Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un social aperitivo a Colli Albani, di Lidia Calabrò

Un social aperitivo a Colli Albani, di Lidia Calabrò

creato da D. — ultima modifica 24/09/2015 11:59
Qualche sabato fa, in via Menghini, la via principale del quartiere romano Colli Albani si riempie di gente...c'è un evento sociale di strada al Masci Caffè. Chi sono? Perché sono qui?

Qualche sabato fa, in via Menghini, la via principale del quartiere romano Colli Albani si riempie di gente...c'è un evento sociale di strada al Masci Caffè.  Chi sono? Perché sono qui? Sono molti tra gli iscritti al guppo "Sei di Colli Albani se...", uno dei tanti gruppi sorti recentemente in rete all'interno del Social Network di Facebook. Sono qui per un aperitivo-rimpatriata per dare la possibilità a tutti coloro che sono cresciuti nella zona di rincontrarsi, soprattutto se non si vedono più da tanto tempo o se hanno cambiato zona!

L'atmosfera è frizzante. All'interno del locale c'è uno degli amministratori del gruppo, Tony, insieme ai dj che animano la serata. Vicino alla consolle c'è anche una scatola che serve per raccogliere fondi per una casa famiglia "Casa di Christian". Una serata anche all'insegna della solidarietà e del sostegno ai meno fortunati di noi.

Mi guardo intorno e, ovviamente, io non conosco quasi nessuno perché sono un'intrusa. Ma la mia amica Valentina (lei sì che è di Colli Albani) mi ha informata dell'evento ed insieme ci siamo precipitate! Non si può non documentare uno degli effetti della rete! Ma ritorniamo all'atmosfera frizzante! Le persone arrivano e iniziano a scrutare i volti delle persone intorno. "A bello/a! Anvedi chi c'è! Da quanto tempo! Ma che te possino! Come stai? Che fai?" Sono le esclamazioni di alcuni.. E poi c'è Paolo che ti racconta e che ti dice: "Sai, Colli Albani è un po' come un paese, ci conosciamo tutti! Con molti è stata l'occasione per rivedersi! In fondo è la nostra zona, e ci passiamo sempre!". Poi c'è Andrea che si sposta in continuazione per andare a salutare altre persone. Arriva Emanuela che non fa in tempo a salutare gli amici più frequenti che sparisce e si disperde nella folla per andare a ritrovare qualche amicizia del passato. Qualcuno cerca di passare inosservato cercando di non farsi notare, ma molti sono quelli che si fermano, si abbracciano e si fanno le foto per immortalare l'evento. E proprio come si fa per le feste in discoteca, si regalavano cappellini e magliette, riogorosamente di Colli Albani!

A che cosa porterà quest'evento forse è presto per dirlo. Ciò che è certo è che le persone incontratesi in un contesto virtuale e che hanno scambiato ricordi sulla propria zona, hanno sentito la necessità di incontrarsi di persona, di rivedersi, di riabbracciarsi, segno tangibile e visibile del fatto che siamo esseri relazionali e che la rete può aiutare in molti casi a riprendere e consolidare le relazioni se c'è la volontà delle persone, perché per entrare in relazione con qualcuno sono necessari prima di tutto il desiderio e la volontà!

 

Lidia Calabrò

 

[docente di italiano per stranieri, Roma]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.