Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 17:50
28/10/2014 - Intervista con il segretario del Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace: "Di sola austerità si muore, sì a investimenti in infrastrutture e politiche attive per l’occupazione"
Toso: Francesco va a Strasburgo per chiedere più equità sociale, di Giacomo Galeazzi

STRASBURGO. LA SEDE DEL PARLAMENTO EUROPEO

 

“Di sola austerità si muore, servono massicci investimenti in infrastrutture e politiche attive per l’occupazione”. All’indomani del braccio di ferro tra Matteo Renzi e la Cigl e mentre tiene banco in politica lo scambio di critiche tra la Leopolda e piazza San Giovanni,  l’arcivescovo Mario Toso, segretario del Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace, esorta governo e parti sociali a  “superare la logica del muro contro muro”.

E’ sufficiente il “Jobs act” per contrastare la disoccupazione?
“No. Serve un consenso più ampio.  In democrazia è controproducente per un governo procedere  in maniera unilaterale e decisionista. A sostegno dell’occupazione il governo Renzi ha adottato provvedimenti che hanno aspetti buoni ma che sembrano insufficienti a dare una scossa anti-crisi”.

Cosa condivide nell’operato del governo?
“Va molto bene il bonus bebè, anche se nell’assegnazione occorre tenere conto dei livelli di reddito. I sussidi vanno dati a chi ne ha davvero bisogno, altrimenti se li si estende ai redditi superiori ai 90mile euro annui si rischia realisticamente che i soldi non siano sufficienti a coprire il fabbisogno. Anche gli 80 euro mensili a sostegno dei redditi sono una misura valida e possono avere effetti positivi sull’economia. Però tutti ciò non basta”.

Quali sono le lacune?
“Non si possono tamponare grandi ferite con pannicelli caldi, con piccoli rimedi. All’Italia servono politiche ampie e sistematiche senza paura dei vincoli di austerità. C’è bisogno di adeguate politiche sociali di sviluppo e di politiche fiscali comuni all’interno dell’Unione europea. Da una crisi economica così grave e globale una singola nazione non può uscire da sola. Di continui salassi e di austerità si muore”

I temi sociali sono al centro del magistero di Francesco?
“Sì. La Santa Sede deve seguire l’evangelizzazione e l’evangelizzazione include i temi sociali. La fede ha una dimensione sociale e se i temi sociali finiscono nell’ombra noi veniamo meno alla nostra missione pastorale.  Francesco ha una sensibilità specifica per questi temi che gli deriva dalla sua esperienza di sacerdote e di vescovo in America Latina. Ma i suoi moniti si rivolgono in primo luogo all’Europa”.

Cosa andrà a dire papa Bergoglio il 25 novembre al Parlamento europeo e al Consiglio d’Europa?
“In Europa i temi sociali sono stati confinati nello scantinato. In passato il mondo cattolico era più impegnato in politica. Ora in Europa come in Italia i cattolici rischiano di finire nel sottobosco della storia. In politica è il lavoro ad essere passato in secondo piano anche se in Italia oggi si parla intensamente di “Jobs act” i cui effetti forse si vedranno più avanti. Per il momento mancano in Italia una politica industriale e politiche attive del lavoro”

Troppo rigore e poca crescita?
“L’austerità va bene, i conti devono essere in ordine, non devono esserci sprechi ed evasione ma bisogna soprattutto preoccuparsi di rimpinguare i portafogli dei cittadini perché nelle tasche degli italiani a forza di tasse, prelievi e salassi non è più rimasto nulla. Il governo deve impegnarsi nel rilancio del mondo del lavoro. Sono urgenti gli investimenti in infrastrutture veramente necessarie con apporto di capitali pubblici e privati. Sono interventi da armonizzare in sede europea. Nessuno si salva da solo. Per uscire dalla crisi all’Italia serve qualcosa di più e di meglio. Capisco che la coperta è corta e le risorse sono limitate, ma sulle decisioni l’esecutivo deve cercare decisioni maggiormente condivise con i sindacati e tutte la parti sociali”.

GIACOMO GALEAZZI
CITTA’ DEL VATICANO

Fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/inchieste-ed-interviste/dettaglio-articolo/articolo/francesco-strasburgo-37181/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.