Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 17:50
28/10/2014 - Intervista con il segretario del Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace: "Di sola austerità si muore, sì a investimenti in infrastrutture e politiche attive per l’occupazione"
Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

STRASBURGO. LA SEDE DEL PARLAMENTO EUROPEO

 

“Di sola austerità si muore, servono massicci investimenti in infrastrutture e politiche attive per l’occupazione”. All’indomani del braccio di ferro tra Matteo Renzi e la Cigl e mentre tiene banco in politica lo scambio di critiche tra la Leopolda e piazza San Giovanni,  l’arcivescovo Mario Toso, segretario del Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace, esorta governo e parti sociali a  “superare la logica del muro contro muro”.

E’ sufficiente il “Jobs act” per contrastare la disoccupazione?
“No. Serve un consenso più ampio.  In democrazia è controproducente per un governo procedere  in maniera unilaterale e decisionista. A sostegno dell’occupazione il governo Renzi ha adottato provvedimenti che hanno aspetti buoni ma che sembrano insufficienti a dare una scossa anti-crisi”.

Cosa condivide nell’operato del governo?
“Va molto bene il bonus bebè, anche se nell’assegnazione occorre tenere conto dei livelli di reddito. I sussidi vanno dati a chi ne ha davvero bisogno, altrimenti se li si estende ai redditi superiori ai 90mile euro annui si rischia realisticamente che i soldi non siano sufficienti a coprire il fabbisogno. Anche gli 80 euro mensili a sostegno dei redditi sono una misura valida e possono avere effetti positivi sull’economia. Però tutti ciò non basta”.

Quali sono le lacune?
“Non si possono tamponare grandi ferite con pannicelli caldi, con piccoli rimedi. All’Italia servono politiche ampie e sistematiche senza paura dei vincoli di austerità. C’è bisogno di adeguate politiche sociali di sviluppo e di politiche fiscali comuni all’interno dell’Unione europea. Da una crisi economica così grave e globale una singola nazione non può uscire da sola. Di continui salassi e di austerità si muore”

I temi sociali sono al centro del magistero di Francesco?
“Sì. La Santa Sede deve seguire l’evangelizzazione e l’evangelizzazione include i temi sociali. La fede ha una dimensione sociale e se i temi sociali finiscono nell’ombra noi veniamo meno alla nostra missione pastorale.  Francesco ha una sensibilità specifica per questi temi che gli deriva dalla sua esperienza di sacerdote e di vescovo in America Latina. Ma i suoi moniti si rivolgono in primo luogo all’Europa”.

Cosa andrà a dire papa Bergoglio il 25 novembre al Parlamento europeo e al Consiglio d’Europa?
“In Europa i temi sociali sono stati confinati nello scantinato. In passato il mondo cattolico era più impegnato in politica. Ora in Europa come in Italia i cattolici rischiano di finire nel sottobosco della storia. In politica è il lavoro ad essere passato in secondo piano anche se in Italia oggi si parla intensamente di “Jobs act” i cui effetti forse si vedranno più avanti. Per il momento mancano in Italia una politica industriale e politiche attive del lavoro”

Troppo rigore e poca crescita?
“L’austerità va bene, i conti devono essere in ordine, non devono esserci sprechi ed evasione ma bisogna soprattutto preoccuparsi di rimpinguare i portafogli dei cittadini perché nelle tasche degli italiani a forza di tasse, prelievi e salassi non è più rimasto nulla. Il governo deve impegnarsi nel rilancio del mondo del lavoro. Sono urgenti gli investimenti in infrastrutture veramente necessarie con apporto di capitali pubblici e privati. Sono interventi da armonizzare in sede europea. Nessuno si salva da solo. Per uscire dalla crisi all’Italia serve qualcosa di più e di meglio. Capisco che la coperta è corta e le risorse sono limitate, ma sulle decisioni l’esecutivo deve cercare decisioni maggiormente condivise con i sindacati e tutte la parti sociali”.

GIACOMO GALEAZZI
CITTA’ DEL VATICANO

Fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/inchieste-ed-interviste/dettaglio-articolo/articolo/francesco-strasburgo-37181/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.