Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Tangenti: così fan tutti (ma solo dove regna la corruzione), di Alberto Statera

Tangenti: così fan tutti (ma solo dove regna la corruzione), di Alberto Statera

creato da Denj — ultima modifica 15/09/2015 10:18
Quel che è certo è che in pochi dei paesi testati da Transparency International potrebbe capitare ciò che capita in Italia...

Senza certi comportamenti, all'estero non si vende nulla", dove "comportamenti" sta per tangenti. Questo è lo slogan enunciato da Berlusconi, che nel suo schieramento vanno ripetendo come un mantra negli ultimi giorni di campagna elettorale, dinanzi agli scandali di Finmeccanica-Agusta e Eni-Saipem. Antica convinzione del Cavaliere, per la verità non solo per gli ostici mercati internazionali, ma anche per quelli nostrani, visto che già tanti anni fa confessò candidamente che quando faceva il palazzinaro non avrebbe costruito neanche una monocamera a Milano se non si fosse presentato con la mazzetta "in bocca" (disse proprio così). Ergo, i magistrati e la stampa, che oggi "perseguitano" i più grandi gruppi nazionali per le stecche pagate all'estero, lavorano contro il loro paese e la sua economia. Smettano perciò d'impancarsi a verginelle e lascino lavorare i "campioni nazionali" come la Finmeccanica e l'Eni, che rischiano di perdere commesse per miliardi di dollari. Che il mercato degli armamenti nel quale opera la Finmeccanica sia particolarmente opaco e corrotto in quasi tutto il mondo dal sistema consolidato delle tangenti, è un fatto indiscutibile. Tanto che Transparency International ha stilato una classifica della corruzione nel settore industriale della difesa, giungendo alla conclusione che sugli 82 stati esaminati 57 sono ad alto rischio o addirittura in situazione critica. Tra questi, 19 sono in Africa e in Medio Oriente e vedono ai vertici Algeria, Egitto, Libia, Siria e Yemen. Altri 36 paesi sono tutt'altro che virtuosi. E tra questi, naturalmente, figura l'Italia, cui è attribuita una corruzione più o meno media. L'indice a livello C, ci colloca insieme a Brasile, Bulgaria, Colombia, Cile, Croazia, Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia. Meglio di noi, non solo l'Austria, la Norvegia, gli Stati Uniti, l'Inghilterra e Taiwan, ma persino il Sud Corea. Molto più virtuosi, a livello A, soltanto due paesi: la Germania e l'Australia. Con buona pace di Berlusconi, il quale sostiene che così fan tutti, compresa la Germania che invece dispone di meccanismi anti-corruzione efficaci. Quanto alla Finmeccanica, nell'indice di corruzione delle singole imprese di armamenti mondiali è anch'essa collocata nella fascia C, meglio della Fincantieri, che è addirittura nella fascia E. Ma mentre paesi ben meno contaminati di noi stanno cercando di innalzare sbarramenti più adeguati contro le tangenti, in Italia assistiamo a una campagna elettorale nella quale una parte tende a far passare la corruzione come un dato ineluttabile. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno scatenato l'FBI, che tra l'altro ha fatto pagare all'Eni una multa di 240 milioni di dollari per tangenti in Nigeria e ora è la volta della Saipem in Algeria. Quel che è certo è che in pochi dei paesi testati da Transparency International potrebbe capitare ciò che capita in Italia. E cioè che personaggi di discutibile reputazione, con gravi problemi o precedenti giudiziari vengano posti a capo di giganti industriali pubblici, per di più impegnati in settori ad alto rischio corruzione. Da noi, quando già si indagava sulla vendita degli elicotteri Agusta, l'ex ad Orsi è stato promosso per due volte in Finmeccanica. All'Eni è ad dal 2005 Paolo Scaroni, un signore già finito in carcere all'epoca di Tangentopoli e condannato a un anno e 4 mesi. Per quale delitto? Per tangenti. Alla faccia della reputazione.

 

fonte: www.repubblica.it, 18.02.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.