Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un salto oltre piccole logiche, di Mauro Magatti

Un salto oltre piccole logiche, di Mauro Magatti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 12/08/2021 08:53
Necessario a tutti, ma ai politici di più…

Come sempre accade, l’avvicinarsi delle elezioni amministrative agita il mondo della politica. Gran parte delle tensioni che in queste settimane stanno scuotendo la maggioranza di governo (la giustizia, il Green pass, il ddl Zan) altro non sono che il tentativo dei vari leader di partito di piantare bandierine in vista del voto di ottobre. Una dinamica che non sorprende e che fa parte dell’ordine delle cose: con realismo, i politici di professione sanno che la loro sopravvivenza è legata a questi appuntamenti minori e alle tensioni interne che ne seguono.

Purtroppo però, questo modo di ragionare costituisce uno dei problemi di fondo che occorre cercare di superare. Inutile riempirsi la bocca della parola 'sostenibilità' se tutto, poi, rimane come prima. Viviamo in un tempo in cui è sempre più evidente che i problemi che abbiamo davanti non possono essere affrontati con la logica specialistica che ha dominato gli ultimi decenni. Perché, come recita un aforisma di Marshall McLuhan, «lo specialista è colui che non fa mai piccoli sbagli mentre avanza verso un grande errore». 

Quando si parla di sostenibilità – termine sintetico che indica il cambio di paradigma di cui abbiamo bisogno per guardare con speranza al futuro – intendiamo sostanzialmente due cose: la prima è il superamento dell’orizzonte di breve termine per puntare a obiettivi più ambiziosi che richiedono tempo e pazienzail tempo è superiore allo spazio»). La seconda è che in un mondo dove tanti piani sono tra loro interrelati – dove cioè «tutto è connesso» – serve uno sguardo integrale capace di legare gli specialismi e i localismi in una visione unitaria (dove «il tutto è superiore alla parte»).

Lo aveva spiegato, già molti anni fa, un grande sociologo tedesco Niklas Luhmann. Il mondo contemporaneo è un sistema complesso organizzato in sottosistemi specialistici funzionanti secondo una precisa logica interna: se sei un’impresa di mercato, devi fare profitto; se sei un politico, devi vincere le elezioni; se sei un ricercatore, devi pubblicare sulle riviste scientifiche, etc. 

Ogni sottosistema definisce così le proprie priorità che, oltre a essere parziali (cioè determinate dalla logica del suo funzionamento interno), vengono poi ordinate in base al criterio dell’urgenza. Non si fa quello che è più importante, ma che è più urgente: la trimestrale per le imprese, il concorso universitario per il ricercatore, le elezioni amministrative per la politica.

Con la conseguenza di trascurare gli obiettivi più impegnativi che servono per cambiare davvero le cose e dar senso a quello che si fa. Se nella situazione sempre più delicata nella quale ci troviamo si rimane chiusi dentro questa logica 'sottosistemica' sarà impossibile incamminarsi davvero nella direzione della sostenibilità.

Occorre, dunque, un cambio di mentalità: se sei imprenditore è, sì, importante fare profitto, ma a condizione di non distruggere il pianeta in cui la tua impresa opera e di non sfruttare le persone che lavorano con te. È quello che, per fortuna, hanno capito gli imprenditori che cercano realizzare profitto nel rispetto dei vincoli ambientali e sociali. E che, investendo sulla qualità invece che sulla quantità, trasformano un vincolo in una opportunità. La stessa cosa vale anche per il politico che ha, sì, il problema di vincere lezioni, ma a condizione di sapere affrontare e risolvere veramente i problemi complessi della vita comune senza sottostare ai diktat delle lobby e senza limitarsi ad accontentare le richieste degli elettori al solo scopo di vedere crescere il proprio consenso. Lo abbiamo visto in queste settimane a proposito del governo.

Mentre Draghi e il suo esecutivo cercano di spingere la classe politica ad andare al di là degli interessi di bottega, vedere i leader impegnati a piantare bandierine fa venire qualche dubbio: ma la classe politica è capace di quel senso di responsabilità così essenziale per affrontare con successo quanto sta accadendo con la pandemia? Un’ultima notazione: questa capacità di tenere insieme i diversi aspetti della realtà, e di andare al di là delle logiche specialistiche e localistiche, è propria dell’umano. Non ci sarà mai alcun apparato istituzionale, né alcuno strumento tecnico in grado di ricomporre creativamente ciò che accade nella realtà. È, infatti, tipico della ragione dell’uomo riuscire a fare quel salto al di là di ciò che sembra impossibile per arrivare a reperire nuove possibilità di vita. Anche quando sembra non esserci via d’uscita.

Nella vita sociale, economica, politica, è proprio questa facoltà che permette di trovare soluzioni 'intelligenti'. Sì dirà che è difficile. E che i tanti vincoli dell’organizzazione della nostra società sono troppo stringenti: ma se ci facciamo prendere dalla rassegnazione (l’imprenditore deve solo fare profitto, il politico deve solo vincere le elezioni, il ricercatore deve solo pubblicare articoli scientifici) di fronte al mondo che abbiamo costruito, siamo davvero perduti. Al di là della retorica, la sostenibilità orienterà davvero i nostri passi quando impareremo a fare l’esercizio del tenere insieme ciò che invece la nostra organizzazione sociale continuamente scompone.

 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/un-salto-oltre

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

mail: 

cell:

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.