Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un capitalismo sostenibile che riduca le disuguaglianze, di Gianmario Verona

Un capitalismo sostenibile che riduca le disuguaglianze, di Gianmario Verona

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/01/2021 10:13
Nella tragedia della pandemia ci siamo scoperti più fragili ma anche più resilienti. Ora dobbiamo ripartire da solidarietà e tecnologia con attenzione per l’ambiente…

Più fragili, ma anche più resilienti. Con questa nuova consapevolezza su noi stessi ci apprestiamo ad affrontare il 2021 dopo aver condotto in porto il 2020, un anno letteralmente fuori dall’ordinario e che ci ha cambiati più di quanto ce ne rendiamo conto.

Nonostante le conquiste scientifiche, tecnologiche ed economiche del Novecento, il Covid 19 ci ha anzitutto posti di fronte alla nostra fragilità. Non che non ne fossimo pienamente consapevoli: il Novecento e questi primi vent’anni del nuovo millennio ci avevano abituato a crisi economiche e politiche che ci facevano periodicamente interrogare sulla stabilità della società e sul nostro futuro. Ma in tutti i campi sembravamo aver trovato risposte più o meno adatte, soluzioni che quantomeno non compromettessero nel lungo periodo la tanto agognata crescita che contribuisce in modo determinante alla nostra evoluzione. 

Invece, il Covid 19 ha messo in discussione molte di queste certezze. Come si dice nel linguaggio caro alle generazioni dei nativi digitali, quello dei videogame, il Covid ci ha fatto improvvisamente cambiare il livello del gioco: ci ha fatto vivere una complessità incommensurabile rispetto a quella pur significativa a cui eravamo abituati. Dalla mattina alla sera, prima e dopo la scoperta di Wuhan, siamo stati costretti a un lockdown collettivo che ha messo a nudo la fragilità nostra e della società. E con lei è emerso un naturale istinto di paura, di constatazione dei nostri limiti, di razionalizzazione della nostra imponderabile marginalità nell’universo.

Così facendo, la nostra fragilità ha fatto però riemergere l’animale sociale che è in noi. Ci ha spinto a rivolgerci al prossimo, a chiedere aiuto e cercare conforto: ai nostri famigliari, ai nostri amici, ai nostri colleghi, ai nostri concittadini. E in questa ricerca di aiuto, ci scopriamo più umani in quanto la naturale reciprocità ci porta anche a restituire oltre che a chiedere. E questo ci fa diventare migliori, come ben dimostrato dalle innumerevoli iniziative di carità messe in campo in questi mesi. Nonostante tutti i lati negativi di uno smart working ancora da calibrare e di una logistica di alcune famiglie costrette in spazi limitati di convivenza, ci porta a riscoprire dimensioni affettive dei vecchi tempi (quando mai in tempi recenti abbiamo avuto occasione di pranzare a casa tutti assieme con una certa sistematicità?) in un mondo moderno che discute sistematicamente l’importanza del «quality time».

Dalla dimensione famigliare a quella politica, la collaborazione ritrovata è diventata anche l’arma per silenziare le voci dei sovranisti mentre in Europa si trova la forza per un aiuto epocale che prende il nome della generazione del futuro: il Next Generation Eu Fund. E a livello mondiale si torna a parlare di accordo sul clima di Parigi.

Ma nella sua tragedia, Covid 19 ha anche il merito di aver confermato la resilienza e la capacità di adattamento dell’essere umano. Sapiens ha dimostrato di essere adattivo nel rispetto della situazione anomala al limite del surreale per chi non ha mai combattuto una guerra. Ma adattivo anche nel senso darwiniano del termine, per poter trovare velocemente soluzioni che permettano di rimanere in gioco e non essere oggetto della selezione naturale che in altre epoche ci avrebbe fatto perire per l’assenza delle conquiste recenti cui la scienza ci ha abituato. 

Tutti ci siamo sforzati a imparare a usare il digitale per stare vicini, approvvigionarci, per studiare, per lavorare. Gli scienziati hanno condiviso le informazioni per trovare più velocemente cure potenzialmente utili riducendo così da sette anni a dieci mesi i tempi per la produzione di un vaccino innovativo per sconfiggere la pandemia.

Si dice che la necessità è la madre delle grandi invenzioni: be’, se il Covid ci ha offerto il contesto, non ci siamo certo tirati indietro. La consapevolezza della fragilità ci ha insegnato a collaborare come non sapevamo più fare, la conferma della nostra resilienza a usare gli strumenti che scienza e tecnologia ci mettono a disposizione per innovare e migliorare la società.

Sarà importante per tutti noi, a partire dai politici, non dimenticare questi due insegnamenti una volta superata la pandemia. Molte sono le sfide da vincere nel nuovo normale, prima fra tutte la trasformazione del recente capitalismo finanziario in un capitalismo sostenibile che riduca le disuguaglianze economiche e preservi l’ecosistema ambientale. Proprio questo senso di fragilità e questo rinnovato spirito di innovazione potranno aiutarci, permettendoci di trovare la chiave di volta per la crescita sostenibile in un mondo sempre più globale e sempre più complesso.

 

https://www.corriere.it/editoriali/21_gennaio_01/capitalismo-sostenibile-che-riduca-disuguaglianze-bed50e94-4c5d-11eb-a215-44d7eb47eab9.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.