Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Tassonomia sociale: in ritardo, ma si parte!, di Simone Siliani

Tassonomia sociale: in ritardo, ma si parte!, di Simone Siliani

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/09/2021 08:42
La Commissione europea ha presentato un documento di lavoro sulla tassonomia sociale, dopo aver lavorato sugli aspetti ambientali…

Con un discreto ritardo su quella ambientale, è partito il processo europeo per la definizione di una tassonomia sociale nell’ambito della strategia sulla finanza sostenibile. Il sottogruppo sulla tassonomia sociale costituito dalla Commissione europea ha partorito un documento di lavoro, attualmente sottoposto alla consultazione dei diversi stakeholders. Entro il 2021, sulla base del Regolamento (EU) 2020/852, la Commissione dovrà pubblicare una relazione che illustri le disposizioni necessarie per estendere l’ambito di applicazione del regolamento sulla tassonomia ambientale agli «altri obiettivi di sostenibilità, come quelli sociali».

Dunque, sebbene siamo nella tempistica prevista dalla norma, non sembra plausibile che una regolamentazione sulla tassonomia sociale veda la luce prima del 2023. Inoltre, il fatto che la tassonomia sociale sia concepita come una “estensione” di quella ambientale, comporta una serie di problematiche niente affatto banali.

Non tutto ciò che è verde è anche sociale

La prima, a nostro avviso, è che la dimensione sociale degli investimenti perde la sua autonoma valenza. Il rilievo delle questioni sociali negli investimenti finanziari non può essere subordinato a, o condizionato da, quelle ambientali. Infatti vi possono essere attività o prodotti e servizi perfettamente sostenibili sotto il profilo ambientale, ma estremamente dannosi o comunque insostenibili sotto quello sociale.

Un esempio è costituito dal settore della moda, dove i brand presentano un impegno e degli obiettivi (oltre che molto marketing) sulla sostenibilità ambientale. Tuttavia si dimostrano deboli nell’assicurare condizioni di lavoro e di retribuzione accettabili lungo tutta la filiera produttiva, o vengono violati i diritti sindacali.

Gli investimenti sociali sono necessari

In secondo luogo la metodologia individuata per definire la tassonomia ambientale presenta non pochi problemi applicativi su quella sociale.

È necessario considerare in modo integrato, se non tutti e tre gli ambiti ESG includendo anche la governance, almeno quello sociale e quello ambientale. Lo dimostra l’introduzione del documento Social Taxonomy. Vi si afferma infatti che «sono necessari enormi investimenti nella sostenibilità sociale per raggiungere i Sustainable Development Goals (Obiettivi di sviluppo sostenibile, ndr) delle Nazioni Unite». Il rapporto stima questa necessità in un range fra 3.300 e 4.500 miliardi di dollari l’anno. Considerando il livello attuale degli investimenti pubblici e privati, mancano per i paesi in via di sviluppo almeno 2.500 miliardi l’anno.

Il documento definisce criteri per identificare attività e servizi investibili per garantire paghe dignitose, comunità inclusive e sostenibili, sistemi di welfare e politiche abitative accessibili.

Il mandato della Commissione sulla tassonomia

Il mandato che il gruppo di lavoro ha ricevuto è duplice. Il primo è estendere la tassonomia agli obiettivi sociali per una normativa coerente con l’impostazione seguita nella tassonomia ambientale, ai sensi dell’art.16 del Regolamento 2020/852.

Il secondo, non meno importante, è consigliare la Commissione europea su come l’art.18 del Regolamento debba concretamente funzionare. Esso imponeva di definire le minime garanzie di salvaguardia affinché le imprese rispettino «le linee guida Ocse destinate alle imprese multinazionali e i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani». Questo secondo mandato è particolarmente rilevante per rispettare il principio «non arrecare un danno significativo», di cui all’articolo 2, punto 17, del Regolamento Ue 2019/2088.

Il documento motiva la necessità di investimenti nella sostenibilità sociale e nella transizione giusta e dà conto della crescita della domanda per investimenti socialmente orientati. Fra il 2009 e il 2017, in Europa, il settore degli investimenti realizzati con il criterio del best in class fra quelli fondati su un approccio ESG, è passato da 130 a 580 miliardi di dollari. Un aumento annuo del 20%. Una domanda che incontra una offerta in grande sviluppo. Il mercato dei social bondsecondo Bloomberg, è passato da 20 miliardi di dollari nel 2019 ai 147,7 nel 2020. Un trend in continua crescita stando a quanto riportato da Moody, che nel primo quadrimestre del 2021 registra una emissione di social bond per 90 miliardi di dollari.

Come misurare l’investimento sociale?

Il problema però registrato dal rapporto del Gruppo di lavoro tecnico è quello della definizione e della misurazione dell’investimento sociale. Per definire ed utilizzare standard sociali il Gruppo si riferisce ad una serie di documenti ufficiali di Nazioni Unite, OECD, ILO, Unione europea. E li articola in due dimensioni. La dimensione verticale, finalizzata alla promozione di standard adeguati di qualità della vita. Ciò include il miglioramento dell’accessibilità a prodotti e servizi di base (acqua, cibo, abitazione, sanità, educazione). Ma anche a infrastrutture economiche di base (trasporti, internet, elettricità, credito).

Poi vi è una dimensione orizzontale, il cui obiettivo è quello di promuovere impatti positivi ed evitare o gestire quelli negativi su diversi gruppi di stakeholders. I tre obiettivi generali sono: assicurare un lavoro dignitoso, promuovere gli interessi dei consumatori, attivare comunità inclusive e sostenibili. Ciascuno di questi tre ambiti dovrà includere dei criteri di misurazione validi per tutta la catena di valore.

Ora, la dimensione verticale include attività economiche la cui caratterizzazione sociale è intrinseca (cibo, acqua, abitazione, sanità, ecc.) e può essere relativamente semplice classificare o meno le diverse attività economiche sotto questa dimensione.

La dimensione orizzontale copre una quantità di settori abbastanza estesa, come per la tassonomia ambientale. Ma, a differenza di questa che stabiliva una priorità fra i settori in base al livello di emissioni di CO2 facilmente misurabile, qui parliamo di diritti umani universali. Come si fa a fissare una classifica di importanza fra diritti?

Ma anche la G di governance deve contare nella tassonomia

Infine, il documento affronta, per quanto ancora in modo superficiale, alcune problematiche relative alla G di governance. Ma i temi sono appena abbozzati e si riferiscono a soli due obiettivi: una governance sostenibile per le imprese e una pianificazione fiscale trasparente e non aggressiva delle aziende stesse. Del primo fanno parte temi come la tutela della diversità (di genere, di competenze, di esperienze e di background culturale) negli organi di governo e nel management, politiche di remunerazione legate agli obiettivi ambientali e sociali dell’impresa, anticorruzione, auditing, politiche di lobbying responsabili.

Nel secondo obiettivo sono invece compresi il country-by-country reporting e un più complessivo approccio verso la normativa fiscale vigente improntato alla trasparenza e alla correttezza. Ma sulla governance siamo ancora ben lontani anche dal delineare delle metodologie per definire criteri di valutazione degli investimenti.

La strada da percorrere è ancora lunga per fare della triade ESG integrata una bussola per orientare investimenti pubblici e privati. E soprattutto è irta di ostacoli e contraddizioni. Non è difficile immagina che ben presto assisteremo a tentativi di socialwashing, come è successo per l’ambiente. Ma quanto meno il viaggio è iniziato.

https://valori.it/tassonomia-sociale-in-ritardo-ma-si-parte/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.