Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Una medaglia d'oro al valor civile per il coraggio di Eleonora

Una medaglia d'oro al valor civile per il coraggio di Eleonora

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:05
Il giorno dei funerali della ginecologa morta mentre soccorreva ferito. Grazie per il tuo coraggio. Un gesto che ha toccato i cuori di tutti gli italiani...

Ora che ad Eleonora è stato dato l'ultimo saluto, possiamo dirlo: Eleonora Cantamessa merita una medaglia d'oro al valore civile. Le è dovuta, per un gesto controcorrente rispetto alle indifferenze e agli egoismi.

Lo si deve ai genitori della dottoressa, che nei giorni del lutto hanno saputo dirci che la civiltà è un valore che resiste, minoritario ma forte. Ecco, il nostro è un messaggio che è destinato al Colle più alto di Roma, al Capo dello Stato. Nell'attesa, ieri l'addio alla dottoressa che non ha esitato a compiere quello che Papa Francesco ha definito "il gesto del buon Samaritano".

La chiesa parrocchiale di Trescore Balneario, nel Bergamasco, era gremita: accanto al feretro, con sopra il camice bianco di Eleonora, accanto ai genitori e il fratello Luigi, centinaia di persone per un "Grazie!" corale. Dopo la comunione, mamma Mariella in lacrime è andata ad accarezzare il feretro, appoggiandoci sopra la testa "Grazie di cuore a tutti" ha detto papà Mino Cantamessa, parole interrotte dalla commozione, al termine del funerale della figlia Eleonora, la dottoressa di 44 anni uccisa domenica sera a Chiuduno mentre soccorreva un indiano ferito a terra, Kumar Baldev, a sua volta morto.

"Il Vangelo - ha detto il parroco - raccontava di te, Eleonora: quando abbiamo ascoltato 'Era in viaggio, passandogli accanto vide e ne ebbe compassione'. Tutto era buio, poco si potrebbe vedere nel buio, specialmente quando si sfreccia in auto. Tutto potrebbe essere un comodo alibi per andare oltre. Ma anche nel buio un cuore educato da sempre alla luce dell'amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e il prossimo tuo come te stesso, quel cuore non può non fermarsi".

Per Eleonora anche il pensiero di Papa Francesco: "Ha concluso la sua vita terrena compiendo il gesto del buon Samaritano". E poi, la testimonianza del premier Enrico Letta e la vicinanza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano che ha fatto depositare ai piedi della bara una corona di fiori.

Quello di Eleonora è stato un amore gratuito, disinteressato. Non si è chiesta: sei uguale a me o sei diverso? Ha solo pensato: tu sei un uomo che ha bisogno di me. E poi ancora le parole di papà Mino: "Abbiamo avvertito una profonda condivisione del dolore.

Proprio 46 anni fa - ha detto, guardando la moglie - celebravamo le nostre nozze su questo stesso altare, oggi accompagniamo Eleonora alla sepoltura. Tutto era stabilito nel progetto di Dio. Alla comunità di indiani esprimiamo il nostro fermo convincimento che nel disegno di Dio c'è anche il dono della redenzione e della rinascita, durante e dopo l'espiazione della pena per gli autori del tragico fatto".

 

fonte: http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=49004&typeb=0&Una-medaglia-d-oro-al-valor-civile-per-il-coraggio-di-Eleonora, 15.09.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.