Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Tasse e solidarietà nella società diseguale, di Franco Monaco

Tasse e solidarietà nella società diseguale, di Franco Monaco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/12/2020 09:54
Negli Stati moderni lo strumento princìpe si chiama fisco. Non ci raccontiamo, con enfasi, che la politica è una forma della carità? Salvo contentarsi di interpretare la carità come mera assistenza, filantropia, elemosina…

Vedi caso: quasi in solitudine, proprio su queste pagine, si è osato titolare «tassare i ricchi non è un’eresia». Nel mentre i giornali espressione di grandi gruppi economici ed editoriali elevavano muri contro il tabù della «patrimoniale». È bastato pronunciare la parola impronunciabile e puntuale è scattata la 'scomunica'.

Intendiamoci, a una discussione laica, cioè razionale e al riparo da pregiudizi, non hanno giovato genesi e metodo della proposta: un estemporaneo emendamento alla legge di bilancio, di fatto già archiviato, avanzato da qualche parlamentare più che altro come segnale politico, per marcare un posizionamento. 

L’esatto opposto di ciò che sarebbe necessario su una questione seria e complessa, che esige un’accurata elaborazione tecnica, politica, comunicativa. Risultato? Zero. Questione sbrigativamente rimossa per la gioia di un po’ tutti i partiti, refrattari a scelte 'impopolari'.

È indubbio che vi siano problemi. Tra i tanti: l’esigenza di un disegno organico di revisione del sistema tributario, la messa a punto di un’anagrafe patrimoniale, essenziale anche ai fini del contrasto all’evasione, la razionalizzazione ed unificazione di spezzoni di tasse sul patrimonio già vigenti (tipo Imu e ritenute sui depositi). Così pure è evidente che la cosa dovrebbe essere persuasivamente spiegata. 

Se avessimo una classe dirigente e un ceto politico autorevoli non dovrebbe essere difficile convincere i cittadini che è conveniente (oltre che eticamente e socialmente apprezzabile) il trade-off (lo scambio) tra un ragionevole sacrificio richiesto a una esigua minoranza di ricchi non solo a vantaggio dei più poveri, ma anche in cambio di altri e migliori servizi alla persona e alle famiglie. Il cosiddetto welfare (con in testa la sanità universale), la principale conquista del nostro modello sociale europeo.

Anni addietro un economista-umanista come Tommaso Padoa Schioppa fu irriso perché osò sostenere non che è piacevole pagare le tasse, ma che lo si dovrebbe fare con l’animo di chi apprezza il loro nesso con il patto che ci lega a una comunità solidale. Nel mentre altri, dal vertice delle istituzioni, rappresentava il prelievo fiscale con la metafora dello Stato che «mette le mani nelle tasche degli italiani».

Le motivazioni, mai come oggi, sono chiarissime:

1) con il prossimo esaurimento dei sussidi e del blocco dei licenziamenti si prospetta una impennata di povertà e disoccupazione, una situazione sociale drammatica ed esplosiva (si stima che i poveri potrebbero raggiungere i 15 milioni).

2) Allo stato, il nostro sistema tributario si concentra sul lavoro assai più che le rendite da patrimonio (e tertium non datur).

3) In Italia, più che altrove, da decenni si sono dilatate a dismisura le disuguaglianze tra ricchi e poveri e si è interrotta la mobilità sociale.

4) Da tutti gli studi risulta comprovato come a determinare la condizione economico- sociale e le disuguaglianze decisivo sia il patrimonio della famiglia di origine.

5) Solo nell’ultimo anno, a fronte del precipitare di milioni di connazionali nel disagio e nella povertà (ne sono testimoni le Caritas), sono schizzati in alto i risparmi privati di 1.700 miliardi, l’8% in più. Il che attesta che vi è chi può accantonare cospicue risorse, anche se ciò non giova alla ripresa, che necessiterebbe un loro smobilizzo in consumi e investimenti.

Queste considerazioni sono genuinamente laiche, suscettibili di essere considerate, se anche non condivise, da tutti, ai fini della 'vita buona' della società. Che non potrebbe reggere all’urto di una disperazione e di una rabbia sociale di proporzioni quali quelle che si prospettano. Spero tuttavia non suoni fuori luogo un cenno alla sensibilità più specifica dei buoni cristiani. Un tempo si evocavano i 'valori non negoziabili'. Mi domando se, non già la patrimoniale (se il problema è la parola, sostituiamola), ma uno strumento con il quale lo Stato, nell’attuale, drammatica congiuntura, operi uno scatto nella distribuzione tra chi ha molto e chi poco o nulla non abbia a che fare appunto con un principio impegnativo per la coscienza cristiana.

Negli Stati moderni lo strumento princìpe si chiama fisco. Non ci raccontiamo, con enfasi, che la politica è una forma della carità? Salvo contentarsi di interpretare la carità come mera assistenza, filantropia, elemosina. Io non dubito che ogni buon cristiano, su base volontaria, trovi il modo di aiutare qualcuno che ha bisogno. Ma c’è anche la politica (tributaria). 

Per farla breve: se non sarà la patrimoniale (comunque, ripeto, da elaborare come si conviene), sarà un’altra soluzione, ma qualcosa dobbiamo inventarci e soprattutto mettere in atto, non in tempi biblici. Non far nulla sarebbe un peccato di omissione. Chi altri se non i cristiani possono farsi carico delle «attese della povera gente» (La Pira) in un tempo nel quale le destre populiste radicalizzano quelle attese in paure e le sinistre laiche sembrano più sollecite per i diritti civili (individuali) che non per i diritti sociali e del lavoro?

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/questione-non-archiviabile

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.