Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un intreccio di mani contro la povertà, di Luciano Scalettari

Un intreccio di mani contro la povertà, di Luciano Scalettari

creato da webmaster ultima modifica 21/09/2015 13:41
Il 17 ottobre l’Onu celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale contro la Povertà. Lo slogan scelto per quest'anno è "Mettere fine alla violenza della povertà estrema: promuovere i processi di pace e di legittimazione", che ha lo scopo di sensibilizzare le persone e di aprire un dibattito mondiale su questo tema.

Guarda il video>>>


 

Le mani sono le protagoniste di questo video, perché sono simbolo di forza e aiuto reciproco. Mani che si aprono, che avanzano, che si uniscono, quasi dei passi di una danza simbolica che vuole divertire e far riflettere al tempo stesso. Mani giovani e vecchie, di uomini e di donne, perché questi temi riguardano tutti noi. Per questa ragione, si conclude con un appello: “Uniamo le forze per combattere la povertà”.

Il filmato, realizzato da Fabrica, col sostegno dell’Ufficio Europeo delle Nazioni Unite (UNRIC), si articola in nove episodi diversi con tematiche ben chiare: più forza alle donne, cooperazione sud-sud, crescita inclusiva, prevenzione delle crisi, rispetto per l’ambiente, eliminazione delle disuguaglianze, energia sostenibile, costruzione di società democratiche e volontariato.

I temi, peraltro, affrontati dal Segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon nel suo messaggio: «La celebrazione della Giornata internazionale per l'eliminazione della povertà di quest'anno», ha detto il responsabile delle Nazioni Unite, «giunge nel momento in cui la comunità internazionale sta perseguendo due obiettivi: intensificare gli sforzi per realizzare gli Obiettivi di sviluppo del Millennio e formulare la prossima serie di risultati da ri sultati da ottenere per guidare i nostri sforzi dopo il 2015. Questa agenda post-2015 deve avere al primo posto l'eliminazione della povertà e lo sviluppo sostenibile. Dopo tutto, l'unico modo per sradicare definitivamente la povertà è di mettere il mondo su un percorso di sviluppo sostenibile».

«Abbiamo molto lavoro da fare», ha aggiunto. «Mentre i livelli di povertà sono diminuiti in modo significativo , il progresso non è stato uniforme».

Ban Ki Moon ha voluto sottolineare che molta strada resta ancora da fare: «Più di 1,2 miliardi di persone vivono ancora in povertà estrema in tutto il mondo. Troppi , soprattutto le donne e le ragazze , continuano a vedersi negato l'accesso a un'adeguata assistenza sanitaria e ai servizi igienici, a un'istruzione di qualità e a un alloggio decente. Troppi giovani non hanno lavoro né le competenze che rispondano alle esigenze del mercato. Crescente disuguaglianza in molti Paesi - ricchi e poveri - sta alimentando l'esclusione dall’ambito economico, sociale e politico, e sappiamo che l’impatto dei cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità ha colpito soprattutto i più poveri».

«Dobbiamo fare di più», ha concluso, «per ascoltare e agire per coloro le cui voci spesso sono inascoltate, le persone che vivono in povertà , in particolare i popoli indigeni , gli anziani e coloro che vivono con disabilità, i disoccupati, i migranti e le minoranze. Dobbiamo sostenerli nella loro lotta per sfuggire alla povertà e costruire una vita migliore per se stessi e le loro famiglie. Se vogliamo realizzare il futuro che vogliamo per tutti , dobbiamo ascoltare il grido degli emarginati. Insieme possiamo costruire un mondo sostenibile di prosperità e di pace, di giustizia e di equità. Una vita dignitosa per tutti».

Fabrica è un centro di ricerca sulla comunicazione. Fondato nel 1994, invita giovani creativi da tutto il mondo offrendo loro una borsa di studio annuale e la possibilità di sviluppare progetti di ricerca in una gamma di discipline che includono design, comunicazione, fotografia, coding, video, musica, giornalismo, networked politics e media.

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/video/antipoverty.aspx


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.