Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un Paese nel caos, di Gerhard Mumelter

Un Paese nel caos, di Gerhard Mumelter

creato da D. — ultima modifica 25/09/2015 11:07
Sulla stampa mondiale le parole più usate sono caos e collasso. I giudizi sono severissimi, ogni simpatia residua per il Belpaese è scomparsa...

Forse il titolo di giornale più riuscito è quello del quotidiano cattolico Avvenire: “Berlusconi ordina la crisi”. Di crisi di governo l’Italia ne ha vissute decine. Ma nessuna era così rischiosa come quella scatenata da Silvio Berlusconi che, per l’ennesima volta, antepone i propri interessi alle esigenze del paese.

Sulla stampa mondiale le parole più usate sono caos e collasso. I giudizi sono severissimi, ogni simpatia residua per il Belpaese è scomparsa. Nessuno riesce a capire come i parlamentari di un partito possano minacciare le dimissioni collettive mentre il presidente del consiglio alla borsa di New York presenta l’Italia come un paese stabile e affidabile.

La crisi riflette in pieno l’anomalia di un paese in mano a due forze politiche che non possono essere definiti partiti. In Forza Italia (ex Pdl) da sempre comanda uno solo; il Partito democratico è un insieme caotico di correnti che si fanno la guerra. La politica è manovrata da politicanti irresponsabili che giocano allo sfascio e che hanno perennemente la bava alla bocca.

Nei talk show falchi come Daniela Santanchè e Marco Travaglio si sfidano in duelli isterici a colpi di offese personali, e sembra impossibile fare una trasmissione senza Sallusti e Belpietro. Sono duelli al vetriolo dove si evita accuratamente di parlare dei problemi reali del paese, minacciato concretamente di commissariamento da parte dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale, se entro il 15 ottobre non venisse presentata la legge di stabilità.

Ma stavolta Berlusconi potrebbe aver sbagliato i calcoli. Nel suo partito cresce il numero dei parlamentari contrari alla politica della guerra continua. Una trentina di senatori potrebbe lasciare il partito per sonstenere una maggioranza alternativa con dissidenti del Movimento 5 stelle e di altre formazioni. Per il Cavaliere sarebbe l’ultimo smacco prima che finisca la sua carriera di senatore, che rischia di tramontare come è iniziata: nel segno del conflitto d’interessi.

È ovvio che questa assurda crisi farà crescere l’insofferenza degli italiani verso la politica. Ma sarà anche interessante vedere se si accontenteranno delle solite battute al bar o se la rabbia sconfiggerà la rassegnazione e porterà qualche migliaio di cittadini davanti al parlamento a manifestare il proprio dissenso verso una politica non più tollerabile.

fonte: http://www.internazionale.it/opinioni/gerhard-mumelter/2013/09/29/un-paese-nel-caos/, 29 settembre 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.