Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Vi spiego tutti i travagli del governo giallorosso. Con la teoria dei giochi, di Giuseppe Pennisi

Vi spiego tutti i travagli del governo giallorosso. Con la teoria dei giochi, di Giuseppe Pennisi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/02/2021 18:51
Il governo giallorosso non solo non si reggeva su obiettivi chiari e su un programma dettagliato, ma i principali partner erano alla prese con giochi plurimi al loro interno. Tanto il Partito Democratico quanto il Movimento 5 Stelle….

La “teoria dei giochi” è uno strumento molto utile per capire le dinamiche che hanno travagliato il governo giallorosso sino a portare alla sua fine.

Dalla sua nascita, la coalizione, nata tra forze politiche che si erano combattute molto vivacemente per oltre dieci anni e senza un programma o “contratto” di governo stipulato e osservato da tutte le parti in causa, è stata afflitta da conflittualità, sedata unicamente quando con lo scoppio della pandemia, è parso a tutti necessario puntare unicamente sulla lotta al virus e sul sollievo alle categorie più colpite, accantonando tutti gli altri obiettivi. Ciò ha quietato, specialmente, i “riformisti”, ossia coloro che avevano in animo, una volta al governo, di mettere in atto “riforme” in aree come la giustizia, l’istruzione, l’ambiente, la politica dell’industria e delle infrastrutture (e simili), temi su cui i partner della coalizione avevano obiettivi divergenti e proponevano strumenti anche essi divergenti.

In termini di “teoria dei giochi” dal settembre 2019, i partner erano ingaggiati in un continuo gioco multiplo in cui ciascuno giocava simultaneamente su almeno due tavoli differenti con poste anche esse differenti.

Un tavolo era quello della coalizione in cui la posta in gioco era la reputazione, ossia la stima di tutti i partner che si stesse operando nell’ambito degli obiettivi e dei programmi definiti insieme quando si è deciso di formare una maggioranza.

L’altro tavolo è quello rispetto ai propri iscritti ed elettori. Qui la posta in gioco era la popolarità, ossia la dimostrazione che si stesse operando al fine di massimizzare i risultati degli impegni presi con iscritti ed elettori e se possibile ampliare il loro bacino (pescando non solo tra gli elettori dell’opposizione ma anche tra votanti e simpatizzando con altri partner).

Tale gioco multiplo si verifica in tutte le coalizioni, specialmente se formate da forze politiche che si sono combattute per lustri e anche decenni. È un gioco multiplo che porta tensioni: dal punto di vista matematico comporta inevitabilmente un equilibrio instabile.

Ci sono modi per fare sì che, nonostante l’equilibrio sia instabile, la coalizione regga anche un’intera legislatura. In Germania, ad esempio, le “grandi coalizioni” operano sulla base di accordi molto dettagliati (sino alla definizione di schemi di disegni di legge), di regole chiare e osservate da tutte le parti in causa, e soprattutto di un “gioco reale e plurale”.

In Italia, ciò si è verificato con il secondo governo Berlusconi che rimase in carica dall’11 giugno 2001 al 23 aprile 2005, per un totale di 1412 giorni, ovvero 3 anni, 10 mesi e 12 giorni. È stato il governo più longevo della storia della Repubblica Italiana ed il secondo dall’Unità d’Italia, dopo il governo Mussolini.

Il governo giallorosso non solo non si reggeva su obiettivi chiari e su un programma dettagliato, ma i principali partner erano alla prese con giochi plurimi al loro interno. Il Partito Democratico è nato dalla confluenza di tre tradizioni politico culturali mai completamente amalgamate: quella post-comunista, quella della sinistra cattolica, e quella liberalsocialista. Al suo interno è continuamente alle prese con “giochi plurimi” per trovare un sempre cangiante equilibrio tanto precario che il 18 settembre 2019 (subito dopo la formazione del governo) ha subito una scissione.

Il Movimento Cinque Stelle è nato di recente, non ha ancora consolidata una propria cultura politica, ed ancor meno una cultura di governo. Al proprio interno i “giochi multipli” sono tra gruppi che non hanno né obiettivi né programmi né regole chiare tra coloro la cui estrazione varia dall’estrema destra all’estrema sinistra: nessun gruppo vuole seguire un gioco “leale e plurale”.

Avere responsabilità di governo comporta benefici (come l’attuazione di programmi quali il reddito di cittadinanza e una strategia giustizialista, tratti che in Italia hanno sempre accumunato gli estremi) ma anche costi, in termini di perdita di consenso sia tra le fasce che una volta soddisfatte (vedi reddito di cittadinanza) non ha più nulla da chiedere ai loro eletti, sia tra coloro che si erano avvicinati ad una forza politica nuova e giovane per distanziarsene appena viste le vere o false apparenze di essere alle prese con quella che viene giornalisticamente chiamata “la nuova casta”.

Una vera e propria moltiplicazione di “giochi multipli” che per impedire l’implosione hanno portato, da un lato, l’accentramento delle funzioni nella presidenza del Consiglio (trasformata in una specie di Cancellierato, ben differente dal dettato costituzionale) e nell’inazione su temi e problemi considerati, a torto o a ragione, “divisivi”.

Ciò ha fatto sì che uno dei partner ha intrapreso un “gioco ad ultimatum” (come quello tra il Don Giovanni del mito e il Convitato di Pietra). Gli altri partner sono rimasti attoniti. Invece, di trovare un punto di equilibrio sia tra loro sia con chi apriva il “gioco ad ultimatum” in un programma dettagliato e in regole per continuare il gioco in modo leale e plurale, si sono arroccati ciascuno in un “gioco del prigioniero”: incerti sulle mosse l’uno dell’altro, hanno pensato che la strategia vincente fosse quella di puntare sulla stabilità di una presidenza del Consiglio nei cui confronti ciascuno di loro nutriva più o meno perplessità.

Il Convitato di Pietra li ha trascinati nella botola. Il “gioco” è finito. Come dice la teoria dei giochi. E come avviene in teatro.

https://formiche.net/2021/02/teoria-giochi-crisi-governo-giallorosso/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.