Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Vaticano: “La crisi dei nostri giorni può essere provvidenziale”, di Antonio Spadaro

Vaticano: “La crisi dei nostri giorni può essere provvidenziale”, di Antonio Spadaro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/09/2018 10:29
Noi siamo guaritori feriti. E a volte dentro la Chiesa riesce pure a farlo meglio un peccatore che un puro! Se non altro perché la misericordia l’ha sperimentata…

“Sarà dura abbandonare l’immagine che la Chiesa sia una ‘corporation’ nella quale ci sono i ‘buoni’ azionisti che possono licenziare le persone ‘cattive’. Anzi diciamolo: la Chiesa a volte si ritrova a non avere nulla da insegnare in termini di purezza. A volte la sua corruzione, sebbene più ingenua, è persino più accecante perché ci si attende da essa la purezza. Mettiamoci dunque in ginocchio quando è il caso”. Sono le riflessioni affidate ad un post su facebook di Padre Antonio Spadaro, direttore di Civilta’ Cattolica.

Vogliamo purificare la Chiesa? – chiede Spadaro- l’utopia diabolica consiste nel fatto che si possano creare meccanismi che impediscano all’uomo di peccare: leggi, decreti, sentenze… ‘Sorvegliare e punire’, direbbe Foucault. Questo è il sogno di alcuni: la Chiesa come un vecchio collegio d’altri tempi dove suore e preti purissimi e integerrimi bacchettavano col frustino urlando ‘vergogna’. Non è la certezza della purezza che ci rende credibili ed evangelici. No, non è questo che ci salverà e che fa santa la Chiesa. È la croce di Cristo, è la spiritualità profonda, è l’umiltà dell’accusa di sé”.

La Chiesa, ricorda il direttore di Civiltà Cattolica- “è ‘casta meretrix’. Dimenticarlo sarebbe la fine della Chiesa, che deve riconoscere che l’unica sua ricchezza non le appartiene, non è sua: è il Vangelo di Cristo che essa è chiamata a diffondere tra la gente. Per questo può prendere la parola. Non per la propria credibilità, ma per quella della Parola di Cristo. Noi siamo guaritori feriti. E a volte dentro la Chiesa riesce pure a farlo meglio un peccatore che un puro! Se non altro perché la misericordia l’ha sperimentata. Il problema grave sono invece i corrotti. Essi in genere si credono puri e additano gli altri come peccatori, ammantandosi pure di vittimismo”.

Il Signore, secondo Spadaro, “si serve sempre di mezzi inadeguati: la sua forza si rivela nella nostra debolezza. Ma l’unico modo che ha la Chiesa per diffondere il Vangelo è riconoscere la propria povertà. Non siamo sotto la legge, siamo sotto lo sguardo di Cristo. Dobbiamo fare di tutto per purificarci costantemente, ma non è una chiesa pura di puri che salverà il mondo: questa è una eresia frutto dello spirito cattivo”. “La crisi dei nostri giorni- aggiunge- può essere provvidenziale. La Chiesa si sente umiliata specialmente se uno dei suoi pastori si trasforma in lupo e divide il gregge, e dunque anch’egli bisognoso di conversione e grande misericordia. Ma questa è pure l’opportunità di capire come fragile sia il Corpo di Cristo. E il Vicario di Cristo deve seguire e imitare il Maestro: non ha altra via. Il Signore ha cavalcato non un vigoroso destriero, ma un mulo che va verso Gerusalemme. E questo per essere inchiodato in croce, percosso e tradito dai suoi. Questo è il destino del Vicario di Cristo se vuole essere un buon pastore, a imitazione del Maestro. Nella Chiesa il Vangelo santo che salva i peccatori è dato a peccatori che confidano nella misericordia di Dio e nella infinita pazienza di Cristo”.

 

http://www.dire.it/03-09-2018/230318-vaticano-padre-spadaro-crisi-nostri-giorni-provvidenziale/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.