Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Tempi duri per la solidarietà e il servizio civile, di Rocco D’Ambrosio

Tempi duri per la solidarietà e il servizio civile, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/12/2021 09:42
Ci sono 22.458 opportunità di servizio civile che stanno rischiando di finire nel cestino. Si parla spesso di aiutare i giovani, ma in termini di risorse spesso ci sono molte carenze, come in questo caso…

Partiamo da una notizia, poco diffusa ma non per questo trascurabile, anzi. Il finanziamento del Bando Servizio Civile “butta” nel cestino 22.458 posti per volontari su 76.639, totale dei volontari previsti per progetti già approvati dal Ministero ma non finanziati.

Quindi ci sono 22.458 opportunità di servizio civile che stanno rischiando di finire nel cestino.

Questo l’assurdo dato che emerge dal decreto di finanziamento del prossimo bando relativo.

Infatti, a fronte di 76.639 posizioni valutate positivamente dal Dipartimento Politiche Giovanili e Servizio Civile Universale, risultano stanziate solo risorse per 54.181 volontari.

Gli Enti interessati – Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile, CSVnet, Forum Nazionale Servizio Civile, Forum Nazionale Terzo Settore, cioè l’intero mondo del Servizio Civile – chiedono alla Ministra Dadone, al Presidente Draghi e al Parlamento di evitare questo colossale spreco. Il servizio civile, sappiamo bene, non è e non può essere solo collocazione di giovani disoccupati ma è occasione di crescita per le/i nostre/i ragazze/i, in un servizio che si ispira alla solidarietà, alla cittadinanza attiva e all’impegno per la pace e la buona convivenza.

Sono molti i provvedimenti in Parlamento cui il Governo e i gruppi parlamentari possono attingere per trovare i circa 100 milioni necessari per impegnare 76.639 giovani; si parla spesso di aiutare i giovani, ma in termini di risorse spesso ci sono molte carenze, come in questo caso. Quella che manca è la volontà politica, anche se il nostro Paese è e resta fondato sulla solidarietà. Il Presidente Mattarella non si stanca di insegnarlo e di ripeterlo in tutte le occasioni. Tuttavia, non per tutti la solidarietà è bussola di riferimento: per alcuni parlamentari e membri dell’esecutivo è forse solo un richiamo retorico per interventi pubblici, non di più.

Tali attori politici, a mio personalissimo avviso, risentono molto di quella cultura solo retoricamente a favore della solidarietà. Cosa che succede in tutti quei Paesi dove si assiste a uno smantellamento (più o meno evidente) del Welfare State perché poco conveniente. In questi Paesi spesso i corpi intermedi si mobilitano solo per tutelare in maniera corporativa gli interessi dei propri iscritti; spesso i partiti politici operano solo per il conseguimento del potere e degli interessi individuali e non per il bene comune, e così via. Sono tutte dimostrazioni di una visione in cui ogni atto di cooperazione e solidarietà deve essere ricambiato. Le modalità di pagamento possono essere diverse: cognitive, emotive, materiali, sessuali, ritorni in termini di immagine, potere, protezioni e fama. Si pensi all’ipocrisia che accompagna atti di beneficenza di singoli e di gruppi, in cui sono stati calcolati, in maniera quasi maniacale, tutti i possibili guadagni e ritorni di quello che si sta donando o, si dovrebbe dire meglio, vendendo. Probabilmente i volontari del servizio civile sono ritenuti, da alcuni, poco adatti a dare “ritorni” di potere e immagine ad alcuni politici. Infatti, sono li non per un “ritorno” ma per un servizio.

Variante di questo pensiero è anche quella visione secondo cui qualsiasi atteggiamento di cooperazione e solidarietà è vissuto solo se a costo zero. In altri termini si accetta di non guadagnare niente e di non avere ritorni di alcun tipo, ma a condizione che l’altruismo non costi assolutamente niente. È come dire che si è generosi solo nella misura in cui oggetto della mia generosità è il superfluo o quanto è destinato ad essere buttato via. Se invece si tratta di risorse a me preziose (tempo, beni economici, potere) la mia generosità non può realizzarsi. Non ci vuole molto a spiegare l’assurdità di tale pretesa: non esiste atteggiamento di cooperazione e solidarietà che non costi qualcosa, anche se piccola e nascosta. La pratica della solidarietà a costo zero sta forse ispirando anche alcuni ministri? Di fatto già ispira alcuni ambienti che dovrebbero avere gli anticorpi per rigettarla, come alcuni settori del mondo cattolico e altri della sinistra politica.

Non va nemmeno dimenticato che il Terzo settore è stato investito dalla riforma Codice del Terzo Settore (prima decreto legge, DL 117/2017 e poi legge nel marzo 2021): un complesso di norme che ha ridisciplinato il no profit e l’impresa sociale. Ad oggi, l’intervento legislativo non è stato ancora completato. Quale indirizzo ha il Governo in materia, cioè relativamente alla riforma del Terzo Settore, ispirata da alcuni cattolici ed esponenti della sinistra? Non dimentichiamo che essa, di fatto privilegia i grandi enti (cattolici e laici) e trascura o pone in serie difficoltà i piccoli; fino all’assurdità – materia in discussione nella redigenda Legge di Bilancio – di chiedere la Partita Iva a piccole associazioni ed enti, che sono il cuore della solidarietà di questo Paese, molto spesso più delle grandi sigle che appaiono in tv e sui media; organizzazioni che sono diventate ormai gli “appaltatori” fissi dei servizi di solidarietà.

“Questo è quello che vorrei sottolineare ancora una volta – ha detto il Presidente Mattarella, al Palasermig di Torino, il 7.11.21 – le cose che appaiono impossibili non lo sono. È possibile purché vi sia iniziativa, fiducia, affidamento alla solidarietà. Per questo vorrei anche io ringraziare quelli che hanno contribuito a realizzare questa iniziativa: hanno dato un grande contributo, un grande esempio di come si vive insieme, di come si è, insieme, comunità”. 22.458 giovani (e tanti altri) si attendono “iniziativa, fiducia e solidarietà per non tradire il nostro Paese, ma farlo crescere come i Resistenti e Costituenti hanno testimoniato con la vita.

https://formiche.net/2021/12/tempi-duri-solidarieta-servizio-civile/

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.