Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Storia e fake news: la verità è la prima vittima di ogni guerra, di Massimo Nava

Storia e fake news: la verità è la prima vittima di ogni guerra, di Massimo Nava

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/02/2022 10:19
Da Elena di Troia in poi sono sempre stati utilizzati falsi pretesti per giustificare attacchi, invasioni, bombardamenti. Le menzogne sovietiche e poi russe. Gli interessi dei Paesi occidentali…

«In guerra la prima vittima è la verità». Dai tempi di Eschilo, la constatazione è stata reiterata da scrittori, politici e giornalisti al fronte per denunciare l’infernale miscela di propaganda e false reciproche accuse di cui si nutre un conflitto, con l’intenzione ovvia — come si vede in questi giorni in Ucraina — di condizionarne le sorti. Ma l’«uccisione» della verità comincia a ben vedere prima della guerra, serve da secoli a preparare il terreno delle ostilità e a giustificarne più o meno nobili ragioni, che si tratti di riportare a casa Elena di Troia o di recuperare un territorio o di soccorrere un popolo oppresso.

Da settimane, gli Stati Uniti diffondono report «segreti» sulla probabile invasione dell’Ucraina. Qualche riserva sarebbe stata legittima, se si ricordano le notizie sulle «armi di distruzione di massa» in possesso di Saddam Hussein, rivelatesi false, per stessa ammissione degli americani, a suo tempo argomento formidabile per giustificare l’intervento in Irak. Ma il riconoscimento, da parte di Mosca, delle regioni separatiste e il conseguente sconfinamento militare a «protezione» dei cittadini filo-russi ci dice quanto le accuse americane siano tanto vicine a una realtà che Putin continua a dissimulare con il vecchio leit motiv dell’«aiuto fraterno».

La storia non viene in soccorso della credibilità di Putin. Dall’Abkhazia alla Crimea, e ieri nel Donbass, è un susseguirsi di azioni unilaterali e «aiuti fraterni» che ricordano altri «aiuti fraterni» orchestrati da Mosca in passato, teorizzati per difendere la propria sfera d’influenza, al pari di Washington che inviava aiuti «fraterni» al Vietnam del Sud e ai mujaheddin in Afghanistan.

È vero, la Russia di Putin non è l’Urss di Breznev, ma sindrome d’accerchiamento (ieri Napoleone e Hitler, oggi la Nato) e ambizioni imperiali sembrano impresse nel Dna di una geopolitica. Trentatré anni dopo la caduta del Muro di Berlino, l’Est dell’Europa è ancora una minaccia o un ideale, a seconda dei punti di vista.

Breznev teorizzò che l’autonomia di Paesi e partiti «fratelli» aveva il suo limite nella non messa in discussione di patti militari e principi del socialismo. Fu così che nel novembre del 1956 l’Armata Rossa fu «invitata» in Ungheria per sostenere un governo «legittimo» minacciato da una rivolta «sostenuta dall’imperialismo». La storia dell’aiuto «fraterno» fu riprodotta in fotocopia nell’agosto del 1968 in Cecoslovacchia e un esito simile fu evitato nel 1981 in Polonia, ma «grazie» al colpo di Stato del generale Jaruzelski. In mezzo, ci fu un’altra invasione «fraterna», nel dicembre del 1979, per deporre il presidente afghano Amin, che peraltro aveva instaurato un regime comunista.

L’intervento «fraterno» che avrebbe cambiato la Storia non fu attivato nella Germania dell’Est per la decisione di Gorbaciov che, di fatto, accelerò il crollo del regime di Honecker e dette il via libera alla riunificazione tedesca. In quel contesto, il leader sovietico accettò lo smantellamento dell’Armata Rossa e l’ingresso di tutta la nuova Germania nella Nato, salvo pretendere che la Nato non si sarebbe mai avvicinata alle frontiere russe. Un impegno non scritto nel marmo, comunque disatteso.

Da allora, la Nato ha coltivato ambizioni di allargamento a Est e di intervento in vari angoli del mondo con motivazioni non proprio in sintonia con i principi dell’Alleanza: dal Kosovo alla Libia, dall’Iraq all’Afghanistan, con risultati giudicati già dalla cronaca, prima che dalla storia.

Quanto alle fake news preventive, diversi governi europei — al pari di americani e russi — non si sono fatti mancare nulla. In Bosnia, croati e serbi si dissero minacciati dalla maggioranza bosniaca-musulmana e così giustificarono interventi armati, secessionismo e massacri. La Francia del presidente Sarkozy promosse il bombardamento della Libia e l’eliminazione del dittatore Gheddafi, nella presunzione di sventare il massacro di un popolo e instaurare un regime democratico, ma con un occhio agli interessi della Total. 

La Serbia di Milosevic fu bombardata dalla Nato e l’intervento fu approvato dai governi italiano e tedesco. Le motivazioni furono politiche, più che giuridiche: la repressione in atto contro gli albanesi del Kosovo (definita genocidio) e la tesi che la Serbia rappresentasse una «minaccia» per l’Europa. Milosevic, per evitare le bombe, avrebbe dovuto concedere l’indipendenza della provincia secessionista e aprirsi alla Nato. E il Kosovo divenne un formidabile pretesto, nelle mani di Putin, per l’«indipendenza» della Crimea filorussa.

All’indomani della caduta del Muro di Berlino, lo storico americano Francis Fukuyama teorizzò «la fine della storia», immaginando un mondo pacifico grazie appunto alla fine della guerra fredda. Più che una fake news si rivelò una tragica illusione. Oggi, come ieri, il conflitto fra sovranità statuale e autodeterminazione dei popoli, condizionato da sfere di influenza e micidiale propaganda, resta drammaticamente d’attualità e in buona sostanza insolubile, salvo rimpiangere stabilità da guerra fredda e regimi. Almeno fino a quando l’aggettivo «fraterno» cesserà di essere un pretesto o una bugia.

https://www.corriere.it/editoriali/22_febbraio_22/storia-fake-news-verita-prima-vittima-ogni-guerra-df60b2aa-9412-11ec-b277-6e3576ab2932.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.