Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Teologo Piana: in testo Ratzinger manovra contro Papa, intervista all'Ansa

Teologo Piana: in testo Ratzinger manovra contro Papa, intervista all'Ansa

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/04/2019 09:51
Il teologo Giannino Piana considera il testo "superficiale su abusi e '68, ingiusto su teologia morale"...

"Intanto, non soltanto dal punto di vista del linguaggio, ma anche riguardo all'uso di certe esemplificazioni, è un testo un po' fuori dall'ordine di riflessione del Papa emerito: e ci si chiede se questo è dovuto all'invecchiamento, o al fatto che Benedetto XVI sia circondato da persone che lo sfruttano per sostenere una posizione anti Papa Francesco". 

E' molto critica la lettura di un autorevole teologo, Giannino Piana, già docente di Etica cristiana all'Istituto Superiore di Scienze Religiose di Urbino e di Etica ed economia a Scienze politiche a Torino, ex presidente dell'Associazione italiana dei Teologi moralisti, del documento di papa Ratzinger sullo scandalo della pedofilia nella Chiesa.

"Mi suona come un tentativo di ridimensionare l'azione pastorale e dottrinale dell'attuale Papa - dice in un colloquio con l'Ansa -. Si ha l'impressione che dietro ci sia una manovra che va al di là del Papa emerito, che nasconda una serie di riferimenti, anche nel linguaggio, non appartenenti alla riflessione di Benedetto XVI come si è presentata in passato, qui in certi tratti anche banale e persino un po' volgare".

Piana si riferisce all'esempio della chierichetta violentata dal sacerdote che le diceva "questo è il mio corpo che è dato per te": "un riferimento volgare anche se tratta un aspetto gravissimo", osserva arrivando a chiedersi "quanto il Papa emerito è in grado di esercitare la responsabilità in senso pieno, o quanto ha lasciato fare, condividendo comunque la linea di chi usa tutto questo contro l'attuale Papa".

Piana rileva anche che "non si può collegare la pedofilia al '68" e che "un giudizio interamente in negativo di quel periodo è inaccettabile", non considerando aspetti come "la centralità della coscienza" o "l'attenzione alla liberazione della donna". "C'è una serie di fattori che vanno in direzioni diverse - osserva - e che portano ambivalenze: ci sono sia elementi negativi sia positivi, che sono però la maggioranza.

Nella stessa crisi dell'autorità, c'è l'aspetto positivo che va contro il potere incondizionato, e le ricadute negative nel caso di un'autorità legittima. E' molto superficiale un giudizio tutto in negativo, non in grado di cogliere la complessità".

Anche il verdetto ratzingeriano sul "collasso della teologia morale cattolica" nell'epoca del post-Concilio è, secondo Piana "immotivato, ingiustificato. Anche per gli esempi usati, i due teologi morali Bruno Schueller e Franz Boeckle". 

"Un giudizio complessivo apocalittico ingiusto", lo definisce, dato "mettendo in evidenza alcuni aspetti e radicalizzandoli". "Un giudizio implacabile, esagerato - rimarca ancora Piana a proposito della posizione di Ratzinger sulla teologia morale dell'epoca -, che non tiene conto della complessità delle situazioni. Dire che c'è un rifiuto morale dell'autorità delle gerarchie è gratuito: la teologia è sempre libera di fare riflessioni, che poi fanno anche da supporto alle decisioni. E che le norme non esistano più non è sostenibile, si veda ad esempio il caso della bioetica. 

E' tutto molto unilaterale, superficiale. Soprattutto l'accusa di fondo, che quella teologia morale abbia portato a una mancata condanna della pedofilia, è inaccettabile".

"La pedofilia è stata sempre duramente contestata dalla teologia morale - insiste Piana su uno dei punti che hanno fatto più discutere del testo di Benedetto XVI -. Nessun teologo moralista ha mai accettato la pedofilia: anzi, questo anche di fronte a un atteggiamento del Vaticano che era di non attenzione al problema, o quanto meno di non intervento".

Sempre più problematico diventa infine l'aspetto della "coabitazione" dei due Papi. "Avrei auspicato - afferma Piana - che date le dimissioni, atto di coraggio e serietà, Benedetto si allontanasse dal Vaticano. E' pericoloso per il governo della Chiesa diventare una possibile alternativa

Lui poi aveva promesso di ritirarsi nel silenzio e nella preghiera: e il silenzio si è rotto, soprattutto in questa circostanza, più pesante rispetto alle precedenti e in qualche modo occasionali, vedi il caso Viganò. Qui c'è anche uno spalleggiare la teologia pre-conciliare, che diventa anche una critica allo stesso Concilio. E' ormai una situazione abbastanza compromessa - conclude il teologo - quella che emerge da questa coabitazione". 

http://www.ansa.it/sito/videogallery/italia/2019/04/16/in-testo-benedetto-xvi-manovra-contro-francesco_67e15137-4691-4ada-9b62-904515ffe827.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.