Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Svuota gli arsenali: vota la pace, di Lorenzo Montanaro

Svuota gli arsenali: vota la pace, di Lorenzo Montanaro

creato da Denj — ultima modifica 15/09/2015 10:23
Monsignor Giovanni Giudici presidente di Pax Christi interviene in vista delle elezioni ricordando alcune priorità: pace, non violenza, disarmo, stop agli F35 e all'export delle armi.

 

Pace, nonviolenza, disarmo, stop agli F-35 e all'export di armi. Temi scomodi, che faticano a trovar posto in una campagna elettorale sempre più incandescente. Ma per il movimento Pax Christi sono proprio queste le priorità irrinunciabili su cui riflettere. In vista dell'ormai imminente scadenza elettorale, monsignor Giovanni Giudici, presidente del movimento, lancia un appello forte e chiede a tutti (cominciando proprio dai candidati) un cambio di rotta: «svuotare gli arsenali e votare per la pace».
Per i cristiani la pace non è un'utopia generica, ma un cammino costante e un obiettivo da ricercare con il massimo impegno. L'esperienza della Chiesa vi si richiama continuamente, partendo dal cuore dei Vangeli («beati gli operatori di pace») per arrivare a documenti fondamentali del magistero. L'enciclica Pacem in Terris (di cui ricorre il cinquantenario) definisce la guerra "alienum a ratione" (cioè una follia). Impossibile poi dimenticare le parole che Giovanni Paolo II rivolse al corpo diplomatico nel 2003: «un sì alla vita e un no alla guerra, sconfitta dell'umanità».
Un tema impegnativo, ripreso appena pochi giorni fa (era il 7 gennaio) da Benedetto XVI, che ha voluto porre l'accento sulle «differenze tra pochi, sempre più ricchi, e molti irrimediabilmente più poveri». Riferendosi esplicitamente a questi cardini, monsignori Giudici invita i cittadini a non tirarsi indietro davanti alla responsabilità, visto che la ricerca della pace, seppur in modi diversi, coinvolge tutti.
Ed ecco gli impegni concreti che secondo Pax Christi dovrebbero dirigere l'azione politica nella prossima legislatura: «1. Un chiaro impegno per la pace, la nonviolenza e il ‘ripudio della guerra’, come dichiara l’art. 11 della nostra Costituzione. 2. La riduzione delle spese militari a partire dalla sospensione del progetto dei caccia F35, strumenti di morte che sottraggono ingenti risorse (quasi 15 miliardi di euro) ad altri bisogni vitali della gente. 3. La cancellazione della “riforma dello strumento militare italiano” approvata lo scorso mese di dicembre (un provvedimento che ha fatto molto discutere, suscitando critiche dalla società civile, ma anche da alcuni esponenti delle gerarchie militari, ndr.). 4. Uno stop alla corsa al riarmo, in forte aumento nell’Unione Europea, e un "no" alla vendita di armi, aumentata del 18% nel 2012, e indirizzata specialmente a Paesi in guerra come quelli del Medio Oriente, nonostante la legge 185/90».

 

fonte: www.famigliacristiana.it, 17.01.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.