Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un fiore nel deserto: padre Dall'Oglio secondo l'Economist

Un fiore nel deserto: padre Dall'Oglio secondo l'Economist

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 10:36
L’Economist omaggia questa settimana padre Paolo Dall’Oglio, scomparso alla fine di luglio nella città siriana di Raqqa, ribattezzandolo “un fiore nel deserto”...

L’Economist omaggia questa settimana padre Paolo Dall’Oglio, scomparso alla fine di luglio nella città siriana di Raqqa, ribattezzandolo “un fiore nel deserto”:

“Che è accaduto al prete che incarnava la tolleranza della Siria prima della guerra?” domanda il settimanale americano che ripercorre l’esperienza del gesuita.

Dopo aver rifondato negli anni ’80 il monastero cattolico Deir Mar Musa al Habashi(Monastero di San Mosè l’Abissino), nel deserto a Nord della capitale siriana, il gesuita, “con tocco leggero, si è impegnato a migliorare i rapporti tra le comunità religiose della Siria”, ha ricordato l’Economist, “trasformando il monastero in un simbolo di tolleranza”. Pur essendo stato espulso dalla Siria lo scorso anno, continua il settimanale, Dall’Oglio “non si è fatto scoraggiare” e ha continuato a operare “come mediatore tre le fazioni in guerra, viaggiando nei territori sotto il controllo dei ribelli”.

“Il mese scorso, padre Dall’Oglio è andato a Raqqa, città nel nord della Siria in mano ai jihadisti, per negoziare le fine degli scontri con i ribelli curdi. Da allora non è più stato visto e potrebbe essere stato rapito. Con 100.000 morti nella guerra civile, la Siria ha bisogno oggi più che mai di padre Dall’Oglio”, conclude l’articolo.

Nell’audizione al Copasir, il capo del Dis (Dipartimento informazioni per la sicurezza), Gianpiero Massolo ha riferito sulla situazione dei due italiani rapiti in Siria, Domenico Quirico e padre Dall’Oglio. Per quest’ultimo, ancora nessun contatto con il gruppo jihadista che l’ha sequestrato.                                                                                                                         fonte: www.formiche.net, 10.08.2013


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.