Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un manuale per promuovere le strategie urbane in Europa, di Carlotta Fioretti

Un manuale per promuovere le strategie urbane in Europa, di Carlotta Fioretti

creato da Matteo L. ultima modifica 30/07/2020 09:27
La ripartenza delle città non riguarda solo l'economia ma anche un nuovo piano urbanistico di rigenerazione delle città che sia attento alla qualità della vita negli spazi urbani, sempre più a rischio

La crisi del coronavirus ha reso ancor più evidenti alcune delle fragilità che caratterizzano le aree urbane. In questi mesi, nel dibattito pubblico, si è parlato molto ad esempio del problema dell’inquinamento atmosferico e del traffico automobilistico, dell’acuirsi della vulnerabilità di alcuni gruppi specifici della popolazione urbana quali migranti e senza fissa dimora, del divario digitale, della distorsione e inacessibilità del mercato dell’affitto, del rischio insito nello sprawl, della carenza di spazio pubblico sicuro e inclusivo.

Non sono temi nuovi, ma la pandemia ha agito come una lente di ingrandimento, che ha spinto l’opinione pubblica e i decisori politici a riflettere sull’urgenza di una risposta. Alcune città hanno iniziato a muoversi ponendo in campo nuove strategie per agire in maniera integrata su queste questioni che spesso sono interconnesse tra loro.

Piani e programmi strategici sono infatti strumenti utili per concepire delle visioni collettive per le nostre città, ponendo in essere misure di risposta all’emergenza nel breve periodo, ma anche percorsi di medio e lungo periodo che portino ad uno sviluppo integrato e sostenibile in grado di rendere le aree urbane più resistenti e resilienti nei confronti di possibili crisi.

L’Unione Europea, tramite la Politica di Coesione appoggia le città nell’adattare o disegnare nuove strategie urbane integrate. Durante il settennio di programmazione 2014-2020 sono stati investiti circa 115 miliardi dei Fondi Strutturali e di Investimento nelle città europee, e di questi 17 miliardi sono stati gestiti direttamente dalle amministrazioni urbane per mettere in pratica più di 950 strategie di sviluppo urbano sostenibile (per una mappatura si veda STRAT-Board).

Si apre ora un nuovo settennio di programmazione (2021-2027), in cui la Commissione Europea ha ulteriormente rinforzato la dimensione urbana della Politica di Coesione. Una parte del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (minimo il 6%) sarà infatti destinato alle strategie di sviluppo urbano, mettendo a disposizione risorse per l’approccio strategico in tutte le aree urbane europee, indipendentemente dalla loro dimensione.

È pur vero che rimangono delle questioni aperte su come sfruttare al meglio queste risorse, considerando che tali strategie si collocano a cavallo tra due sistemi non sempre comunicanti: da un lato la dimensione delle politiche europee e dall’altro i sistemi di governance locali, ognuno rispettivamente caratterizzato da logiche, regole e attori propri.

Per mettere in connessione questi due mondi, e per fornire un supporto metodologico in particolare a quelle amministrazioni meno attrezzate perché più piccole, con meno capacità o con meno familiarità con gli strumenti europei, è stato recentemente pubblicato l’Handbook of Sustainable Urban Development Strategies.   

Si tratta di un manuale redatto dal Joint Research Centre (JRC) che fornisce strumenti utili alle autorità locali e regionali e a tutti gli altri attori coinvolti nel processo realizzazione di strategie di sviluppo urbano finanziate con i fondi strutturali.

Il manuale si basa sul comune approccio europeo allo sviluppo urbano, articolato in sei principi: la dimensione strategica, la dimensione territoriale e spaziale, la governance e la partecipazione delle comunità locali, l’integrazione tra i settori di politiche, l’integrazione delle fonti di finanziamento, il monitoraggio.

Per ognuno di questi principi vengono individuati alcuni nodi critici che possono emergere durante il processo di costruzione e attuazione delle strategie. Il manuale fornisce quindi delle piste per poter affrontare tali questioni raccontando come si sono comportate alcune città. Vengono inoltre riportati materiali utili reperibili online e infine per ogni questione viene fornita una lista di raccomandazioni. Non si tratta di un manuale prescrittivo, bensì di uno strumento di apprendimento flessibile e adattabile ai differenti contesti territoriali e amministrativi.

 

https://www.urbanit.it/un-manuale-per-promuovere-le-strategie-urbane-in-europa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.