Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ucraina: la forza giusta dell’Europa, di Antonio Polito

Ucraina: la forza giusta dell’Europa, di Antonio Polito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/03/2022 09:52
La reazione sorprendente dell’Europa: uno scatto di reni dei governi e delle opinioni pubbliche dell’Europa, che non accettano il sopruso di Mosca contro il diritto internazionale e umanitario…

Invece dello «spirito di Monaco», che si illuse di scambiare il cedimento all’aggressore con la pace, un nuovo «spirito di Bruxelles», che vuole difendere la pace con ogni mezzo. Invece della corsa all’«appeasement», come nel 1938 con Hitler, uno scatto di reni dei governi e delle opinioni pubbliche dell’Europa, che non accettano il sopruso di Mosca contro il diritto internazionale e umanitario. 

Qualcosa di sorprendente sta accadendo nel Vecchio Continente. Non sappiamo ancora quanto durerà e quali esiti avrà. Ma nell’enorme folla radunatasi sotto la porta di Brandeburgo, proprio lì dove 33 anni fa si riunificò l’Europa sulle macerie del Muro di Berlino, e nelle piazze di tutto il continente, è forse cominciata un’altra storia europea, consapevole che non c’è pace senza libertà e senza giustizia.

Una regola di prudenza suggerirebbe di non esaltarsi mai troppo per i progressi dell’Europa, perché ben presto egoismi e divisioni nazionali arriveranno a smentirli. È la tara genetica dell’Unione. Ma stavolta possiamo fare un’eccezione: stiamo mandando armi e munizioni agli ucraini che resistono, abbiamo chiuso i cieli a tutti i voli russi, stiamo scollegando conti correnti e carte di credito di molte banche russe dal sistema Swift, varando sanzioni economiche così dure che ieri il rublo ha perso un terzo del suo valore e la Borsa di Mosca ha chiuso. La Germania, soprattutto, sta violando i tabù di un antico riflesso pacifista e mercantile, sospendendo Nord Stream 2, autostrada del gas russo, e portando la spesa per la difesa al 2% del Pil, come da tempo chiedeva la Nato. Perfino la secolare neutralità della Svizzera si è uniformata alle decisioni di Bruxelles. 

Non si può escludere che la reazione stizzita di Putin, che ha evocato l’arma nucleare, ma anche la decisione di far partire un negoziato con il regime di Kiev fino a un attimo prima demonizzato, nascano anche e proprio dalla compattezza della risposta dell’Unione. 

Il gigante dalla «forza gentile», come Padoa Schioppa descriveva l’Europa, si è messo i guantoni. Guerre no, non ne combatterà più: non ne ha più né i mezzi né la forza, oltre che la volontà. Ma forse ha capito che il suo «soft power», un mix di bit e finanza, satelliti e tecnologia, economia e diplomazia, valori e cultura, è capace di contrastare anche l’hardware della guerra vecchio stile che la Russia ha messo in scena sul suolo ucraino, fatta di trincee e fango, tank e cannoni, lacrime e sangue. 

Se questo tentativo avesse successo, se Putin fosse fermato, sarebbe l’apoteosi dell’idea europea. La conferma che l’opzione «mai più guerre» non era un’utopia, e che l’espansione a Est per riunificare il Continente aveva un senso e un suo realismo. Che gli europei sono cioè davvero fratelli, come si è portati a pensare guardando le immagini fino a ieri inimmaginabili di «sovranisti» polacchi e ungheresi che accolgono generosamente i profughi, perché europei come loro, e a loro accomunati dalla minaccia russa. 

Non sappiamo se Putin vincerà questa guerra. Ma una battaglia l’ha già persa: l’Europa gli ha dimostrato di esistere. Per rientrare nel Grande Gioco delle potenze mondiali, sfidando gli Usa e cercando l’alleanza con la Cina, l’autocrate ha dato per scontato che il Vecchio Continente non sia ormai altro che un‘espressione geografica, cui poter strappare un pezzo di carne viva, la terra di Leopoli e Kiev, come se fosse parte delle steppe euroasiatiche, e assoggettarla alla legge antica di Mosca. 

Si è trovato di fronte invece un popolo ucraino che si sente europeo, e un popolo europeo che sente l’Ucraina come il vicino di una casa comune, se non addirittura un futuro coinquilino. Le parole di Ursula von der Leyen, che ha invocato l’ingresso di Kiev nell’Unione, vanno certamente oltre il realismo politico e la complessità delle procedure, ma servono comunque a spiegare un clima: è passata l’idea che attaccando l’Ucraina Putin ha attaccato l’Europa, che «l’Ucraina siamo noi», e che per questo non la lasceremo sola.

Un’Europa più convinta della sua «forza gentile» potrebbe anche affrontare su basi nuove il suo difficile rapporto con la Russia, da partner e non da nemica, sottraendo l’Ucraina al destino di nazione-ostaggio dello scontro tra Occidente e Oriente, e facendo di questa terra un ponte piuttosto che un confine. Ma tutto ciò è per un domani che appare lontano, e che per realizzarsi ha bisogno — oggi — di fermare le truppe di Vladimir Putin e la morte che portano. 

Qualche giorno fa la rivista americana Time è uscita con una copertina di grande impatto, usando la foto in bianco e nero di un carro armato russo, molto simile alle immagini della seconda guerra mondiale. Il titolo era: «Il ritorno della Storia. Così Putin ha mandato in frantumi i sogni dell’Europa». Ma in una guerra poche settimane possono cambiare tutto. Speriamo che si siano sbagliati, e che presto il titolo giusto possa diventare: «La svolta della Storia. Così l’Europa ha mandato in frantumi il sogno di Putin». 

https://www.corriere.it/opinioni/22_febbraio_28/ucraina-forza-giusta-dell-europa-8882985c-98c9-11ec-899b-30de360aaa79.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.