Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ucraina. Il salesiano: «Hanno i parenti nei sacchi neri. Serve la forza del perdono», di Andrea Zaghi

Ucraina. Il salesiano: «Hanno i parenti nei sacchi neri. Serve la forza del perdono», di Andrea Zaghi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/04/2022 09:24
La testimonianza di don Maksym Byabukha, della casa salesiana di Kiev. "In questo Paese c'è l'odore della morte. Il dolore è insopportabile. Ma aspettiamo con fiducia la Resurrezione" …

Il dilemma di un cristiano. Lo sgomento dell’essere umano. La disperazione della gente. E le strade deserte. I corpi sfregiati. Il dolore acuto, che lascia senza parole. 

Maksym Ryabukha è un prete e dirige la casa salesiana di Kiev. Don Max, così lo chiamano tutti, in questi lunghi giorni di guerra ha sempre posto la speranza della vita di fronte alla morte. Nei suoi messaggi su WhatsApp sempre, anche nei momenti più bui, c’è stato spazio per qualcosa di bello, qualcosa di positivo. Fino a due domeniche fa, quando le prime immagini e notizie sul massacro di Bucha hanno iniziato a fare il giro del mondo. Qualcosa che ha messo a dura prova anche lui. 

«Se ho visto quello che è accaduto? Lo vedo tutti i giorni. Perché qui ogni giorno, ormai, per noi è uno choc senza fine – racconta don Max –. Per la popolazione di Kiev è un dolore ancora più forte, perché molti degli abitanti dei centri satelliti della capitale venivano a lavorare in città. Nei sacchi neri di Bucha ci sono i loro parenti stretti, ci sono i loro amici. Ho parlato con alcuni di loro: tanti non riescono nemmeno a condividere quel dolore immenso, insopportabile. Rispondono con mezze frasi. Oppure abbassano gli occhi e non rispondono affatto. A volte nemmeno riescono a piangere. Le immagini di quei dei corpi martirizzati rimarranno nella vita di tutti noi». 

Tutto quell’orrore sta mettendo alla prova anche un giovane salesiano di Kiev che fino ad oggi aveva cercato di guardare oltre la guerra. E che continua a sforzarsi di farlo. «Ma è difficile provare a capire chi ha fatto tutto questo. È difficile anche solo provare a pensare a quelle persone che hanno commesso degli atti così disumani».

Don Maksym si ferma. Riflette un attimo. «Come perdonare? Come ritenere queste persone esseri umani? Intendiamoci: siamo tutti umani, molto umani, con un bagaglio sia di virtù che di peccati. Ognuno ha il proprio passo, qualcuno corre, qualcuno indietreggia. Ma questa cosa, questi massacri...». Il periodo di Pasqua offre lo spazio a una riflessione: «Questa Quaresima e questa Settimana Santa resteranno per sempre nella memoria della mia generazione. Abbiamo vissuto queste settimane, dal 24 febbraio scorso, in modo del tutto diverso dal passato. Credo che la nostra sia un’epoca di grandi santi, di martiri coraggiosi, di testimoni imbattibili della bellezza che hanno toccato e sperimentato con la propria vita cosa questo vuole dire. Così voglio pensare ai miei concittadini. Non ho altra spiegazione e nemmeno giustificazione per quanto accade in questo tempo così doloroso».

Dolore e speranza, insieme. Vanno di pari passo con la realtà di ogni ora passata a Kiev, la città che resta il cuore di questo conflitto e che guarda con preoccupazione a Est, dove si è spostata la feroce offensiva di Mosca. La città sente e assorbe tutto. «Una di queste mattine sono andato dalla nostra casa alla stazione ferroviaria centrale – racconta ancora don Maksym – . Erano le sette del mattino. Normalmente a quell’ora la vita è già così intensa che sembra di essere a mezzogiorno. Anche in tempo di guerra. Quel giorno invece la città sembrava morta: nessuna persona per strada, quasi nessuna auto, molti semafori spenti. C’era l’odore della morte in giro. Un grande viale da qui alla stazione era costellato di buche di esplosioni e di macchie nere delle auto incendiate».

«Ho provato sgomento – dice il sacerdote –. Ho pensato che forse così si sentiva Gesù quando camminava verso Gerusalemme per la sua ultima Pasqua terrena. Quello che siamo vivendo in questo Paese è un dramma dell’umanità, ma ci vorrà il tempo per capirlo e farlo parte della storia di ciascuno di noi». La quotidianità si nutre di piccoli gesti, di piccole cose, ora diventate così preziose. Don Max fa da punto di riferimento per gli aiuti umanitari che vengono distribuiti nella capitale. 

«Qualche giorno fa – racconta –, è arrivato un camion di aiuti che dovevo scaricare e mettere in oratorio. Abbiamo fatto tutto in fretta, perché i volontari dovevano ripartire subito verso Leopoli. Quindi sono arrivati quelli che dovevano prendere gli aiuti e portarli alla gente qui a Kiev: allora abbiano caricato le auto e chiesto notizie dei quartieri. Poi due cappellani militari e alcuni vicini sono venuti per lavarsi e cambiarsi. Per mangiare qualcosa insieme. Cose semplici. Ma che ci hanno dato il senso di essere ancora comunità». Per rispondere all’ultima domanda, la più difficile, don Max alza gli occhi al cielo.

«Cosa spero? Sogno la pace, sogno la vittoria, sogno una vita che sappia illuminare tutt’intorno. Sogno immensamente di rivedere gli occhi felici dei ragazzi dell’oratorio. Sogno la Resurrezione. Di Kiev, dell’Ucraina. Io ci credo». 

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/hanno-i-parenti-nei-sacchi-neri-serve-la-forza-del-perdono

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.