Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Viaggio tra i diritti negati, di Paola Arosio

Viaggio tra i diritti negati, di Paola Arosio

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 11:46
02/03/2015 Il primo incontro dedicato all’universo-carcere. Ma poi si parlerà anche di “povertà e diritti privati”, “lavoro e diritti precari”, “scuola e diritti svalutati”, “finanza e diritti sacrificati”. È la serie di incontri inaugurata nei giorni scorsi a Verona, per promuovere – come sottolineano gli organizzatori – «concrete strategie di cambiamento sociale».

 

«L’ingiustizia in un luogo qualsiasi è una minaccia per la giustizia ovunque», diceva Martin Luther King. Ne è convinta la rete di associazioni, con capofila Spazio Solidale Arci, che ha lanciato a Verona Diritti per le nostre strade (www.dirittiperlenostrestrade.it), un progetto di informazione, sensibilizzazione, condivisione per promuovere dignità e giustizia, trasformandole in concrete strategie di cambiamento sociale. Fa parte dell’iniziativa un laboratorio permanente dal titolo “Regimi di legalità e pratiche di cittadinanza”, rivolto soprattutto a volontari, operatori, insegnanti e articolato in cinque tappe.

 

La presentazione del ciclo di incontri di Verona.
La presentazione del ciclo di incontri di Verona.

L’UNIVERSO DEL CARCERE

La prima ­– cui seguiranno gli appuntamenti del 26 marzo (povertà e diritti privati), 23 aprile (lavoro e diritti precari), 21 maggio (scuola e diritti svalutati), 18 giugno (finanza e diritti sacrificati) – è stata tutta dedicata al carcere. «Sono le zone intermedie tra diritti e abusi a condizionare la vita dei detenuti», denuncia Paolo Bottura, volontario dell’associazione Ripresa responsabile, da anni attiva per promuovere un’altra cultura della pena. «Il carcere rimane un mondo a parte, un’istituzione totale, dove vigono i principi di separazione, isolamento, negazione. Spesso diventa una scuola di delinquenza, dove i detenuti non sono più persone».

Non sempre questo risulta evidente, alla luce del sole. «La violenza che il carcere esercita non è stata eliminata, ma solo mascherata, disinfettata. Non lascia traccia, ma si insinua gradualmente». E sono proprio i diritti, secondo Bottura, «a fare la differenza. Un vero salto di qualità non passa attraverso corpi gestiti con più attenzione. Occorre andare oltre la richiesta di più docce, carta igienica, cibo, spazi, attrezzature, medicine. Va distinta la soddisfazione dei bisogni di base dall’essere cittadini a pieno titolo, individui».

Una questione che in apparenza riguarda solo chi è dietro le sbarre, ma che coinvolge, in realtà, tutto il tessuto sociale, diventando paradigma, cartina di tornasole della società stessa. «Quando riusciamo a metterci dalla parte dei poveri, dei perdenti, dei senza voce, dei vinti, possiamo percepire il carcere come la reificazione di un sistema che sconfigge tutti, anche chi non è recluso», osserva Bottura.

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

Al termine del ciclo di incontri, «si giungerà alla definizione di un vocabolario dei diritti, capace di esprimere le sfumature che ci sono tra rispetto e violazione», spiega Giovanni Ceriani, responsabile del progetto. «Oltre a questo, si completerà un “manifesto dei diritti” da sottoporre alla cittadinanza e alle realtà associative del territorio. Infine, si indicherà una lista di proposte pratiche di cittadinanza attiva e si cercherà di favorire la nascita di reti sociali di mutuo-aiuto».

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/viaggio-tra-i-diritti-negati.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.