Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Vaccini, gli errori dell’Europa, di Aldo Cazzullo

Vaccini, gli errori dell’Europa, di Aldo Cazzullo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/03/2021 09:07
La soluzione non è esautorare l’Unione. È quella opposta: fare in modo che sappia far valere la propria forza…

A poco più di un anno dall’arrivo del Covid, si profila un fallimento clamoroso dell’Europa sui vaccini. L’Unione dei Paesi che vantavano il miglior sistema sanitario pubblico al mondo si sta rivelando impotente nel proteggere e immunizzare i propri cittadini. Non soltanto i regimi — che come ci siamo detti mille volte hanno mezzi che le democrazie non hanno —, ma pure gli Stati Uniti e il Regno Unito vantano oggi numeri che Germania, Francia, Italia e Spagna si sognano; per tacere del miracolo israeliano, dove il peso internazionale di un leader sia pure contestato come Netanyahu ha incrociato la forza morale e organizzativa di una nazione per cui il concetto di guerra a un nemico comune non è un’idea astratta. 

L’Europa invece è ultima in tutte le classifiche di immunizzazione. E pure la diatriba sui vaccini — secondo Le Monde, il 24% degli italiani non intende vaccinarsi o non ha ancora deciso, percentuale che sale al 33 in Germania e addirittura al 51 in Francia, mentre crolla al 20 nel Regno Unito — si rivela priva di senso; perché i vaccini non ci sono, neppure per chi li vorrebbe.

Il fallimento nasce non da uno, ma da molti errori. L’Europa ha puntato quasi tutto su un vaccino, quello di AstraZeneca, che è arrivato molto dopo quello di Pfizer, e pur avendo alcuni vantaggi — costa meno, si trasporta più facilmente — ha un’efficacia inferiore. Quando la Germania se n’è accorta, ha tentato di risolvere il problema trattando con la Pfizer per conto proprio, e di fatto rimangiandosi la strategia con cui le due donne forti del continente — la presidente della Commissione Ursula von der Leyen e la cancelliera Angela Merkel — avevano impostato la campagna vaccinale. Una strategia non sbagliata, anzi: muovendosi in modo coordinato, e facendo quindi massa critica, l’Europa poteva ottenere condizioni migliori, sia come prezzi sia come forniture. Ma questa strategia si basava su due presupposti: fare le scelte giuste; e restare uniti. Purtroppo entrambi i presupposti sono venuti meno.

Inoltre, l’Europa non si è mostrata abbastanza flessibile e reattiva di fronte all’emergenza. Finalmente ha capito di dover spendere di più e condividere quote di debito comune — anche se in una misura che si rivelerà forse insufficiente e tardiva —; ma non è riuscita a scuotersi dalla consueta complessità burocratica. E neppure a dissipare l’impressione che tempi insopportabilmente più lunghi di quelli non solo cinesi e russi ma pure americani, inglesi, israeliani fossero dovuti non a maggiori controlli, bensì a maggiore lentezza. Non al rigore, ma all’omaggio che la burocrazia paga a se stessa, autoalimentandosi.

Un po’ tutti eravamo certi che l’Ema, l’agenzia europea per il farmaco, sarebbe arrivata alle stesse conclusioni della Fda, Food and Drug Administration, che ha autorizzato i vari vaccini con un regolare anticipo; anche perché le agenzie non fanno test sulle persone, controllano tabelle che non vanno certo liquidate frettolosamente, ma non possono neppure essere affrontate con la flemma dei tempi di pace. E un po’ tutti, quando l’altro ieri abbiamo saputo che la Fda aveva autorizzato il vaccino Johnson&Johnson (per il quale tra l’altro basta una sola somministrazione), abbiamo pensato che prima o poi ci arriverà pure l’agenzia europea; ma non certo di sabato. Poi c’è lo Sputnik russo. Il direttore dell’agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, in un’intervista a Margherita De Bac del Corriere assicura che è «ottimo», ma per adottarlo serve una decisione politica. Benissimo. L’Europa è lì proprio per prendere decisioni politiche. Cos’altro aspetta?

Non è solo questione di burocrazia, ma di organizzazione. Un via libera serve a poco, se non c’è una struttura pronta ad agire. L’Italia aveva iniziato la campagna vaccinale meglio di altri Paesi europei, ma è ferma a centomila somministrazioni al giorno. Draghi si propone di triplicarle, e mette in campo la Protezione civile, dopo averne cambiato il capo. E la vaccinazione sarà il primo tema su cui il nuovo governo sarà giudicato.

La soluzione non è esautorare l’Europa. È quella opposta. Fare in modo che l’Europa funzioni meglio, resti unita, sappia far valere la propria forza, imponendo alle aziende farmaceutiche il rispetto degli accordi e la condivisione dei brevetti, per poter produrre i vaccini anche nei vari Paesi. Un anno fa mancavano le mascherine; ora non sappiamo più dove metterle. Tra un anno probabilmente avremo vaccini in abbondanza; ma il momento è adesso. Se riusciremo a immunizzare entro l’autunno tutti coloro che lo desiderano, potremo pensare di ripartire davvero. Altrimenti ci trascineremo l’angoscia e il danno delle chiusure per un altro inverno. Davvero vogliamo questo?

https://www.corriere.it/editoriali/21_febbraio_28/vaccini-errori-dell-europa-62da05de-7a09-11eb-b9cd-5eae78a2031e.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.