Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Uomini per gli altri, di Pedro Arrupe

Uomini per gli altri, di Pedro Arrupe

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/01/2019 09:38
Considerazioni finali sul concetto di giustizia e sul tipo di uomo che occorre formare e a cui dobbiamo convertirci, se vogliamo servire l'ideale evangelico della giustizia…

L'uomo spirituale

Per contribuire a una vera trasformazione del mondo, eliminandone le strutture del peccato, l'uomo-per-gli-altri deve essere un uomo spirituale, «pneumaticos», guidato e sostenuto dal «Pneuma», lo Spirito di Dio.

La prima caratteristica di quest'uomo è infatti l'amore. Però non basta amare, bisogna amare con discernimento. E il discernimento, come l'amore, sono doni dello Spirito. Il mondo in cui viviamo è il prodotto dello Spirito Santo e del peccato.

Nella lotta per la giustizia, abbiamo bisogno soprattutto del dono del discernimento, sia per scoprire dove si trova e si annida il peccato sia per comprendere i «segni dei tempi», che ci mostrano come dobbiamo operare per eliminarlo. Ne è da escludere che lo Spirito ci si manifesti direttamente per indicarci nuove vie e nuove soluzioni. Ma solo chi possiede lo Spirito è capace di percepire la voce dello Spirito.

L'ideale dell'uomo a cui tende il nostro lavoro educativo è l'uomo «spirituale». Non già l'«homo faber », l'uomo abile e operoso che agli albori della storia cominciò a differenziarsi radicalmente dagli animali dominando il mondo; né il semplice «homo sapiens», che con l'intelligenza e saggezza si eleva al vertice del creato ed è capace di conoscerlo e di spiegarlo; neppure l'«uomo prometeico» che partecipa del potere creativo di Dio trasformando il mondo; e nemmeno l'«homo politicus», che conosce la complessità di questo mondo e sa trovare i punti nevralgici da cui dipendono le grandi trasformazioni sociali.

Tutti questi aspetti dell'uomo rimangono nella sfera dell'«homo psychicus» di San Paolo, cioè l'uomo semplicemente naturale, dotato di spirito o psiche umana. Questo uomo in concreto non esiste, se non come possibilità astratta e ambivalente; di fatto sarà in maggiore o minor misura umano o disumano, fino a diventare l'«homo lupus», rapinatore dei suoi fratelli, o al contrario l'uomo «concors», «philanthropus», amante della pace e degli uomini. Di solito quest'uomo sarà anche «homo religiosus», aperto alla trascendenza, e se la sua religiosità è autentica, fonderà in unità inscindibile l'amore degli uomini con l'amore di Dio.

Però questo ideale non è possibile raggiungere, senza l'aiuto di Dio, che ci trasforma nell'«homo novus», in una nuova creatura, il cui principio vitale ultimo è lo Spirito Santo. Ma questo Spirito è lo Spirito di Cristo, per il quale siamo cristiani. Anche nel lavoro di promozione della giustizia Cristo è tutto: Via, Verità e Vita. Cristo, il Dio-fatto-uomo, che dando la vita per la liberazione e la salvezza del mondo è diventato, più di tutti, l'Uomo-per-gli-altri.

Saggio integrale su:

http://www.sjweb.info/documents/education/arr_men_it.pdf

(Valencia, 31 luglio, 1973)


Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.