Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Una spirale pericolosa, di Massimo Franco

Una spirale pericolosa, di Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/01/2021 10:32
Nonostante l’emergenza Renzi è andato avanti, sostenendo che i veri responsabili della crisi sono quanti l’hanno nascosta...

L’illusione di una tregua in extremis è durata poche ore. Matteo Renzi l’ha dissolta annunciando le dimissioni della sua delegazione dal governo. Esito non scontato, ma temuto. Di più, sconcertante per l’alone di irresponsabilità che lo sovrasta. Aprire una crisi mentre l’Italia è immersa in una pandemia drammatica viene percepito come un gesto distruttivo, accolto con stupore rabbioso. E pazienza se a questo epilogo si arriva in modo confuso, e se a favorirlo sono stati anche errori marchiani del premier Giuseppe Conte e della sua cerchia di collaboratori. Lo strappo renziano accentua la sensazione di un piccolo partito di guastatori, incuranti di imboccare un sentiero buio e al momento cieco. Anche perché, nella gragnuola di accuse a Palazzo Chigi, al Pd e ai Cinque Stelle, suoi alleati fino a ieri, Renzi non ha chiarito quali saranno i suoi passi successivi. L’impressione è che «dovesse» rompere dopo essersi spinto troppo avanti negli attacchi.

Per il resto, sostenendo che si muoverà «senza pregiudiziali», lascia aperte tutte le strade: perfino quella, almeno in via di principio, di un terzo governo Conte. Affida al premier il compito teorico di indicarla, accettando le critiche e facendone tesoro. Ma le dinamiche che si sono aperte tendono a ridurre gli spazi per una mediazione in grado di proiettare l’attuale esecutivo sul resto della legislatura.

È vero che formalmente la crisi non è ancora apertaOccorrono la sfiducia del Parlamento oppure le dimissioni di Conte nelle mani del capo dello Stato. Al momento si indovina solo un dibattito alle Camere, per verificare se il premier abbia ancora una maggioranza dietro di sé. Ma le diffidenze si sono inspessite e incattivite. Anche perché negli ultimi giorni alle minacce renziane su un governo «al capolinea» si sono affiancate parole di sfida di Palazzo Chigi che non hanno fatto bene ai tentativi di tregua: al punto che quando ieri Conte ha addolcito i toni e tentato di blindare la coalizione e se stesso, le sue parole sono suonate vuote, e comunque fuori tempo massimo.

L’appello del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a essere «costruttori», si è scontrato con un istinto demolitorio e muscolare degno di un bullismo istituzionale. Come minimo, ora si tratterà di ricostruire sulle macerie di una coalizione che finora non è mai riuscita a diventare tale. C’è uno iato evidente tra la volontà dichiarata dal Pd e da settori dei Cinque Stelle a stipulare un patto di legislatura, e una realtà di divisioni quasi tribali nel Movimento e il frammento corsaro di Italia viva. Lo stesso Beppe Grillo ieri ha contribuito a avvelenare i rapporti e a sottolineare il caos della sua forza di maggioranza relativa.

Prima ha teorizzato un governo di tutti, che è suonato come un benservito a Conte. Poi si è goffamente corretto, sostenendo che lo vedeva comunque guidato dall’attuale premier. Insomma, nella gara di inaffidabilità di cui Renzi viene tuttora additato come il campione, l’ex segretario del pd e ex premier ha concorrenti numerosi. E l’epilogo è quello che il Quirinale aveva evocato da tempo, cercando di esorcizzarlo elencandone tutti i rischi: incluso un voto anticipato. Si avvertiva la consapevolezza che, una volta rotto l’equilibrio precario della coalizione tra M5S, Pd, Leu e Iv, poi sarebbe stato difficile trovarne un altro.

Non è bastato neppure sottolineare quanto una crisi di governo sia in totale distonia con la voglia di sicurezza e di stabilità di un Paese spaventato dal Covid e morso dolorosamente dalla situazione economica. Nonostante i morti e i contagi, nonostante i disoccupati, Renzi è andato avanti lo stesso, sostenendo anzi che i veri responsabili della crisi sono quanti l’hanno nascosta per mesi. Argomento capzioso, eppure popolare in alcuni settori della maggioranza che all’inizio hanno appoggiato l’offensiva renziana, non riuscendo poi a contenerla. 

Ma sarà difficile indurre l’opinione pubblica a giustificare un azzardo compiuto nel momento peggiore: quali che siano le ragioni esposte da Renzi. C’è solo da sperare che si esca presto da un limbo da ieri perfino più confuso di prima. Trovare una soluzione non sarà facile, dopo queste settimane surreali. Eppure, sarà necessario arrivarci per non avvitarsi in una spirale devastante che prescinde dagli interessi dell’Italia. E potrebbe ingigantire l’immagine internazionale di un’Italia sfigurata dall’incapacità di unirsi perfino nei suoi momenti più gravi

 

https://www.corriere.it/editoriali/21_gennaio_13/governo-spirale-pericolosa-b470d1da-55eb-11eb-a877-0f4e7aa8047a.shtml

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.