Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Stati Uniti, Iran e la guerra petrolifera, di Gabriele Moccia

Stati Uniti, Iran e la guerra petrolifera, di Gabriele Moccia

creato da Matteo L. ultima modifica 04/01/2020 18:42
L'uccisione del generale Suleimani ha sovvertito tutti gli scenari che gli analisti avevano prospettato per il mercato petrolifero nel 2020. Ecco cosa può succedere adesso

L’uccisione del generale iraniano Suleimani da parte degli Usa ha fatto ripiombare il mercato petrolifero in una fase di estrema volatilità, frantumando tutti gli scenari che gli analisti avevano prospettato per il 2020. Soltanto qualche giorno fa, il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birol, commentando la presentazione del World Energy Outlook, aveva dichiarato di non aspettarsi un aumento dei prezzi del petrolio nel breve periodo.

 Al contrario, il greggio subito dopo lo strike aereo statunitense di Baghdad è schizzato a massimi che non si vedevano da mesi. Il Wti è arrivato a 63,70 dollari al barile, persino più dei livelli raggiunti a metà settembre – quando furono attaccati sul suolo saudita gli impianti di raffinazione della più grande compagnia petrolifera del mondo, la Saudi Aramco – il Brent invece ha toccato quota 69,06 dollari al barile. Non sono pochi coloro che collegano la mossa americana di giovedì notte con gli attacchi avvenuti agli impianti petroliferi di Darhan dello scorso settembre, oltre che all’escalation che è avvenuta nella zona verde a Baghdad negli ultimi giorni. Attacchi quelli di Darhan, secondo Riad, uno dei principali alleati della Casa Bianca, portati avanti dai ribelli yemeniti Houti, molto legati alla politica di potenza iraniana che proprio il generale Suleimani stava perseguendo su tutto lo scacchiere Mediorientale.

 Un altro elemento di fibrillazione riguarda poi l’assenza di personale specializzato nei campi della produzione petrolifera irachena, visto che il Dipartimento di Stato americano ha ordinato l’immediata evacuazione di tutto il personale statunitense sul territorio. Il ministero del petrolio iracheno ha confermato che le condizioni nei campi petroliferi sono normali e stabili, ma c’è da aspettarsi un crollo nella produzione che a dicembre aveva raggiunto dei picchi record: circa 106 milioni di barili di greggio esportati, con ricavi superiori a 6 miliardi e 700 milioni di dollari.

 Sul medio-lungo periodo questa nuova crisi apre poi altri scenari. Non vi è dubbio, infatti, che, la strategia trumpista della dominanza energetica, passi anche dall’eliminazione di un attore petrolifero fondamentale come l’Iran. Nonostante le sanzioni, il regime degli ayatollah è riuscito a mantenere i suoi progetti di espansione energetica. Solo qualche giorno fa, la Iranian Offshore Oil Company ha comunicato l’intenzione di sviluppare i giacimenti di Siri, nel Golfo Persico, aumentando la produzione offshore di circa 85 mila barili al giorno. India e Cina continuano poi a comprare il greggio iraniano. Gli Usa vivono una fase di rinascita petrolifera, come dimostrano i nuovi investimenti annunciati nel bacino persiano, dove saranno costruiti altri cinque oleodotti capaci di potenziare l’usptream statunitense, ma hanno altrettanto bisogno di conquistare nuove quote di mercato per ripagare l’enorme debito che il settore petrolifero statunitense legato all’espansione dello shale gas e del tight oil ha contratto per sopravvivere alla crisi del cheap oil. Secondo le stime del Wall Street Journal, stiamo parlando di circa 200 miliardi di dollari in scadenza nei prossimi 4 anni, di cui 41 miliardi solo nel 2020. Nel 2015, a causa dell’incapacità di sostenere l’esposizione obbligazionaria sono fallite circa 200 compagnie americane e altre sono fortemente esposte sul mercato. Per questo motivo, la guerra di Trump ai pasdaran è anche una guerra per la sopravvivenza di una delle principali industrie del Paese.

[giornalista, docente di CuF, Roma] 

fonte:

https://www.ilfoglio.it/economia/2020/01/04/news/stati-uniti-iran-e-la-guerra-petrolifera-294957/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.