Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Tantissimi attorno a lui, di Aldo Maria Valli

Tantissimi attorno a lui, di Aldo Maria Valli

creato da webmaster ultima modifica 30/09/2012 20:59
Un signore si è avvicinato alla bara e mi ha chiesto di pregare il Padre nostro. Però non se lo ricordava. Allora lo abbiamo recitato insieme. Un altro è venuto, ha detto di essere ateo, poi però ha avvertito il desiderio di confessarsi.

«Un signore si è avvicinato alla bara e mi ha chiesto di pregare il Padre nostro. Però non se lo ricordava. Allora lo abbiamo recitato insieme. Un altro è venuto, ha detto di essere ateo, poi però ha avvertito il desiderio di confessarsi. Questi sono miracoli. Piccoli, se vogliamo. Anzi, no,  sono grandi. Il cardinale è già in azione».

Sorride monsignor Luigi Manganini mentre mi racconta questi episodi. Lui è l’arciprete del Duomo di Milano, ha sostato per ore accanto alla bara, e questi sono i momenti che gli sono rimasti nel cuore. «Martini era vicino a tutti, anche ai cosiddetti lontani, e continua ad esserlo».

In mattinata si scatena la pioggia, ma la gente continua a entrare. Arriva Enzo Bianchi, priore della comunità di Bose. Chiedo: Martini è stato uno sconfitto? «Forse nel breve periodo, ma alla lunga sarà la sua linea ad aver ragione. È la linea del Vangelo, della misericordia, dell’amore».

Arriva monsignor Vincenzo Paglia, adesso “ministro” vaticano per la famiglia, ma da sempre legato a Martini attraverso l’esperienza di Sant’Egidio: «Ricordo il cardinale quando andava ad aiutare i vecchietti a Roma. Lui, studioso, si sentiva in deficit sul piano della carità e voleva riparare».

Arriva la sorella di Martini, Maris, con i nipoti Giulia e Giovanni. Arriva l’ex autista del cardinale, Sandro, che racconta ancora una volta di quanto Martini lo aiutò a cambiare una gomma forata.

Arriva il primo ministro Monti, arriva Prodi, arrivano Rosy Bindi, arrivano i ministri cattolici del governo Monti, e poi ecco Casini, e il sindaco Pisapia, e il governatore Formigoni, e Vendola. Le auto blu creano un po’ di scompiglio e qualcuno brontola, ma è solo un istante.

Poi tutti in raccoglimento.
«Chi muore nel Signore, col Signore è destinato a risorgere. Per questo la sua morte è un fiorire». Il cardinale Angelo Scola parla dal pulpito e scandisce le parole.

Nel duomo seimila persone, quindicimila fuori. Milleduecento i preti, trentotto i vescovi, dodici i cardinali. Tra loro Angelo Comastri, inviato dal papa. Legge il messaggio di Benedetto XVI: «Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino. Le parole del salmista possono riassumere l’intera esistenza di questo pastore generoso e fedele della Chiesa. È stato un uomo di Dio, che non solo ha studiato la Sacra scrittura, ma l’ha amata intensamente, ne ha fatto la luce della sua vita».

Ma è Tettamanzi, il buon Dionigi, con il suo tocco semplice, a suscitare l’applauso dei fedeli, quando ringrazia Martini: «Noi ti abbiamo amato, noi ti amiamo, noi ci uniamo ora al tuo canto di lode. Continua a intercedere per tutti noi».

Intercedere era il verbo che tanto piaceva a Martini e che amava ricordare a Gerusalemme: «Io qui – diceva – intercedo in senso letterale, cammino in mezzo a tutti, israeliani e palestinesi, e alzo le mani al cielo per chiedere pace».

Tante religioni sono rappresentate all’interno del duomo. Ci sono i musulmani, ci sono i buddhisti. Ci sono i cristiani non cattolici. Gli ebrei hanno portato il loro omaggio prima dei funerali, con parole di gratitudine verso il cardinale che parlò a tutti e tutti ascoltò. Ma sono i fedeli, i semplici fedeli ambrosiani i protagonisti della giornata. Dicono che Martini è rimasto nei loro cuori perché ha segnato le loro vite. Non è sentimentalismo, lo si vede dagli occhi. Il cardinale è stato davvero un
maestro per tanti, e i duecentomila che gli hanno reso omaggio, anche stando a lungo in coda, lo hanno testimoniato.

È sempre Tettamanzi a dirlo bene: «Noi ti abbiamo amato, per il tuo sorriso e la tua parola, per il tuo chinarti sulle nostre fragilità e per il tuo sguardo capace di vedere lontano, per la tua fede nei giorni della gioia e in quelli del dolore, per la tua arte di ascoltare e di dare speranza a tutti».

Dice un gesuita che lo conosceva bene, padre Bartolomeo Sorge: «Tutti lo ricordano per i messaggi di carattere sociale e politico, ma lui fu soprattutto uomo di preghiera. Da lì veniva la sua forza. E la sua credibilità».

 

fonte: “Europa” del 4 settembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
pigre71
pigre71 :
04/09/2012 20:49
Un uomo! si questo può identificare l'alto prelato che ci ha lasciati. un uomo semplice che ha unito anzichè dividere, che ha accolto e non diviso. lo dimostra l'affetto che ha lasciato anche dopo la dipartita tra amici e sconosciuti.
un esempio che mi dice di avere fiducia nella Chiesa, non nella istituzione "politica", ma nella visione fisicamente umana di coloro "di buona volontà" che vogliono la comunione e la pace.
direttore
direttore :
06/09/2012 09:02
Proprio ieri pensavo a Carlo Maria Martini come pastore vicino a tutti. Pensavo un po' con gratitudine, un po' con amarezza. La prima per rendere lode a Dio del suo esempio, la seconda per il constatare che diversi (tanti?) pastori e laci cattolici sono lontani dalla gente. Che Dio ci aiuti!
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.