Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Volontariato in Europa: un popolo di 100 milioni di persone, di Chiara Biagioni

Volontariato in Europa: un popolo di 100 milioni di persone, di Chiara Biagioni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/11/2018 10:50
Non esiste nessun’altra istituzione in Europa che contribuisca così ad ampio raggio al volontariato e promuova forme di volontariato così diversificate come la Chiesa cattolica”…

Sono oltre 100 milioni gli adulti coinvolti nel volontariato in Europa. Nei Paesi Ue circa il 22-23% delle persone di età superiore ai 15 anni sono impegnate in qualche attività di volontariato. Le organizzazioni religiose rappresentano il terzo più importante settore del volontariato in Europa, dopo lo sport e l'istruzione. Questi alcuni dei dati più significativi che emergono da un’indagine presentata a Poznań ai vescovi europei sul volontariato cattolico in Europa. “Non esiste nessun’altra istituzione in Europa che contribuisca così ad ampio raggio al volontariato e promuova forme di volontariato così diversificate come la Chiesa cattolica”.

Un vero e proprio “popolo della solidarietà in Europa”. Silenzioso ma fortemente motivato. Si stima che ci siano oltre 100 milioni di adulti coinvolti nel volontariato. Questo significa che nei paesi dell’Unione europea circa il 22-23% delle persone di età superiore ai 15 anni sono impegnate in qualche attività di volontariato. Le organizzazioni religiose rappresentano il terzo più importante settore del volontariato in Europa, dopo lo sport e l’istruzione. Le credenze religiose sono essenziali nel motivare al volontariato. È la fotografia dell’“altra Europa” scattata da un’indagine sul volontariato, promossa dal Consiglio delle Conferenze episcopali europee (Ccee) e curata dall’Istituto di statistica della Chiesa cattolica in Polonia. Lo studio sul “volontariato cattolico in Europa” è stato presentato questa a Poznań, in Polonia, ai presidenti delle Conferenze episcopali d’Europa riuniti per la loro annuale assemblea plenaria. Si tratta di un’indagine complessa: partendo da dati esistenti e ricerche sul volontariato in Europa, ha posto quest’anno una serie di domande “aperte” a un gruppo di esperti di “volontariato cattolico” a livello nazionale di 27 Conferenze episcopali in rappresentanza di 29 Paesi.

Piattaforma di incontro e collaborazione

Dall’indagine emerge che in quasi tutti i Paesi europei le organizzazioni e le istituzioni cattoliche godono di uno status giuridico (civile) “autonomo”, sono riconosciute dallo Stato come uguali dal punto di vista legale alle organizzazioni civili non governative o alle organizzazioni non-profit (Ong).

Gli europei sono caratterizzati da un forte atteggiamento positivo nei confronti del volontariato e, soprattutto nei Paesi occidentali, il volontariato e il terzo settore sono ben istituzionalizzati. Il volontariato – si legge ancora nella sintesi della ricerca – “è una piattaforma d’incontro tra cattolici e non cattolici”. Ci sono, cioè, molti cattolici impegnati nel “volontariato non cattolico” e ci sono anche non cattolici che fanno volontariato in organizzazioni cattoliche. “Sono attratti dall’immagine positiva della Chiesa o semplicemente da questioni pratiche”, spiegano gli esperti. E comunque, generalmente “non c’è competizione tra volontariato cattolico e non cattolico. Questo è il motivo per cui il volontariato rappresenta una forma di dialogo interreligioso e di ecumenismo”.

La fede costituisce “una motivazione importante per il volontariato”

Alcuni esperti hanno anche segnalato come “l’impegno nel volontariato corrisponda all’impegno nei confronti della comunità religiosa” ed è veicolo di insegnamento “morale cattolico”. Il concetto di volontariato implica infatti una visione cristiana dell’uomo come una “persona libera”, chiamata al “dono disinteressato di sé”. Per questo il volontariato “cattolico” produce anche degli effetti sulla formazione e rappresenta anche un’opportunità per l’evangelizzazione e la pastorale giovanile.

Il volontariato influenza lo “spirito di solidarietà in Europa”. “Il volontariato plasma l’Europa moderna e rappresenta una forma pratica di solidarietà”, scrivono i ricercatori nella sintesi dell’indagine. “Il volontariato non riguarda solo quello che facciamo o come ci comportiamo. Implica una spiritualità. Ecco perché il volontariato e la religione sono strettamente interconnessi. La fede e le organizzazioni religiose sono componenti fondamentali del volontariato e contribuiscono allo spirito di solidarietà in Europa. Il cattolicesimo incarna un aspetto importante di questo spirito europeo di solidarietà.

https://www.agensir.it/europa/2018/09/14/volontariato-in-europa-un-popolo-di-100-milioni-di-persone/

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.