Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Terrorismo: confronto tra i servizi segreti di Italia e Belgio, di Alfredo Mantici

Terrorismo: confronto tra i servizi segreti di Italia e Belgio, di Alfredo Mantici

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 01/04/2016 16:05
Rispetto a quelle belghe le forze di sicurezza italiane hanno alle spalle una lunga esperienza nella lotta al terrorismo e alla mafia. Per rispondere alle minacce di oggi servono però norme più adeguate e maggiori risorse...

 

Il “nucleo di fuoco” che ha colpito l’aeroporto di Zaventem e la metropolitana della capitale belga non soltanto era composto da personaggi ampiamente noti alle sei diverse polizie belghe e al Servizio di sicurezza interno, ma ha potuto agire pressoché indisturbato partendo dai propri covi nei quartieri “monstre” di Molenbeek e di Sherbeck, cittadelle musulmane delle quali le forze di polizia non hanno alcun controllo.

Lo stesso Salah Abdeslam, ricercatissimo in tutta Europa dopo gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, ha vissuto da latitante per ben quattro mesi a Molenbeek in un covo situato a soli 400 metri dalla sua abitazione per essere poi arrestato solo grazie a una soffiata occasionale.

Insomma, come ha di recente sottolineato in un’intervista al quotidiano La Repubblica l’intellettuale francese Gilles Kepel, il Belgio sotto il profilo della sicurezza è “uno Stato fallito”. Adesso le autorità belghe cercano di correre ai ripari correggendo frettolosamente alcune norme iper garantiste, come quella assurda che impedisce alla polizia di effettuare perquisizioni nelle abitazioni dalle 11 di sera alle 6 del mattino – una norma grazie alla quale Abdeslam a novembre riuscì a sfuggire all’arresto abbandonando a mezzanotte l’abitazione in cui si era rifugiato – ma difficilmente il sistema potrà essere adeguato, in tempi accettabili, alle nuove esigenze poste dalla minaccia terroristica.

Quali rischi per l’Italia?

In questo periodo i media italiani hanno lanciato continui allarmi, spesso sopra le righe e ai confini dell’isteria di massa, sui pericoli che anche il nostro Paese corre per la possibilità di attacchi islamisti. Per fortuna, in tema di sicurezza, la situazione dell’Italia è molto lontana dai livelli di insicurezza di Belgio e Francia.

Quando si parla di efficacia delle misure di prevenzione in tema di antiterrorismo l’unico indicatore efficace è l’assenza di attentati. È un indicatore impalpabile perché quando si previene l’azione terroristica il risultato è una serie di “non eventi” difficilmente inquadrabili in termini statistici poiché se la prevenzione funziona “non succede niente”. L’Expo di Milano e il Giubileo di Roma erano ambedue eventi giudicati pericolosamente idonei ad attirare sul nostro Paese le attenzioni del jihadismo internazionale. Il fatto che non si siano registrati attentati, finora, non può essere considerato frutto dello “stellone” italiano. La fortuna non è una categoria da prendere in considerazione in sede di analisi della congiuntura storica. Lo “stellone”, se esiste, è stato sicuramente sostenuto e assistito da un apparato di sicurezza generale sicuramente più efficiente e affidabile di quelli messi in (cattiva) luce dagli attentati di Parigi e Bruxelles.

Non dimentichiamo che le nostre forze di polizia e i nostri servizi hanno alle spalle una lunga ed efficace esperienza operativa maturata durante decenni di lotta al terrorismo e alla mafia. A questa esperienza si affianca un complesso di misure e di norme che consentono agli apparati di sicurezza e alla magistratura di agire con un’efficienza neppure lontanamente paragonabile a quella di un apparato di sicurezza come quello belga reso inefficiente da una pluralità di centri di comando che spesso non dialogano anche per le incomprensibili e antistoriche rivalità tra fiamminghi e valloni (avete notato la ridicola doppia scritta “Politie”“Police” sui giubbotti dei poliziotti belgi?) e da norme inadatte a un Paese capace di costruire un ghetto musulmano come Molenbeek.

Come potenziare l’azione dei nostri servizi segreti

In Italia abbiamo forze di polizia bene attrezzate contro qualunque forma di delinquenza organizzata e capaci di esercitare un adeguato controllo del territorio. Tutto bene quindi? No. Ci sono dei problemi la cui soluzione potrebbe farci dormire sonni più tranquilli. I nostri servizi di informazione e sicurezza AISIAISEDIS sono ancora vittime di consolidati e diffusi pregiudizi che contribuiscono a minarne le capacità di intervento. La scarsa cultura di intelligence dei nostri legislatori li ha, forse per paura di un loro “eccesso di efficienza”, avviluppati in un complesso di norme che rendono la loro operatività molto problematica.

Ad esempio, per paura di chissà quale potenziale pericolo per la democrazia, ai servizi è vietato di utilizzare come fonti giornalisti, membri del clero, sindacalisti e via dicendo all’insegna di una correttezza politica che mal si concilia con l’esigenza di raccogliere “informazioni comunque disponibili utili alla tutela della sicurezza nazionale”.

Anche sul piano del budget i nostri apparati sono messi male: dei circa 800 milioni di euro stanziati annualmente dal governo per gli apparati di sicurezza, l’80% viene assorbito da stipendi e indennità e quello che resta difficilmente assicura livelli adeguati di operatività (le fonti e gli informatori costano).

Eliza Manningham-Buller, direttrice del servizio di sicurezza inglese MI5, dopo gli attentati dell’11 settembre, disse al primo ministro britannico Tony Blair: “Signor primo ministro si ricordi che un governo ha, in termini di sicurezza, quello per cui paga”. Lo stesso discorso vale per tutti gli apparati, anche per i nostri. Se vogliamo più sicurezza.

fonte:http://www.lookoutnews.it/terrorismo-servizi-segreti-italia-belgio/


 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.