Perché non rende davvero né più uguali né più libere le persone che devono farvi ricorso.

Giuseppe Conte si sta rivelando invece sorprendentemente abile nell’usare proprio questa leva: la sua metamorfosi da azzimato uomo di legge, due volte premier una con la destra e una con la sinistra, in novello Mélenchon, scravattato arringatore di folle nei vicoli delle città meridionali, sta avendo successo. Ha concentrato non a caso lì tutta la sua campagna elettorale, cercando esplicitamente voti nella platea di chi riceve il reddito di cittadinanza. E la cosa sta funzionando se anche Silvio Berlusconi, che i sondaggi li legge, è corso ai ripari: ribaltando la tradizionale posizione critica del centrodestra su questa misura, ha invece proposto addirittura di estenderla.

Ma questa rincorsa al sussidio, al bonus, al ristoro, tutte misure anche giuste e necessarie in tempi di vacche magre, non può sostituire una politica per il Mezzogiorno. Paradossalmente, le idee migliori per la ripresa di quest’area del Paese, pericolosamente sempre più diseguale dal resto d’Italia, sono gli investimenti che vengono dall’Europa: sia quelli del Pnrr, che destina una quota vincolata del 40% dei fondi al Mezzogiorno, superiore cioè alla percentuale della popolazione meridionale, sia quelli dei fondi strutturali. 

È nel buon uso di queste ingenti risorse che si vedrà se il prossimo governo e le regioni del Sud saranno capaci di invertire una storia di fallimenti di cui tutti i partiti che si sono avvicendati finora alla guida del Paese sono pro-quota responsabili. Oppure se, nel deserto della crescita, non resterà altro che distribuire sussidi. E io, da meridionale, sono convinto che anche chi domenica voterà per tenersi il reddito di cittadinanza questa cosa la sa e la capisce.

 

https://www.corriere.it/opinioni/22_settembre_22/voto-crescita-un-idea-sbagliata-sud-dcfc1796-3a9f-11ed-b03d-1f9e636121b9.shtml?refresh_ce

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.