Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un cittadino ai suoi candidati, di Francesco Lena

Un cittadino ai suoi candidati, di Francesco Lena

creato da webmaster ultima modifica 03/02/2018 06:18
Ai partiti, ai movimenti, ai giornalisti, ai cittadini, si avvicinano le elezioni politiche. Vi rivolgo gentilmente un invito, fare un'informazione e una campagna elettorale corretta, sincera, trasparente e rispettosa.

Faccio alcune considerazioni e proposte per cercare di migliorare la
nostra società, la nostra bella Italia, per Europa e per il bene
comune.

1) Cari partiti e persone candidate a governare l'Italia, LA MORALITÀ,
nel nostro paese va messa al primo posto nella campagna elettorale, per
combattere le mafie, la corruzione, l'evasione fiscale, la fuga di
capitali all'estero, il caporalato, il lavoro nero.

2) Sanità, il servizio sanitario nazionale, vanno applicati a pieno i
suoi principi universalistici, di uguaglianza di trattamento su tutto il
territorio nazionale, e, siano applicati anche i suoi obiettivi, di
prevenzione cura e riabilitazione. Vanno eliminati anche gli sprechi
clientelari, su appalti di strutture servizi e convenzioni. Potenziare e
migliorare la sanità pubblica, con interventi più efficaci ed
efficienti per migliorare tutti i servizi e prestazioni sanitarie,
superando le scandalose liste di attesa. Poi un tempestivo miglioramento
dei pronto soccorso, per il superamento dei disagi di attese
insopportabili per gli ammalati, per le automobili , parcheggi gratuiti
negli ospedali, un forte potenziamento dell'assistenza domiciliare,
infermieristica e sanitaria.

3) Istruzione e formazione scuole, qualcosa negli ultimi anni è stato
fatto, però bisogna fare di più e meglio, portare la scuola
dell'obbligo a 18 anni, più collegamento con il mondo del lavoro, la
materia d'educazione civica obbligatoria, più preparazione degli
insegnanti su problematiche specifiche, per gli studenti che hanno
qualche difficoltà di apprendimento, dislessia e altre. Poi mettere in
sicurezza tutti gli edifici scolastici e investire di più nella
cultura, nella ricerca e per i nostri beni culturali.

4) Rispetto dell'ambiente, puntare a un piano casa per mettere tutte le
abitazioni in sicurezza, da terremoti, frane, alluvioni e obbligo di
avere un'assicurazione sulle calamita naturali. Fare un piano di
prevenzione interventi mirati su tutto il territorio nazionale, con il
coinvolgimento dei comuni, per il rispetto e la salvaguardia
dell'ambiente per evitare il più possibile, incendi, frane, alluvioni,
favorire con incentivi economici, l'agricoltura delle nostre colline,
montagne e zone abbandonate.

5) Sicurezza, in casa, sui posti di lavoro, sul territorio, nelle città
e sulle strade, il valore della vita sia sempre la priorità nella
programmazione di governo, dare più mezzi moderni, alle forze
pubblic+he addette ai controlli, poi un centro unico di coordinamento e
più preparazione, poi ci vogliono più controlli e fermezza nel far
rispettare le leggi, i codici, le regole.

6) Lavoro, per i giovani e meno giovani, progetti nazionali e locali per
favorire la creazione di posti di lavoro, per avere più lavoro e meno
assistenzialismo, coinvolgendo associazioni, industrie , artigianato,
commercio, sindacati e istituzioni a ogni livello.

7) Viabilità, vanno potenziati e migliorati i mezzi di trasporto
pubblici, treni, metropolitane, poi il superamento dei grandi disagi dei
passeggeri in particolari i pendolari, e abbonamenti agevolati.

8) INFORMAZIONE, bisogna che le forze di sicurezza e di controllo e
servizi segreti, mettano in atto velocemente una strategia per
smascherare le notizie false, offensive nei confronti di persone,
partiti e altre organizzazioni. Le falsità possono disgregare la
società e la nostra convivenza civile, o addirittura la nostra
democrazia italiana ed europea. Qui rivolgo un appello ai partiti, fate
della campagna elettorale l'occasione per fare e dimostrare un'
informazione bella, limpida, veritiera, onesta , trasparente, che parli
dei programmi, dei contenuti, dentro una buona e sana politica. Avrete
sicuramente più credibilità e più stima, da parte dei cittadini,
credetemi la gente non ha bisogno di polemiche.

9) CI  sarebbe bisogno di introdurre un servizio civile obbligatorio in
Italia, sia per le ragazze che ragazzi, per dare loro la possibilità,
di fare esperienze di formazione di lavoro sociale e civile.

10) Un piano d'informazione educazionale per la prevenzione dell'uso di
alcool e droghe, per portare i nostri giovani e meno giovani alla
consapevolezza della tossicità e dei danni che provocano alla salute,
alla vita, danni per la società, per le famiglie, favoriscono incidenti
stradali, infortuni sul lavoro, conflitti interpersonali,e famigliari.

11) Un piano per avere più servizi sociali sul territorio, per le
persone più deboli, più attenzione ai diversamente abili e anziani non
autosufficienti, con migliori aiuti assistenziali ed economici in
particolare a chi li assiste in casa, in famiglia, con assistenza
domiciliare, infermieristica e sanitaria. Poi una preparazione
professionale obbligatoria per le badanti. Questi e altri problemi che
ho elencato la gente ha bisogno che vengano migliorati e risolti, per il
bene dell'Italia, della società, per il bene di tutti i cittadini e per
il bene comune.

Francesco Lena

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.