Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Vi racconto il coraggio di chi ha denunciato», di Antonio Maria Riva

Vi racconto il coraggio di chi ha denunciato», di Antonio Maria Riva

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/12/2019 09:51
Intervista al Procuratore Aggiunto della Dda di Bari, Francesco Giannella…

"Ci tengo a sottolineare che l’inchiesta è partita dal desiderio di alcuni nigeriani, la maggior parte di questi cittadini, di rivolgersi direttamente alle autorità di polizia italiana perché riportasse l’ordine e la legge in una comunità dove invece la legge era quella delle mafie, dell’antistato". Lo sottolinea con convinzione il procuratore aggiunto della Dda di Bari, Francesco Giannella.

Si può parlare di riduzione in schiavitù?

Per le ragazze costrette a prostituirsi, sì. Sono state ridotte in schiavitù già dal momento in cui sono state portate in Italia. Ma non tutte, perché ci sono anche le donne che hanno contribuito a gestire la prostituzione, le "maman".

Anche i mendicanti?

Per quanto riguarda l’accattonaggio, direi di no. Si tratta di un’attività che veniva sfruttata dalle mafie. A questi poveretti che guadagnano quello che possono mendicando fuori dai supermercati, veniva chiesto sostanzialmente di pagare una retta fissa mensile.

Quanto veniva chiesto?

Duecento euro al mese.

Tantissimo...

Ma per loro c’era anche un piccolo vantaggio. Cioè la sicurezza che quel posto era assegnato a loro e a nessun altro. Ma questo non significa che si possa parlare di una compartecipazione all’associazione mafiosa. In realtà lo potremmo definire il pizzo sulla povertà.

Se non accettavano subivano violenze?

Dalle nostre indagini non sono emersi episodi di evidente violenza nei loro confronti. Che fossero assoggettati, invece risulta chiaro dal fatto che le espressioni che usavano nei confronti dei capi dell’organizzazione erano di assoluto rispetto, quasi di prostrazione.

Queste persone che sono venute a denunciare lo hanno sentito come una scelta di liberazione?
Sì. La sensazione sul piano psicologico è proprio quella. La persona che per questo si è data più da fare è un pastore protestante della Chiesa evangelica, anche lui nigeriano, che si è fatto portavoce di un’istanza che evidentemente ha raccolto e che è sfociata in una bellissima lettera, piena di pathos, di umanità.

Chi l’ha scritta?

Un’associazione dei nigeriani liberi che nel 2017 hanno scritto questa lettera alla Polizia e hanno chiesto di aiutarli a venire fuori da quella situazione di soprusi e violenze, denunciando l’esistenza di queste bande che con la violenza si spartivano tutto all’interno del Cara e tentavano di assoggettare tutti alle loro leggi, anche quelli che non ne volevano sapere. Questo grido d’allarme ha fatto sì che iniziasse l’indagine e si potessero inquadrare nell’ambito di una rete più completa e più chiara tutti quei singoli episodi che fino a quel momento ci apparivano come fatti isolati.

Questi ragazzi africani ci danno l’esempio ad avere più coraggio nei confronti delle mafie, a superare l’omertà.
Bellissima considerazione. La condivido e la sottoscrivo.

 

https://www.avvenire.it/attualita/pagine

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.