Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un CV creativo, di Pino Pignatta

Un CV creativo, di Pino Pignatta

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 15/09/2015 10:58
"That’s ME" è un concorso per giovani in cerca di lavoro. Oltre al solito CV cartaceo, i ragazzi possono mandare video, foto, audio, progetti grafici. Obiettivo: raccontarsi.

 

 

Un concorso di idee destinato ai giovani, per andare oltre il tradizionale CV, cioè il Curriculum Vitae. Si chiama That’s ME! e l'ha lanciato l'Agenzia per il lavoro Openjobmetis. Lo slogan è "Fai vedere di che stoffa sei fatto!", perché l'obiettivo di questo nuovo tipo di curriculum è raccontare sé stessi, proporsi agli eventuali datori di lavoro in modo alternativo e soprattutto creativo. I partecipanti, infatti, sono invitati a inviare le proprie candidature a Openjobmetis non con il classico CV, ma esprimendosi liberamente attraverso una o più idee il più possibile originali: i candidati possono inviare un video, una foto, un audio, un progetto grafico. Non ci sono limiti alla creatività, purché rappresenti al meglio le loro caratteristiche e potenzialità.

 

Per partecipare al concorso, valido sino al 30 novembre 2012, basta registrarsi suwww.openjob.it, accedere alla sezione dedicata a That’s ME! e inviare i progetti (max 3) utilizzando l’apposito modulo. A essere premiate saranno le tre idee che più sapranno esprimere l’io di ogni partecipante. E i vincitori vedranno trasformati i propri progetti in una campagna pubblicitaria che Openjobmetis diffonderà in diversi modi: uno spazio riservato sul sito www.openjob.it, all’interno della sezione dedicata alle aziende, per una settimana; l’invio dei progetti alle aziende clienti più prestigiose; un lancio stampa specifico per ogni vincitore; una sessione di coaching in esclusiva.

 

Il concorso That’s ME!, ovviamente, anche se rivolto soprattutto ai giovani in cerca di occupazione, può dare opportunità anche a chi un lavoro ce l'ha già, ma vorrebbe cambiare, auto promuoversi, giocare le proprie carte professionali al di là del semplice invio di un curriculum. «È un progetto che non ha precedenti in Italia», sottolinea Rosario Rasizza, amministratore delegato di Openjobmetis. «È un’iniziativa che secondo noi ha anche una valenza sociale perché esorta il candidato a darsi da fare mettendosi in gioco in prima persona: progettare una campagna marketing di sé stessi non è facile, ma è sicuramente stimolante».

 

fonte: www.famigliacristiana.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.