Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Una umanità tutta da dimostrare nei nostri aiuti all’Ucraina, di Michele Gerace

Una umanità tutta da dimostrare nei nostri aiuti all’Ucraina, di Michele Gerace

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/04/2022 11:06
Aiutare a ricostruire, a costruire, avere la capacità di articolare una parola di pace e di coraggio autenticamente nuova da riflettere su un comune e più ampio orizzonte, vorrà dire sapere che un popolo si è unito nel dirsi pronto a sacrificarsi liberamente come può per aiutare chi non può fare altro che opporre la vita a chi lo vuol derubare della stessa vita…

Domando a me stesso prima ancora che a chi dovesse leggere, cos’è che può fare chi legge, chi scrive, chi si trovi qui, dove non è costretto a scegliere tra il sopravvivere fisicamente all’oppressione e il vivere in libertà, e non là dove già solo la scelta tra la sopravvivenza e la vita è una lotta per la libertà. Chiunque, qualunque cosa faccia, si stia domandando cosa si può fare di qui che possa aiutare di là e che possa evitare che il dramma possa proseguire a lungo per poi ripetersi ancora e ancora, lontano o vicino.

Sarà capitato a chi legge di scrollare le pagine dei social network e di aver notato la foto profilo di profili amici con la bandiera Ucraina e la scritta “StandForUcraine”. Di qui, la domanda. Ma se anche su tutte le foto profilo del mondo ci fosse scritto “StandForUcraine” cambierebbe qualcosa? Faremmo qualcosa di simbolico ma sarebbe realmente utile? Non costerebbe nulla e sarebbe meglio di niente. Almeno una timida testimonianza di vicinanza, solidarietà e sostegno alla vittima e di condanna per il carnefice.

Molto più significativa la conferenza organizzata dalla Fondazione Luigi Einaudi alla quale ha partecipato l’ambasciatore ucraino in Italia, Yaroslav Melnyke, e coraggiosa l’iniziativa di circa cento organizzazioni, tra le quali il Consiglio Nazionale dei Giovani e la Gioventù Federalista Europea, che sono partite da Roma per Leopoli in carovana “Stop the war now” portando tonnellate di beni di prima necessità e medicine, e ripartiranno per Roma con a bordo centinaia di persone in condizioni di fragilità che hanno urgente bisogno di accoglienza. E continua ad essere molto pratico ed utile sostenere con microdonazioni, solo per fare un paio di esempi, la Croce Rossa e il quotidiano indipendente Kyiv Indipendent.

Saremmo comunque lontani da quanto potremmo dire o pensare di fare per esprimere in un messaggio politico fermezza e autentica speranza, di aiuto, per inciso, a noi stessi non meno che agli altri. Forse potremmo esserlo di più se dichiarassimo che siamo disposti a pagare bollette ancora più alte, a passare l’inverno con i termosifoni più bassi o spenti, a pagare i rifornimenti il quadruplo, a fare fronte a costi aziendali insostenibili, ad una forma di irresponsabilità per la quale potremmo sacrificare la nostra vita economica in nome di un’altra forma di responsabilità per la quale potremmo affermare senza riserve il valore senza prezzo di una vita libera, se tutto questo fosse il prezzo da pagare per inasprire le sanzioni alla Federazione Russa essa stessa sotto botta del tiranno Putin, per fare capire che in Europa c’è un popolo libero disposto a molto per sostenere un popolo oppresso dalla guerra e dalla crudeltà. Ma tutto questo servirebbe?

Non è detto. Certo se solo fosse vero che saremmo disposti a farlo, a questo sacrificio per le economie delle famiglie, delle imprese, e dei bilanci dei Paesi europei, modesto rispetto a quello che è richiesto a chi come noi – questo è il fatto: “a chi come noi” in questi giorni non può ragionare né di bollette, né di temperatura delle abitazioni, né di benzina, gasolio e gas, né di costi per le imprese, perché è impegnato a fare la guerra – qualcuno, per quel che a questo punto possa servire, inizierebbe a capire di aver sbagliato anche questi calcoli. Ma anche fosse che si sapesse che di qui siamo pronti a sostenere la lotta per la libertà pagando prezzi altissimi in termini economici, a cosa servirebbe? Forse a poco.

Ma ci renderebbe consapevoli di dover aiutare, la dico meglio, di voler lottare per come ci è possibile, per aiutare chi si difende – come ha dichiarato il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi – per la pace. La stessa Commissaria europea Mairead McGuinness, intervenuta davanti alle Commissioni Finanze e Politiche dell’Unione europea di Camera e Senato riunite, ha sostenuto con fermezza le sanzioni per aiutare l’Ucraina e ha dichiarato che, al riguardo, l’Unione europea è pronta a fare di più.

In questo dobbiamo trovare la nostra forza, nell’aiutare la nostra coscienza a ricordarci che quale che sia il prezzo che stiamo pagando è un prezzo bassissimo rispetto a quello che stanno pagando i nostri amici, cugini, fratelli – ciascuno li chiami come sente – impegnati a resistere alla spietata e folle prepotenza del lucido tiranno che – per dirla con le parole che scrisse Indro Montanelli sul Corriere della Sera nel 1956 durante l’occupazione dellUngheria da parte dell’Urss  – preferisce diventare “padrone di un deserto o, per meglio dire, di un cimitero, piuttosto che rinunziare a una colonia”.

Certo, se iniziassimo a guardare all’Ucraina come ad un Paese che per geografia e storie è parte dell’Europa e smettessimo di sperare in qualcosa che oggi sembra insperabile, tutto questo servirebbe a poco. Ma se avessimo fede che anche nel nostro piccolo trovando in questa consapevolezza la forza di una nuova forma di solidarietà fossimo in grado di farcene un’idea compiuta, questo servirebbe a motivare chi oggi ci rappresenta a farlo meglio e a tenere duro, a candidarsi e a scegliere i partiti, le liste e i candidati con maggiore ambizione, quando tutto questo sarà finito. Perché tutto questo finirà, al carnefice la storia presenterà il conto, e tutti saremo chiamati alle nostre responsabilità soprattutto a quelle future.

Allora, aiutare a ricostruire, a costruire, avere la capacità di articolare una parola di pace e di coraggio autenticamente nuova da riflettere un su un comune e più ampio orizzonte, vorrà dire sapere che un popolo si è unito nel dirsi pronto – più che nel minuscolo discettare sul coraggio della resistenza o della resa – a sacrificarsi liberamente come può per aiutare chi non può fare altro che opporre la vita a chi lo vuol derubare della stessa vita.

Significherà sapere che l’unità politica dell’Europa – rimarcata di sovente, e da ultimo nella lettera al giornalista Michele Santoro, da un autorevole europeista quale è Enrico Letta – non si potrà più rimandare, non si avranno più scuse per farlo, perché le ragioni saranno tanto evidenti che quale che sarà il nome che gli avremo dato, la federazione europea sarà stata preceduta da un vero e proprio popolo europeo pronto a volerla e a sostenerla e da una più matura amicizia oltreoceano. A sapersi in movimento per dirla con un europeo di adozione come Jorge Luis Borges. Questo si che farebbe la differenza per l’oggi e per il domani. Interrogherebbe la piccola e banale e insulsa storia, la provocherebbe, la distoglierebbe non da tutte ma da quelle bassezze all’ordine del giorno che ancora oggi le impediscono di stringersi in un patto globale e di vedersi realizzata, in grazia e libertà, in una umanità ancora da dimostrare a pieno.

https://formiche.net/2022/04/umanita-dimostrare-ucraina-michele-gerace/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.