Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Teologia della crisi: le riconciliazioni necessarie per il paese, di Pino Lorizio

Teologia della crisi: le riconciliazioni necessarie per il paese, di Pino Lorizio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/01/2021 10:12
Sanare le fratture con la natura, tra uomo e donna, tra generazioni, tra popoli, tra cittadini e istituzioni: ecco a cos'è chiamata l'Italia. Mentre la Chiesa deve riscoprire la centralità della Parola di Dio chinandosi maggioramente sui poveri…

L’analisi dei vescovi italiani, espressa dal presidente della Conferenza episcopale italiana nel Consiglio permanente di questi giorni, mette in luce le fratture provocate dalla pandemia, indicandole come frattura sociale, sanitaria ed educativa. Un’analisi lucida e decisamente condivisibile. Andando più in profondità, penso si possa e si debba affermare che la pandemia ha semplicemente “rivelato” lacerazioni già presenti nella società, nella cultura, nella politica di questo nostro ferito Paese. 

Già nel convegno ecclesiale del 2015 avevo cercato di mostrare come eravamo e siamo tuttora in un contesto di “alleanze infrante”. Forse potrà essere di una qualche utilità ricordarle in un momento così critico e decisivo per le nostre esistenze. È infatti il momento di “ricucire” strappi che hanno radici profonde, ma, che, se riusciamo a cogliere il momento favorevole (kairos) ed opportuno che la storia ci sta consegnando, possono aprirci ad una autentica “nuova normalità”. Piuttosto che a caccia di consensi, la “caccia della sapienza” (N. Cusano) dovrebbe animare quanti stanno cercando di uscire dall’impasse politico in cui si trova il Paese. Per questo è l’ora del progettare, non dell’evitare; della caccia alla sapienza, non al ruolo da mantenere o conquistare.

Erano e rimangono tali le “alleanze” da “riconciliare e custodire”. Anzitutto tra uomo e natura, leit-motiv dell’enciclica Laudato si', che chiama alla cura del creato e, al tempo stesso, a “ritrovare le radici umanistiche del progresso tecnico e tecnologico”. Di qui la necessità di adottare “atteggiamenti di rispetto e attenzione all’ambiente”, denunciando “incurie, prevaricazioni, sciatterie”, e di “progettare un futuro sostenibile per l’intera famiglia umana”. La pandemia ha di fatto reso ulteriormente evidente le conseguenze catastrofiche che questa frattura può produrre nel mondo e per l’uomo.

La seconda “alleanza” è quella tra uomo e donna. Di qui l’invito a sostenere e partecipare all’impegno di “associazioni, gruppi, iniziative” a tutela della dignità delle donne, e a denunciare vessazioni, disparità di cui sono spesso vittime. Anche rispetto alla frattura di tale alleanza la pandemia ha svolto un compito rivelativo e le cronache ce ne attestano la tragedia. La violenza che nuclei familiari hanno vissuto nel periodo del lockdown e ancora sperimentano resta un monito e un profondo motivo di angoscia e di apprensione per tutti noi.

Ancora: l’alleanza fra generazioni. A Firenze si diceva: “Non possiamo non preoccuparci profeticamente della rottura dell’alleanza generazionale”, allorché alcuni “assicurando a se stessi un futuro pensionistico remunerativo e precoce, hanno privato di sicurezza e di futuro i giovani”, né “ci possiamo esimere dal sollecitare politiche adeguate perché le giovani menti restino qui e non fuggano altrove”. E ora? Quanto debito stiamo accumulando sulla testa di figli e nipoti? Quando questi ora ragazzi e domani adulti leggeranno la storia, come giudicheranno questa generazione? E come si potrà recuperare il disagio educativo in atto?

L’alleanza infranta fra popoli, che gareggiano per assicurarsi dosi di vaccino, proprio mentre in Vaticano, un segno eloquente, ma disatteso dai più, si vaccinano i senza tetto, insieme ai funzionari di curia. Sarà un’occasione persa quella di riuscire a elargire cure e vaccinazioni a tutti e non solo a pochi privilegiati? E quale potrà essere il ruolo svolto dalle religioni e dalle confessioni cristiane nella sensibilizzazione rispetto a questa ineludibile urgenza?

In questi momenti risulta particolarmente critica la rottura dell’alleanza fra cittadini e istituzioni. Molti lo hanno detto e scritto: difficile comprendere i motivi di una crisi di governo in tale contesto! Eppure, nessuno dei protagonisti ha pensato al bene comune e ai cittadini, al loro lavoro, al loro quotidiano.

La Chiesa, intanto, sta vivendo una grande opportunità di incontro con Cristo, nei poveri, negli ammalati, nei delusi, nei morti, ponendosi nella condizione di recuperare la centralità della Parola di Dio, così come l’abbiamo celebrata la scorsa domenica e oggi l’ha riproposta papa Francesco nell’udienza. Da questo ascolto sorga un rinnovato impegno anche politico dei credenti e di laici sensibili e disponibili nelle tristi ore che stiamo attraversando.

 

https://www.famigliacristiana.it/articolo/don-pino-lorizio-la-teologia-della-crisi-le-riconciliazioni-necessarie-per-il-paese.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.