Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Vescovo di Aleppo, intervento armato non porterà la pace

Vescovo di Aleppo, intervento armato non porterà la pace

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 11:12
“L’unica strada per la pace è il dialogo, la guerra non ci porterà da nessuna parte”: è l’accorato appello che monsignor Antoine Audo, vescovo di Aleppo...

“L’unica strada per la pace è il dialogo, la guerra non ci porterà da nessuna parte”: è l’accorato appello che monsignor Antoine Audo, vescovo di Aleppo e presidente di Caritas Siria, affida alla MISNA nelle ore drammatiche in cui si moltiplicano i segnali di un possibile attacco militare da parte delle potenze occidentali.

“La gente vive nell’angoscia, senza sapere cosa li attende – afferma il vescovo – ed è già provata dopo oltre due anni di conflitto. I siriani, inoltre, hanno assistito impotenti a quello che è accaduto e ancora accade intorno a loro, dall’Iraq all’Egitto”.

Come presidente di Caritas, Audo afferma: “ho visto migliaia di civili vittime della violenza. Abbiamo bisogno di qualcuno che ci porti una speranza di pace, non di una nuova carica di odio”.

Secondo il religioso “se c’è la volontà, il dialogo è sempre possibile, anche nelle situazioni più nere” e anche in Siria “esistono alternative alla guerra”.

Unico conforto, il vescovo di Aleppo dice di averlo tratto dalle parole di Papa Francesco: “Ho sentito che il Santo Padre è accanto a noi, abitanti di questa ‘amata nazione’, per cui ha espresso la sua sofferenza e il suo impegno per aiutarci”.

fonte: http://www.misna.org/altro/vescovo-di-aleppo-intervento-armato-non-portera-la-pace-27-08-2013-813.html , 27.08.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.