Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Uno Stato portatore di valori ma non alternativo al mercato per l’Italia del dopo pandemia, di Franco Gallo

Uno Stato portatore di valori ma non alternativo al mercato per l’Italia del dopo pandemia, di Franco Gallo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/05/2021 08:54
L'amplificarsi delle disparità rende più difficile l'accettazione delle riforme che richiedono sacrifici condivisi…

La pandemia sembra aver messo per il momento un po’ tutti d’accordo sulla necessità di uno Stato erogatore di maggiori servizi sociali e prestazioni sanitarie e, insieme, finanziatore della ricerca, dell’innovazione e della formazione permanente. Il dubbio che viene però spontaneo al riguardo è che quest’obiettivo non possa essere pienamente realizzato se lo Stato non si spoglia anche della sua veste di leviatano burocratico e non ispira più decisamente la sua azione ai grandi valori di moralità collettiva e di rispetto della dignità umana che hanno la loro fonte nel dettato costituzionale.

Voglio dire che il richiamo all’impulso morale e alla tensione etica dovrebbe essere messo al primo posto nella lotta alle disuguaglianze e dovrebbe tornare a essere considerato un fattore irrinunciabile del progresso sociale e del vivere civile. Dovrebbe essere anche interpretato come una reazione al luogo comune nel quale spesso molti di noi indulgono, e cioè che, in fondo, in tema di scelte di politica economica e sociale tutti, nella sostanza, avanziamo nei confronti dello Stato le stesse richieste; abbiamo solo modi leggermente diversi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo e di giustizia.

Non avrei dubbi che questo modo di pensare potrebbe portarci fuori strada. Dimentichiamo, infatti, troppo spesso che i ricchi non vogliono le stesse cose che vogliono i poveri o quella parte del ceto medio che è entrata nell’area della cosiddetta povertà relativa. Chi dipende dal posto di lavoro per la propria sussistenza e paga le imposte in base a ritenuta, chi è stato danneggiato dalla crisi pandemica non vuole le stesse cose di chi vive di investimenti e dividendi e può permettersi di praticare sofisticate pianificazioni fiscali per sottrarsi, anche lecitamente, al pagamento del giusto tributo.

Specie in momenti drammatici come quelli che stiamo vivendo, le disuguaglianze potrebbero generare uno spaesamento dell’etica collettiva e un allentamento dei legami sociali. Potrebbero generare autoritarismo e deferenza e, soprattutto, sospetti: il sospetto che i più ricchi, i più raccomandati e i più furbi finiscano per ottenere vantaggi più grandi senza contribuire alla crescita (come nei recenti “incidenti” sulle priorità nella vaccinazione). Il che rende sempre più difficile ai governi far accettare riforme che comportino sacrifici condivisi da tutti.

Siamo cresciuti nel rispetto dei princìpi fondamentali di solidarietà, sussidiarietà e garanzia del bene comune, espressamente indicati dagli artt. 2, 3 e 118 della nostra Costituzione. Non possiamo, perciò, non sentire la necessità, da una parte, di attribuire minor valore a quelle teorie che puntano sull’autoreferenzialità del mercato e, dall’altra, di dare, invece, spazio più ampio all’intervento ridistributore e allocatore dello Stato, condotto secondo una forte direzione morale e bilanciando i diritti proprietari con i diritti di cittadinanza. 

E proprio la crisi che stiamo attraversando ci dice che questo passaggio è divenuto cruciale e deve costituire un dato culturale, più che ideologico. Come ci ricorda sempre più spesso Papa Francesco, se ci sono disuguaglianze endemiche che tendono sempre più ad aumentare, la loro riduzione deve essere al primo posto tra gli obiettivi etici che uno Stato regolatore deve perseguire nel rispetto dei diritti fondamentali dei suoi cittadini sanciti dalla Costituzione. Andrebbero, perciò, combattute con più convinzione le politiche che privilegiano i diritti del mercato a scapito di quelli sociali, rafforzano i vantaggi e le pretese di certi attori economici e politici e, nello stesso tempo, riducono quelli di altri.

Naturalmente, il recupero di valori morali non significa pensare a uno Stato monopologeno che allarga oltre misura l’area dell’intervento pubblico, lasciando spazi limitati alle libere iniziative del privato. A una necessaria, aumentata tensione etica deve, infatti, aggiungersi l’esplorazione di una zona intermedia che appartenga a un settore pubblico maggiormente integrato in una Unione europea sempre più vicina al modello federale; una zona che sia in grado tanto di combinare la capacità innovativa degli attori privati con quella regolativa degli attori pubblici, quanto di svolgere politiche redistributive, di riqualificazione del lavoro e di contrasto al dumping ambientale e sociale. 

In questo senso sembra muoversi il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Sarebbe una conquista se con la sua attuazione si riuscisse a evitare l’accentuarsi delle diverse forme di governance desovranizzata, espressioni di un capitalismo che, per sua natura, crea un sistema economico solo rispettoso della logica della propria valorizzazione in funzione del profitto e sottovaluta il ruolo dello Stato come creatore di valore pubblico e garante del pieno impiego e dello sviluppo sociale.

È, perciò, evidente che la scelta da fare in sede di ripartenza post-pandemia non può essere più tra interventismo e liberismo, tra Stato e mercato, bensì fra due tipi di Stato: uno, più invasivo e, per certi versi, produttivistico e meno presente nel sociale; l’altro, non alternativo al mercato, ma pur sempre sussidiario, regolatore, ridistributore, portatore di grandi valori di moralità collettiva e, perciò, promotore sia della cittadinanza attiva, sia dell’innovazione, sia della società dell’apprendimento. 

Solo quest’ultimo tipo di Stato ha la sua legittimità etica nel principio di uguaglianza e solo a esso si può affidare il compito di rimuovere, come dice l’art. 3 della nostra Costituzione, «gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana».

https://www.ilsole24ore.com/art/uno-stato-portatore-valori-ma-non-alternativo-mercato-l-italia-dopo-pandemia-AE6iWnE

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.